• Meno stress negli allevamenti grazie all'aromaterapia

    Print

    Stimolare l'olfatto degli animali con l'aggiunta di opportuni additivi nel cibo è la nuova strategia per ottimizzare la riproduzione

    Vacca da latte

    Lo stress fa vittime anche negli allevamenti. I suoi effetti sul metabolismo, sull'alimentazione e sulla riproduzione degli animali non sono trascurabili e a farne le spese sono anche la qualità e la sicurezza dei prodotti che arrivano nelle case dei consumatori. Una possibile soluzione al problema passa attraverso la stimolazione dell'olfatto degli animali. Diversi studi hanno infatti dimostrato che l'aggiunta di specifici composti aromatici ai mangimi contribuisce a ridurre la risposta allo stress e a regolare l'assunzione del cibo, con un impatto positivo sia a breve sia a lungo termine.

     

    Ad aver approfondito questo fenomeno sono stati i Laboratoires Phodé, produttori francesi di additivi per mangimi, che hanno messo a punto un complesso di molecole aromatiche specifiche di origine naturale, battezzato VéO, efficace nella riduzione dello stress. Aggiunto all'alimentazione delle vacche da latte, VéO aumenta la fertilità, la fecondità e la produzione di latte stessa, mentre durante l'allattamento riduce la perdita di peso delle scrofe, indipendentemente dal numero di suinetti.

     

    Nel caso delle vacche da latte l'effetto sulla fertilità può essere attribuito alle proprietà antistress del complesso, che riduce il rilascio degli ormoni dello stress, regolarizzando così anche la produzione degli ormoni della riproduzione. Gli esatti meccanismi alla base di questo effetto non sono ancora noti. Le possibili ipotesi includono l'attivazione dei meccanismi cerebrali che regolano il piacere, un effetto diretto dei principi attivi del complesso sulla trasmissione dei segnali di stress nel cervello (probabilmente a livello del sistema degli endocannabinoidi) e l'effetto delle proprietà antinfiammatorie di alcuni degli ingredienti del complesso.

     

    Qualunque sia il meccanismo reale, questo approccio rappresenta una soluzione naturale per ottimizzare la riproduzione delle vacche da latte e probabilmente anche di altri animali.

    Silvia Soligon 30-09-2013 Tag: allevamentistressfertilitàmangimiolfatto
Articoli correlati
  • Import-export: la situazione del primo semestre 2016

    Sulla base della elaborazione fatta da Assalzoo dei dati sull'import ed export diffusi dall'Istat per il primo semestre 2016 per i prodotti che più direttamente interessano il settore mangimistico e zootecnico nel suo complesso risulta la seguente...

    25-11-2016
  • Sostenibilità energetica per le industrie mangimistiche: l'impegno di ENEA

    In che modo è possibile ottimizzare i consumi energetici in un mangimificio per poter ridurre i costi? A cominciare da una periodica manutenzione delle attrezzature utilizzate fino all'adozione di strategie specifiche di sostenibilità energetica le...

    23-11-2016
  • Cereali, nel 2016 prodotti 2.571 milioni di tonnellate

    Nel 2016 la produzione cerealicola mondiale dovrebbe raggiungere i 2.571 milioni di tonnellate. Si tratta di una quantità superiore rispetto alle precedenti stime e più alta dell'1,5% rispetto a quella registrata nel 2015. È quanto emerge...

    21-11-2016
  • Usa, aumenta l'impiego del grano nella produzione di mangimi

    Grazie alla flessione dei prezzi, il grano dovrebbe essere il cereale più utilizzato negli Usa per la produzione di mangimi. È quanto emerge da un rapporto pubblicato dall'azienda statunitense CoBank, secondo cui nel 2016 saranno utilizzati 260...

    16-11-2016
  • L’offerta nazionale di carni nel 2016 : bilancio del 1° semestre

    La recente diffusione da parte Istat dei tradizionali risultati dell’indagine campionaria sulle consistenze di bovini, bufalini e suini riferiti al mese di giugno 2016, e la contemporanea disponibilità di dati per il 1° semestre 2016 sulle...

    14-11-2016