• Meno stress negli allevamenti grazie all'aromaterapia

    Print

    Stimolare l'olfatto degli animali con l'aggiunta di opportuni additivi nel cibo è la nuova strategia per ottimizzare la riproduzione

    Vacca da latte

    Lo stress fa vittime anche negli allevamenti. I suoi effetti sul metabolismo, sull'alimentazione e sulla riproduzione degli animali non sono trascurabili e a farne le spese sono anche la qualità e la sicurezza dei prodotti che arrivano nelle case dei consumatori. Una possibile soluzione al problema passa attraverso la stimolazione dell'olfatto degli animali. Diversi studi hanno infatti dimostrato che l'aggiunta di specifici composti aromatici ai mangimi contribuisce a ridurre la risposta allo stress e a regolare l'assunzione del cibo, con un impatto positivo sia a breve sia a lungo termine.

     

    Ad aver approfondito questo fenomeno sono stati i Laboratoires Phodé, produttori francesi di additivi per mangimi, che hanno messo a punto un complesso di molecole aromatiche specifiche di origine naturale, battezzato VéO, efficace nella riduzione dello stress. Aggiunto all'alimentazione delle vacche da latte, VéO aumenta la fertilità, la fecondità e la produzione di latte stessa, mentre durante l'allattamento riduce la perdita di peso delle scrofe, indipendentemente dal numero di suinetti.

     

    Nel caso delle vacche da latte l'effetto sulla fertilità può essere attribuito alle proprietà antistress del complesso, che riduce il rilascio degli ormoni dello stress, regolarizzando così anche la produzione degli ormoni della riproduzione. Gli esatti meccanismi alla base di questo effetto non sono ancora noti. Le possibili ipotesi includono l'attivazione dei meccanismi cerebrali che regolano il piacere, un effetto diretto dei principi attivi del complesso sulla trasmissione dei segnali di stress nel cervello (probabilmente a livello del sistema degli endocannabinoidi) e l'effetto delle proprietà antinfiammatorie di alcuni degli ingredienti del complesso.

     

    Qualunque sia il meccanismo reale, questo approccio rappresenta una soluzione naturale per ottimizzare la riproduzione delle vacche da latte e probabilmente anche di altri animali.

    Silvia Soligon 30-09-2013 Tag: allevamentistressfertilitàmangimiolfatto
Articoli correlati
  • In memoria di Enrico Martini 

    Da diversi anni Presidente di F.lli Martini & Co. Spa, holding del Gruppo Martini, Enrico Martini è venuto improvvisamente a mancare il 17 novembre 2014. Sposato con l’amata Ornella e padre di Annalisa e Filippo, Enrico Martini è stato...

    19-05-2015
  • Quadro normativo europeo sulla contaminazione dei cereali destinati all’alimentazione umana e animale

    I cereali sono alla base dell’alimentazione umana e animale nella maggior parte del mondo e sono una risorsa commerciale di rilievo globale. Per questo, gli attori coinvolti nella filiera cerealicola sono chiamati a garantirne la qualità e la...

    18-05-2015
  • Ricerca e sviluppo nel settore mangimistico: Italia e Serbia a confronto

    In diverse circostanze soprattutto in un contesto socio-economico come quello che stiamo attraversando si sente parlare di ricerca, sviluppo ed innovazione. Si tratta di tre termini complementari che indicano uno scenario sempre diverso e complesso a seconda dei...

    13-05-2015
  • Ogm, un'occasione mancata per l'agro alimentare italiano?

    Il tema è fra i più controversi nell'opinione pubblica. Tra ricercatori e associazioni di categoria, in molti lamentano la confusione che regna nei mass media e nell'informazione che spesso tratta con immotivato allarmismo le questioni relative...

    07-05-2015
  • Cani di razza, seguono lo stesso regime alimentare dei meticci

    I cani di razza, compresi quelli con pedigree, non devono seguire un'alimentazione diversa dai “bastardini”, anche se alcune razze necessitano di un regime alimentare specifico. A spiegarcelo è Giacomo Biagi, professore associato presso il...

    06-05-2015