• Meno stress negli allevamenti grazie all'aromaterapia

    Print

    Stimolare l'olfatto degli animali con l'aggiunta di opportuni additivi nel cibo è la nuova strategia per ottimizzare la riproduzione

    Vacca da latte

    Lo stress fa vittime anche negli allevamenti. I suoi effetti sul metabolismo, sull'alimentazione e sulla riproduzione degli animali non sono trascurabili e a farne le spese sono anche la qualità e la sicurezza dei prodotti che arrivano nelle case dei consumatori. Una possibile soluzione al problema passa attraverso la stimolazione dell'olfatto degli animali. Diversi studi hanno infatti dimostrato che l'aggiunta di specifici composti aromatici ai mangimi contribuisce a ridurre la risposta allo stress e a regolare l'assunzione del cibo, con un impatto positivo sia a breve sia a lungo termine.

     

    Ad aver approfondito questo fenomeno sono stati i Laboratoires Phodé, produttori francesi di additivi per mangimi, che hanno messo a punto un complesso di molecole aromatiche specifiche di origine naturale, battezzato VéO, efficace nella riduzione dello stress. Aggiunto all'alimentazione delle vacche da latte, VéO aumenta la fertilità, la fecondità e la produzione di latte stessa, mentre durante l'allattamento riduce la perdita di peso delle scrofe, indipendentemente dal numero di suinetti.

     

    Nel caso delle vacche da latte l'effetto sulla fertilità può essere attribuito alle proprietà antistress del complesso, che riduce il rilascio degli ormoni dello stress, regolarizzando così anche la produzione degli ormoni della riproduzione. Gli esatti meccanismi alla base di questo effetto non sono ancora noti. Le possibili ipotesi includono l'attivazione dei meccanismi cerebrali che regolano il piacere, un effetto diretto dei principi attivi del complesso sulla trasmissione dei segnali di stress nel cervello (probabilmente a livello del sistema degli endocannabinoidi) e l'effetto delle proprietà antinfiammatorie di alcuni degli ingredienti del complesso.

     

    Qualunque sia il meccanismo reale, questo approccio rappresenta una soluzione naturale per ottimizzare la riproduzione delle vacche da latte e probabilmente anche di altri animali.

    Silvia Soligon 30-09-2013 Tag: allevamentistressfertilitàmangimiolfatto
Articoli correlati
  • Mangimi medicati, si punta all'armonizzazione

    Armonizzare le norme europee dedicate alla fabbricazione, alla vendita e all'utilizzo dei mangimi medicati. Dopo 15 anni di lavoro a livello europeo è approdata nelle aule parlamentari la proposta del regolamento che sostituirà il precedente...

    14-01-2015
  • Enzimi nei mangimi: l'importanza dell'equilibrio nutrizionale

    Come ottenere i risultati migliori possibili aggiungendo enzimi ai mangimi? A spiegarlo è un seminario recentemente pubblicato sul web che ha sottolineato un aspetto fondamentale: non è possibile raggiungere il risultato ideale che porti alla...

    13-01-2015
  • Arrivano i mangimi bioinformatici

      Le biotecnologie si mettono al servizio anche della mangimistica. A tuffarsi nel settore è una start-up irlandese, Nuritas, che utilizza le tecnologie della bioinformatica per scovare peptidi dotati di una qualche azione biologica da utilizzare...

    12-01-2015
  • Mangimi, i piani della Fefac per il 2015

    La speranza di una ripresa, dopo l'allentamento dei prezzi degli ultimi mesi, ma anche l'attenzione puntata sugli stock, sui paesi emergenti e sulle tensioni commerciali, come l'embargo verso la Russia, che hanno messo in fibrillazione il sistema agroalimentare....

    07-01-2015
  • Mare e itticoltura, la ricchezza per il futuro

    Un promettente campo di studio è quello che vede protagoniste le microalghe. Un progetto dell'Università del Queensland, in Australia, sta, infatti, mettendo in campo un'alternativa concreta che si basa su mangimi derivati da microalghe. Si tratta...

    05-01-2015