• Allevamenti, negli Stati Uniti aumenta la domanda di soia

    Print

    Nell'annata 2011/12 ne è stato consumato 1 milione di tonnellate in più

    Farina di soia

    Gli allevamenti statunitensi sono sempre più avidi di soia: un recente report sulla domanda di questo legume nell'anno commerciale 2011/2012 ha calcolato che il consumo di farina di soia da parte degli allevamenti d'oltreoceano è aumentato di 1 milione di tonnellate, l'equivalente della farina ottenuta da 42 milioni di bushel di soia.

     

    Secondo lo studio nel periodo preso in considerazione gli allevatori di pollame, bestiame e pesce hanno utilizzato più di 30 milioni di tonnellate di farina di soia, corrispondenti a 1,26 miliardi di bushel di soia statunitense. I consumi maggiori sono quelli dei produttori di carne avicola e degli allevamenti suinicoli. In particolare, i polli destinati al consumo alimentare consumano circa 476 milioni di bushel di soia statunitense, le galline ovaiole 84 milioni di bushel, i tacchini più di 75 milioni di bushel e i maiali circa 410 milioni.

     

    Per massimizzare i profitti per tutti i coltivatori di soia gli investimenti sono al momento supervisionati dall'United Soyben Board. Se, infatti, l'aumento del consumo di farina di soia è una buona notizia per i suoi produttori – gli allevamenti consumano il 97% circa della farina di soia utilizzata negli Stati Uniti – non bisogna dimenticare che gli allevamenti statunitensi devono affrontare problemi come l'aumento del costo dei mangimi e la riduzione della domanda da parte dei consumatori. In questa situazione a rischiare non sono solo gli allevatori, ma anche i coltivatori di soia. “Il successo dell'industria della soia degli Stati Uniti dipende dalla forza dell'industria dell'allevamento statunitense”, spiega Mike Beard, allevatore suinicolo e coltivatore di soia di Frankfort (Indiana). “Il modo migliore in cui possiamo supportare i nostri clienti e assicurare che rimangano competitivi è con una soia della migliore qualità”.

    Silvia Soligon 09-12-2013 Tag: soiafarina di soiastati unitiallevamentimangimistica
Articoli correlati
  • Guerra dei dazi Usa Cina, protestano gli agricoltori statunitensi

    Gli agricoltori e produttori degli Stati Uniti contro il presidente Trump. Il nuovo capitolo della guerra commerciale tra Usa e Cina, con l’introduzione di ulteriori tariffe a partire da settembre, ha causato la reazione di alcune associazioni di...

    06-09-2019
  • Cereali, in rialzo le previsioni su produzione e consumi per l’anno prossimo

    Leggero aumento per il mais, grazie ai numeri incoraggianti previsti per gli Usa, stabile il grano, in calo la soia. L’International Grains Council ha rivisto le stime per la produzione delle principali colture per il 2019/2020 rispetto alle previsioni di...

    30-08-2019
  • Usa, in aumento le stime delle produzione di mais e grano per il 2019/2020

    Maggiore produzione e prezzi in calo per mais e grano, minore offerta per soia e riso. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha pubblicato i nuovi dati su domanda, offerta e commercio delle colture con le stime di agosto per la stagione...

    29-08-2019
  • Fefac sostiene l’impegno della Commissione Ue sulla deforestazione

    I produttori mangimi, cereali e semi, alimenti proteici e oli vegetali in difesa delle foreste. Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, Coceral, l’Associazione europea dei Produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d’oliva e oli,...

    29-07-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019