Home Attualità FAO, è record rincari: su i prezzi di zucchero e oli vegetali....

FAO, è record rincari: su i prezzi di zucchero e oli vegetali. Aumentano ancora i cereali

132
0

Aumentano i prezzi internazionali delle materie prime alimentari per il nono mese consecutivo. A febbraio è stata registrata una media di 116 punti, il 2,4% in più rispetto al mese precedente. I rincari maggiori riguardano le quotazioni dello zucchero e degli oli vegetali. A riferirlo è l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Cereali

L’indice dei prezzi dei cereali della FAO è stato in media superiore dell’1,2% rispetto a gennaio. I prezzi del sorgo sono aumentati del 17,4% nel mese, guidati dalla forte domanda in corso dalla Cina. I prezzi internazionali del mais, del grano e del riso sono rimasti stabili o sono leggermente aumentati.

La FAO ha anche pubblicato il Brief sull’offerta e la domanda di cereali, comprese le valutazioni aggiornate della produzione, del consumo, del commercio e delle scorte globali. Secondo alcune previsioni preliminari, è probabile che la produzione globale di grano nel 2021 aumenti e raggiunga un nuovo record di 780 milioni di tonnellate, poiché le aspettative di un rimbalzo della produzione nell’Unione europea hanno più che compensato le prospettive di produzione influenzate dalle condizioni meteorologiche per la produzione nella Federazione Russa. La produzione di mais in Sud Africa dovrebbe raggiungere livelli quasi record nel 2021, mentre la produzione in Sud America è prevista a livelli ben al di sopra della media. Il raccolto deve ancora essere piantato nei paesi a nord dell’equatore. Il Brief offre maggiori dettagli e valutazioni aggiornate. I punti salienti includono una stima nuova e più elevata per la produzione mondiale di cereali nel 2020, ora vista a 2.761 milioni di tonnellate, un aumento dell’1,9% rispetto all’anno precedente, aumentato da risultati superiori alle attese riportati per il mais in Africa occidentale, per il riso in India e raccolti di grano nell’Unione europea, in Kazakistan e nella Federazione Russa.

Le nuove proiezioni della FAO per il 2020/21 includono un aumento annuo del 2,0% dell’utilizzo globale di cereali a 2.766 milioni di tonnellate e una crescita del 5,5% del commercio mondiale di cereali a 464 milioni di tonnellate. Le scorte mondiali di cereali dovrebbero ora terminare il 2021 a 811 milioni di tonnellate, lo 0,9% al di sotto dei livelli di apertura, spingendo il rapporto stock / utilizzo al 28,6%. Si prevede che le scorte mondiali di riso e grano aumenteranno, mentre quelle dei cereali secondari diminuiranno.

Produzione e importazioni di cereali aumentano nei paesi con deficit alimentare a basso reddito

La Crop Prospects and Food Situation, una pubblicazione trimestrale della Divisione Mercati e Commercio della FAO, stima che la produzione cerealicola aggregata dei 51 paesi con deficit alimentare a basso reddito sia aumentata del 3,0% nel 2020 rispetto all’anno precedente, pari a 502,4 milioni di tonnellate, poiché le riprese in Africa meridionale e nel Vicino Oriente hanno superato il calo in Africa centrale. Tuttavia, si prevede che il fabbisogno aggregato di importazioni di cereali da parte del gruppo nella campagna di commercializzazione 2020/21 aumenterà a 74,1 milioni di tonnellate, con le sotto-regioni dell’Estremo Oriente e dell’Africa occidentale che registrano il maggior fabbisogno aggiuntivo.


Latte, prodotti caseari e carne

L’indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari della FAO è aumentato dell’1,7%, guidato dalle quotazioni delle esportazioni internazionali di burro, dove le forti importazioni dalla Cina hanno incontrato forniture limitate dall’Europa occidentale. I prezzi del formaggio sono diminuiti, in parte a causa delle elevate scorte negli Stati Uniti d’America. L’indice FAO dei prezzi della carne è aumentato dello 0,6%, spinto al rialzo dalle scarse forniture di carni bovine e ovine nelle principali regioni di produzione. Al contrario, le quotazioni dei prezzi della carne suina sono diminuite, sostenuta da una riduzione degli acquisti da parte della Cina in mezzo a forti eccessi di offerta e un aumento dei suini invenduti in Germania a causa del continuo divieto di esportazione verso i mercati asiatici.

Zucchero e oli vegetali, gli aumenti maggiori

L’indice dei prezzi dello zucchero della FAO è aumentato del 6,4% da gennaio, poiché il calo della produzione nei principali paesi produttori, insieme alla forte domanda di importazioni dall’Asia, ha suscitato continue preoccupazioni per le forniture globali più limitate. Le aspettative di una ripresa della produzione in Thailandia e di un raccolto eccezionale in India hanno frenato l’aumento. L’indice dei prezzi degli oli vegetali ha guadagnato il 6,2%, raggiungendo il livello più alto dall’aprile 2012. Aumentati anche i prezzi degli oli di palma, soia, colza e semi di girasole.

Foto: Pixabay