Home Eventi Fefac: per la zootecnia del futuro indispensabili innovazione e competitività

Fefac: per la zootecnia del futuro indispensabili innovazione e competitività

156
0
ac1c4ff8-a149-4ec9-adf1-5db3276f8bdb

Investire in un uso responsabile ed efficiente delle risorse; garantire la sicurezza e l’affidabilità della catena alimentare; promuovere un’industria dei mangimi e dell’allevamento che sia competitiva e innovativa. Sono questi tre, secondo la FEFAC, l’European Feed Manufacturers’ Federation, i punti cardine intorno a cui, nel prossimo futuro, dovrà girare la zootecnia europea affinché sia possibile sfruttarne tutte le potenzialità: è quanto ha affermato Ruud Tijssens, presidente FEFAC, nel discorso di apertura del 57° meeting annuale della FEFAC, “Greening the landscape for animal nutrition in Europe”, svoltosi a Liegi (Belgio) il 5 e 6 giugno scorsi.

“Le elezioni del Parlamento Europeo e la nuova Commissione europea – ha affermato Tijssens – forniranno l’opportunità per cambiare la mentalità politica nei confronti della filiera agro-alimentare europea, compreso il settore zootecnico, che rappresenta un patrimonio fondamentale per generare crescita economica e nuove opportunità di lavoro”. Un punto di vista che risulta condiviso da tutto il comparto agroalimentare europeo, che rappresenta circa 30 milioni di posti di lavoro nei 28 Paesi UE, che hanno recentemente pubblicato un manifesto con 18 concrete proposte politiche per promuovere l’innovazione e la sostenibilità nel settore zootecnico.

Tijssens spiega che il contributo della FEFAC si baserà su alcune azioni chiave: la sicurezza e l’affidabilità della catena alimentare saranno garantite favorendo l’applicazione delle nuove linee guida del Codex Alimentarius sulla valutazione del rischio per la sicurezza dei mangimi, valide a livello globale, e promuovendo un gruppo di lavoro permanente USA-UE sulla sicurezza dei mangimi; la competitività e l’innovazione dell’industria dei mangimi e dell’allevamento saranno tutelate mediante il monitoraggio dei prezzi delle materie prime provenienti da USA e da UE; l’uso responsabile ed efficiente delle risorse nel settore zootecnico, infine, sarà garantito attraverso diverse iniziative, tra cui la partecipazione a progetti di ricerca e sviluppo su produttività

Fotolia: © underworld Fotolia.com

m.c.