Home Attualità I rischi del Farm to Fork in una ricerca dell’Usda

I rischi del Farm to Fork in una ricerca dell’Usda

414
0

La strategia Farm to Fork avrà effetti collaterali su produzione e prezzi dei prodotti, con conseguenze anche sull’aumento dell’insicurezza alimentare. A rivelarlo sono i ricercatori del Servizio di ricerca economica (ERS) del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti d’America (USDA) che hanno recentemente valutato i potenziali impatti del nuovo programma made in Europe. L’iniziativa prevede restrizioni nell’uso di determinati input agricoli nella produzione dell’UE entro il 2030 e si impegna a utilizzare le politiche commerciali della Commissione europea per promuovere una visione della sostenibilità nell’agricoltura, con potenziali implicazioni anche al di fuori dei Paesi dell’UE. Nell’ambito di un più ampio Green Deal, queste iniziative politiche richiederebbero la riduzione dell’uso di fertilizzanti (20%), pesticidi (50%), antimicrobici (50%) e la rimozione dei terreni dall’uso agricolo (10%) entro il 2030.

Lo studio USDA
Queste riduzioni mirate degli input agricoli potrebbero avere un impatto sui prezzi dei prodotti alimentari in almeno tre modi. In primo luogo, i costi di produzione potrebbero aumentare poiché gli agricoltori sostituiscono il lavoro con altri input. In secondo luogo, la produzione agricola potrebbe diminuire a causa di un minor numero di input utilizzati. Inoltre, i prezzi sul mercato internazionale potrebbero aumentare a causa della contrazione dell’offerta disponibile e della domanda alimentare anelastica. Questi costi crescenti potrebbero incidere sui bilanci dei consumatori e, in ultima analisi, ridurre il prodotto interno lordo (PIL) mondiale e, di conseguenza, aumentare il numero di persone con insicurezza alimentare nelle regioni più vulnerabili del mondo.

Nella coltivazione di colture e altri prodotti agricoli primari, gli agricoltori utilizzano terra, manodopera, capitale (come trattori e altri macchinari) e altri input come sementi, fertilizzanti e pesticidi. Per compensare le riduzioni degli input, altri input come il lavoro potrebbero essere usati come sostituti. Pratiche di gestione nuove e aggiuntive, come metodi alternativi per il controllo delle infestanti e dei parassiti, potrebbero anche bilanciare la riduzione degli input, ma questi spostamenti delle risorse possono sia aumentare i costi di produzione che influire sulla produzione.

Produzione agricola
Nello scenario con l’UE da sola che adotta le misure, la sua produzione agricola diminuirebbe del 12%. Le riduzioni nell’UE si tradurrebbero in una diminuzione della produzione mondiale dell’1%. Negli Stati Uniti, la produzione di alcune materie prime potrebbe aumentare, ma sarebbe quasi interamente compensata dalla riduzione della produzione di altre materie prime, con una crescita dell’agricoltura totale inferiore allo 0,5%. Lo stesso effetto si verificherebbe nello scenario intermedio, in cui la produzione agricola statunitense rimarrebbe generalmente piatta. Nello scenario di adozione globale delle strategie di riduzione degli input dell’UE, i volumi di produzione alimentare e agricola a livello mondiale potrebbero diminuire fino all’11%. Gli Stati Uniti potrebbero assistere a una diminuzione della produzione alimentare e agricola del 9% in questo scenario.

Prezzi
Un calo della produzione agricola si tradurrebbe in una riduzione della disponibilità di mercato dei prodotti agricoli, con conseguenti aumenti dei prezzi che in ultima analisi incidono sui bilanci dei consumatori. Il modello ERS mostra che una riduzione degli input agricoli imposta dall’UE avrebbe l’effetto più immediato nell’UE, dove si prevede che i prezzi dei prodotti alimentari aumenteranno del 17% in questo scenario. Con l’aumento dei prezzi dell’UE e le ripercussioni sui loro scambi con il resto del mondo, un effetto di ricaduta farebbe aumentare i prezzi anche in altre regioni. I prezzi del cibo negli Stati Uniti potrebbero aumentare del 5%, mentre i prezzi alimentari globali potrebbero aumentare del 9%. Tuttavia, gli aumenti del costo del cibo sarebbero significativi per la maggior parte delle regioni nello scenario in cui le misure di restrizione degli input sono adottate a livello globale, con i prezzi del cibo in tutto il mondo che crescono dell’89%. Per gli Stati Uniti, in questo scenario globale, i prezzi dei prodotti alimentari potrebbero aumentare del 62%. Allo stesso modo, i prezzi dei prodotti alimentari nell’UE potrebbero aumentare del 53%.

Import e export
Poiché l’UE è uno dei principali partecipanti al commercio agricolo internazionale, queste politiche proposte potrebbero anche portare a una riduzione del commercio globale. Una riduzione della produzione agricola dell’UE e un aumento dei costi di produzione potrebbero ridurre la sua competitività sui mercati di esportazione in tutti e tre gli scenari, e aumentare le importazioni agricole dell’UE se l’UE non impone ulteriori restrizioni commerciali. Se politiche simili vengono perseguite da Paesi al di fuori dell’UE, potrebbero verificarsi risultati simili: minore produzione agricola e prezzi più elevati. Nello scenario globale, il commercio agricolo mondiale potrebbe diminuire del 4%.

La diminuzione della produzione agricola, la riduzione dei volumi degli scambi e il previsto aumento dei prezzi delle materie prime alimentari potrebbero avere un impatto sul PIL nell’UE e a livello globale. Un mandato politico imposto solo dall’UE ridurrebbe il PIL dell’UE di 71 miliardi di dollari ma, a causa degli effetti secondari legati ai prezzi e al commercio, ridurrebbe anche il PIL mondiale di 94 miliardi di dollari. Tuttavia, le diminuzioni del PIL potrebbero essere più significative se le restrizioni di input fossero adottate a livello globale. Il PIL diminuirebbe di 133 miliardi di dollari nell’UE e di 1,1 trilioni di dollari nel mondo se le misure fossero attuate su scala globale. L’impatto sul PIL degli Stati Uniti sarebbe relativamente inferiore a quello dell’UE in tutti gli scenari di adozione.

La fame nel mondo
L’insicurezza alimentare, misurata come il numero di persone che non hanno accesso a una dieta di almeno 2.100 calorie al giorno, aumenta in modo significativo nei 76 Paesi a basso e medio reddito studiati in tutti gli scenari. L’aumento dei prezzi delle materie prime alimentari e il calo del reddito causerebbero un’ulteriore insicurezza alimentare oltre le attuali proiezioni dell’USDA, in particolare in Africa. Entro il 2030, il numero di persone con insicurezza alimentare aumenterebbe di altri 22 milioni in caso di adozione esclusivamente nell’UE, come si vede nel grafico sopra. Con un’implementazione globale delle strategie di riduzione dell’input, altri 185 milioni di persone non sarebbero in grado di accedere al livello calorico medio necessario per sostenere uno stile di vita sano e attivo.

Foto: ©Superingo_Fotolia