Home Attualità Onu, approccio One Health per contrastare l’antibiotico-resistenza

Onu, approccio One Health per contrastare l’antibiotico-resistenza

323
0

Affrontare la crescente minaccia dell’antibiotico-resistenza. Chiede un’accelerazione il presidente della 75a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, H.E. Mr. Volkan Bozkır. Se ne parlerà durante il Dialogo interattivo ad alto livello dell’Assemblea Generale sull’Antibiotico-resistenza, dove leader mondiali, esperti delle Nazioni Unite, imprese e società civile, dovrebbero discutere i passaggi pratici per combattere il fenomeno all’interno dei piani di ripresa del Covid-19.

L’approccio One Health riconosce i forti legami tra esseri umani, animali e ambiente. La resistenza antimicrobica si verifica quando batteri, virus, funghi e parassiti cambiano nel tempo e sviluppano resistenza ai farmaci. L’impatto è devastante. Gli antibiotici e altri medicinali antimicrobici diventano inefficaci e le infezioni diventano sempre più difficili o impossibili da trattare. Ciò aumenta il rischio di malattie gravi e morte per esseri umani, animali e piante.

La resistenza antimicrobica è una pandemia crescente e sfida la realizzazione efficace degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG). Attualmente, almeno 700.000 persone muoiono ogni anno a causa di malattie resistenti ai farmaci. Se non viene intrapresa alcuna azione, le malattie resistenti ai farmaci potrebbero causare 10 milioni di morti ogni anno entro il 2050 e danni all’economia catastrofici come la crisi finanziaria globale del 2008-2009. Entro il 2030, la resistenza antimicrobica potrebbe costringere fino a 24 milioni di persone alla povertà estrema.

La resistenza antimicrobica è la pandemia invisibile che ignoriamo a nostro rischio e pericolo. Le misure per affrontare la resistenza antimicrobica devono essere centrali per la futura preparazione alla pandemia e per i piani di recupero del Covid-19. L’approccio One Health ci aiuterà a riconoscere meglio le interconnessioni tra persone, animali, piante, e il nostro ambiente condiviso in modo da poter rendere il nostro mondo più sano per tutti”, ha affermato Volkan Bozkir, presidente dell’Assemblea generale.

Gli Stati membri presenteranno un invito all’azione ambizioso e orientato all’azione, con l’obiettivo di rafforzare le azioni multisettoriali per affrontare la resistenza antimicrobica attraverso l’approccio One Health e per realizzare l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

La resistenza antimicrobica è probabilmente una delle minacce più complesse alla sicurezza sanitaria globale, alla sicurezza alimentare e alla sicurezza alimentare. Guardando alla resistenza antimicrobica attraverso le lenti della sicurezza alimentare, l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) prevede un aumento del 45% della domanda di proteine ​​animali da parte di 2050 e in molte regioni, la resistenza antimicrobica nei parassiti animali sta aggiungendo nuove sfide alla produzione animale. Dobbiamo affrontare la doppia sfida di soddisfare la domanda di proteine ​​animali riducendo i rischi di resistenza antimicrobica”, ha affermato QU Dongyu, Direttore generale della FAO.

“Il Covid-19 ha chiaramente evidenziato quali rapidi progressi possono essere compiuti quando c’è una volontà politica e intraprendenza abbastanza forti e l’entità dei rischi che tutti dobbiamo affrontare quando questo manca. Dobbiamo assicurarci di organizzare i più alti livelli possibili di volontà politica e intraprendenza per combattere la persistente minaccia della resistenza antimicrobica”, ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) Monique Eloit ha aggiunto: “La promozione di buone pratiche di salute animale è essenziale per contribuire allo sforzo globale per contrastare la resistenza antimicrobica. La banca dati globale dell’OIE sugli agenti antimicrobici destinati all’uso negli animali indica un incoraggiante tendenza verso una riduzione della quantità di antimicrobici utilizzati negli animali da produzione alimentare. Per avere un impatto sostenibile One Health dobbiamo investire e rafforzare la capacità in modo equo in tutti i settori e sostenere l’uso prudente e responsabile degli antimicrobici nel settore della salute animale per mantenerne l’efficacia di questi importanti medicinali”.

Foto: © branex_Fotolia