Home Attualità L’eradicazione della peste bovina mette in luce il valore dei vaccini

L’eradicazione della peste bovina mette in luce il valore dei vaccini

216
0

Per secoli, le epidemie di peste bovina hanno causato la morte di milioni di bovini, bufali, yak e animali selvatici in Africa, Asia ed Europa. Queste epidemie hanno significato carenze alimentari continue con conseguenti fame, disordini economici e sociali. Decenni di sforzi da parte di governi e organizzazioni locali, sostenuti dall’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) e dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), hanno portato all’eradicazione della peste bovina attraverso campagne di vaccinazione di massa del bestiame. La vittoria globale su questa devastante malattia è stata dichiarata nel 2011, dieci anni dopo che l’ultimo caso era stato segnalato all’OIE.

Verso una migliore governance della salute degli animali

Al di là del notevole successo dell’eradicazione globale della peste bovina, ciò che è stato appreso andrà a beneficio delle generazioni a venire. La lotta contro la malattia ha accelerato l’istituzione di servizi veterinari nazionali in numerosi Paesi, nonché per la fondazione di molte scuole veterinarie. In Asia, l’Indian Veterinary Research Institute è stato fondato nel 1913 per sviluppare un vaccino contro la peste bovina, mentre in Africa, il Pan African Veterinary Vaccine Center dell’Unione Africana (AU-PANVAC) ha iniziato ad operare nel 1986. Su scala globale, la devastazione causata dalla malattia fu l’impulso per la creazione dell’Office International des Épizooties (OIE) nel 1924, che in seguito divenne l’Organizzazione mondiale per la salute animale. Queste strutture, istituzioni e organizzazioni hanno posto le basi importanti per gli odierni sistemi di governance della salute animale.

Ad oggi, l’eradicazione della peste bovina rimane una pietra miliare senza precedenti nella storia della salute degli animali. L’unica impresa comparabile nel campo della salute pubblica è l’eradicazione del vaiolo negli anni ’80. Seguendo la strada tracciata dalla peste bovina e dal vaiolo, altre malattie infettive sono ora mirate all’eradicazione, come la rabbia umana mediata dai cani e la poliomielite negli esseri umani e la peste dei piccoli ruminanti (PPR) negli animali.

I vaccini stanno aprendo la strada all’eradicazione della PPR entro il 2030

La comunità internazionale punta ora a debellare la peste dei piccoli ruminanti (PPR) entro il 2030. La malattia colpisce pecore e capre in circa 70 paesi, principalmente in Africa, Asia e Medio Oriente, dove vive l’80% di questi animali.

Questi ruminanti sono principalmente di proprietà di allevatori familiari, che si affidano a loro per il cibo e altri prodotti, come lana e pelle. I piccoli ruminanti fungono anche da assicurazione per il fallimento del raccolto e la siccità. Contribuiscono alla sicurezza alimentare, ai mezzi di sussistenza, allo sviluppo economico nazionale e al benessere generale di circa 330 milioni di persone. Tra questi, molte sono donne, le cui entrate sono fondamentali per l’alimentazione e l’istruzione dei loro figli, nonché per il loro potere generale. L’eliminazione della PPR rappresenterebbe quindi un contributo fondamentale alla protezione dei piccoli proprietari terrieri, degli agricoltori e dei loro mezzi di sussistenza.

Il virus PPR appartiene alla stessa famiglia di quello responsabile della peste bovina. Pertanto, numerose lezioni apprese dall’eradicazione della peste bovina possono essere applicate agli sforzi di eliminazione della PPR. Poiché i vaccini PPR sono disponibili e possono indurre un’immunità protettiva per tutta la vita, la vaccinazione è uno degli strumenti chiave identificati all’interno della strategia globale di controllo ed eradicazione.

La vaccinazione: una pietra angolare del controllo e dell’eradicazione delle malattie infettive

Nel campo della salute degli animali, la vaccinazione ha consentito un aumento della produzione, animali più sani e un migliore ritorno sull’investimento per gli imprenditori. Nel caso della peste bovina, la battaglia contro la malattia ha accelerato lo sviluppo di un vaccino sicuro ed economico. Con il vaccino a disposizione è stato quindi possibile lanciare campagne di vaccinazione su larga scala nelle regioni colpite.

Sebbene inizi ad assomigliare a un lontano ricordo, la peste bovina rimane una potenziale minaccia a causa del rischio di fuga, o rilascio deliberato, del virus dagli istituti che conservano materiali pericolosi. L’OIE e i partner hanno posto l’accento sulla prevenzione di un potenziale riemergere e sulla preparazione per mitigarne le conseguenze, qualora si verificassero. Le riserve di vaccini della peste bovina per uso globale forniscono una rete di sicurezza e sono un elemento centrale del Piano d’azione globale della peste bovina. Come risultato dell’esperienza di eradicazione della peste bovina, la distribuzione di vaccini affidabili per la PPR e la loro inclusione nelle banche di vaccini sono azioni prioritarie.

L’eradicazione della peste bovina è una testimonianza del ruolo svolto dalla vaccinazione e dalla collaborazione multilaterale nella protezione della società dagli effetti delle malattie infettive. Emergeranno nuove minacce per la salute, mentre quelle vecchie potrebbero riapparire. Bisogna rimanere vigili.

Foto: ©Sven_Grundmann-Fotolia.com