Home Attualità Obiettivi di sviluppo sostenibile, il cronoprogramma della Fao

Obiettivi di sviluppo sostenibile, il cronoprogramma della Fao

199
0

Intensificare gli sforzi in tema di ambiente e sicurezza per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) delle Nazioni Unite entro il 2030. E’ quanto ribadito nel nuovo rapporto pubblicato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Benché nel prossimo decennio si prevedano progressi verso il conseguimento degli OSS, le interruzioni causate dall’emergenza Covid nel corso dell’anno hanno allontanato il traguardo. Tale situazione richiede un’attenzione urgente ai fattori e alle forze che guidano l’andamento dei sistemi agroalimentari.

Il rapporto congiunto Prospettive agricole OCSE-FAO 2021-2030 fornisce ai decisori politici una valutazione concertata delle prospettive decennali per 40 principali prodotti agricoli e ittici a livello regionale, nazionale e mondiale. Inoltre, analizza i fattori di rendimento nei mercati agroalimentari e concorre a produrre elementi utili per un’analisi e una pianificazione lungimiranti delle politiche. Le previsioni di base contenute nel rapporto descrivono le tendenze attese ed evidenziano gli ambiti in cui sono necessari interventi aggiuntivi per conseguire gli OSS.

Garantire la sicurezza alimentare e un’alimentazione sana per una popolazione in crescita a livello mondiale continuerà a essere problematico. Nei prossimi 10 anni si prevede, sia pure a un tasso rallentato rispetto allo scorso decennio, un aumento annuo dell’1,2% della domanda mondiale di prodotti agricoli. A influenzare la futura domanda saranno l’andamento demografico, la sostituzione delle carni rosse al pollame nei Paesi ricchi e a medio reddito, un’impennata del consumo pro capite di prodotti lattiero-caseari in Asia meridionale.

Decisivo garantire una crescita sostenibile della produttività

Migliorare la produttività sarà fondamentale per nutrire in maniera sostenibile una popolazione mondiale in crescita. Secondo le previsioni raggiungeremo gli 8,5 miliardi di persone entro il 2030. Degli aumenti nella produzione agricola mondiale previsti nel 2030, l’87% verrà da un incremento della resa, mentre il 6% dall’espansione dell’uso dei terreni e il 7% da un’intensificazione delle colture agricole. Nel settore dell’allevamento e in quello ittico una percentuale importante dell’espansione produttiva attesa proverrà da un incremento della produttività. Benché si ritenga che nelle economie emergenti e nei Paesi a basso reddito un contributo significativo alla crescita della produzione animale verrà dall’aumento delle mandrie.

Gli scambi commerciali continueranno ad essere fondamentali per garantire la sicurezza alimentare e i redditi delle aziende agricole, nonché per far fronte alla povertà rurale. In tutto il mondo in media circa il 20% dei prodotti consumati a livello nazionale è frutto di importazione. Nel 2030 le importazioni dovrebbero rappresentare il 64% del consumo domestico totale in Medio Oriente e nell’Africa settentrionale. Inoltre, si prevede che l’America latina e la regione dei Caraibi esporteranno più di un terzo della loro produzione agricola complessiva.

“Abbiamo l’opportunità unica di incanalare il settore agroalimentare su un percorso di sostenibilità, efficienza e resilienza,” sostengono il Segretario Generale dell’OCSE, Matthias Cormann, e il Direttore Generale della FAO, QU Dongyu, nella prefazione delle Prospettive agricole. “Senza nuovi interventi in campo, l’obiettivo Fame Zero non sarà raggiunto e le emissioni di gas a effetto serra dal settore agricolo aumenteranno ulteriormente. Il provvedimento più urgente è una trasformazione dei sistemi agroalimentari”.

Le previsioni del prossimo decennio

Secondo le previsioni, nei prossimi 10 anni le emissioni di gas a effetto serra dal settore agricolo a livello mondiale cresceranno del 4%. Perlopiù in conseguenza dell’espansione della produzione animale, nonostante si attenda nello stesso periodo un calo significativo delle emissioni per unità di emissione (intensità di carbonio della produzione).

Da qui al 2030 la disponibilità aggregata di prodotti alimentari è destinata a crescere del 4% in tutto il mondo, fino a raggiungere poco più di 3000 calorie a testa al giorno. Per quanto riguarda il consumo pro capite, l’incremento più rapido tra i principali gruppi alimentari è previsto per i grassi. La causa è ascrivibile al consumo di alimenti trasformati e di alimenti preparati pronti, nonché della crescente tendenza a mangiare fuori casa. Due fenomeni legati all’urbanizzazione in atto e all’aumento delle donne nella forza lavoro. La perdita di reddito e l’inflazione dei prezzi dei generi alimentari conseguenti alla pandemia di Covid-19 stanno rafforzando questa tendenza.

Nei Paesi ad alto reddito non si prevedono incrementi significativi della disponibilità di cibo pro capite, che si attesta già a livelli elevati. Nonostante ciò, l’aumento dei redditi e le variazioni delle preferenze dei consumatori favoriranno il passaggio dai prodotti di base e dagli edulcoranti agli alimenti di più alta qualità.

Nei Paesi a basso reddito è atteso un incremento della disponibilità di cibo del 3,7%, pari a 89 calorie al giorno per persona. Le difficoltà economiche provocheranno un rallentamento del consumo di prodotti animali, frutta e ortaggi. A fronte della contrazione dei redditi, il consumo pro capite di proteine animali dovrebbe diminuire leggermente nell’Africa sub-sahariana. Entro il 2030 si osserverà un calo dell’autosufficienza per quanto riguarda i principali generi alimentari.

Nel medio termine, i prezzi dei prodotti alimentari e agricoli saranno influenzati da molteplici fenomeni. Tra questi: fenomeni meteorologici, crescita economica, distribuzione dei redditi, curva demografica, dalle variazioni dei modelli alimentari, dalla tecnologia e dalle tendenze politiche. Se lo scorso anno l’Indice FAO dei prezzi ha registrato un deciso incremento, tale andamento sarà seguito da un periodo di aggiustamento al ribasso. Il rapporto Prospettive agricole anticipa che i prezzi dei prodotti alimentari riprenderanno gradualmente a seguire una traiettoria discendente in termini reali. In linea con il rallentamento della crescita della domanda e con gli incrementi di produttività che non tarderanno a farsi sentire.

Foto: fonte Pixabay