Home Attualità Codice di condotta Ue, FEDIOL: “Affrontati i punti critici ambientali”

Codice di condotta Ue, FEDIOL: “Affrontati i punti critici ambientali”

243
0
Feoil_oli_girasole_pixabay

Un codice di condotta volontario dell’UE sulle pratiche commerciali e di marketing responsabili dell’alimentazione. Il documento è stato presentato in questi giorni dalla Commissione europea. Si tratta di uno dei primi risultati della strategia Farm to Fork e la sua elaborazione segue l’intenso lavoro delle parti interessate da dicembre 2020.

A contribuire alla realizzazione del codice anche FEDIOL, l’associazione europea dell’industria degli oli vegetali e delle farine proteiche, che rappresenta gli interessi dei frantoi, dei raffinatori di oli vegetali e degli imbottigliatori europei. Per FEDIOL il codice definisce le azioni che possono essere volontariamente perseguite dagli operatori della filiera per migliorare le performance di sostenibilità e comunicarle. Il testo finale del codice tiene inoltre conto degli sforzi continui di tutti gli attori della catena del valore per mantenere l’elevato livello esistente di sicurezza alimentare dell’UE nonostante le nuove sfide.

“La nostra industria ha un ruolo cruciale da svolgere per produrre alimenti e mangimi così come molti prodotti non alimentari. Siamo convinti che il progresso scientifico, l’innovazione, l’affrontare i punti critici ambientali nelle nostre catene di approvvigionamento, supportati da LCA e l’uso di prodotti a base biologica, saranno fondamentali per raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi”, ha spiegato Jordi Costa, presidente FEDIOL. E ha aggiunto: “Il nostro contributo è pertinente per quattro dei sette obiettivi ambiziosi identificati, che stiamo sostenendo”.

FEDIOL attende ora di svolgere le azioni previste dal Codice a sostegno della sua attuazione, di lavorare nella nuova governance avviata con questo Codice e accoglie con favore il continuo coinvolgimento della Commissione su questo tema.

Foto: Pixabay