Home Attualità Antibiotico-resistenza, ridurre l’utilizzo dei farmaci negli animali. Le raccomandazioni della Fao

Antibiotico-resistenza, ridurre l’utilizzo dei farmaci negli animali. Le raccomandazioni della Fao

619
0
FAO

Il Global Leaders Group sulla antibiotico-resistenza ha invitato oggi tutti i Paesi a ridurre significativamente i livelli di antibiotici utilizzati nei sistemi alimentari globali. Ciò include l’interruzione dell’uso di farmaci per promuovere la crescita degli animali sani e ha raccomandato maggiore parsimonia nell’uso di farmaci antimicrobici in generale.

L’invito si inserisce all’interno del vertice delle Nazioni Unite sui sistemi alimentari che si è tenuto a New York il 23 settembre 2021, dove i Paesi hanno discusso i modi per trasformare i sistemi alimentari globali. Il Global Leaders Group sulla antibiotico-resistenza comprende Capi di stato, ministri di governo e leader del settore privato e della società civile di 22 Paesi. Il gruppo è stato istituito nel novembre 2020 per accelerare lo slancio politico globale, la leadership e l’azione sulla antibiotico-resistenza (AMR) ed è co-presieduto da Mia Amor Mottley, primo ministro delle Barbados, e Sheikh Hasina, primo ministro del Bangladesh.

Ridurre l’uso di antibiotici nei sistemi alimentari è fondamentale per conservarne l’efficacia

La dichiarazione del Global Leaders Group richiede un’azione coraggiosa da parte di tutti i Paesi e dei leader di tutti i settori per affrontare la resistenza ai farmaci.

Un invito all’azione prioritario è quello di utilizzare i farmaci antimicrobici con maggiore parsimonia nei sistemi alimentari e ridurre notevolmente l’uso di farmaci che sono di grande importanza per il trattamento delle malattie nell’uomo, negli animali e nelle piante.

Altri inviti all’azione chiave per tutti i Paesi includono:

1. Porre fine all’uso di farmaci antibiotici che sono di fondamentale importanza per la medicina umana per promuovere la crescita negli animali.

2. Limitare la quantità di farmaci antibiotici somministrati per prevenire l’infezione in animali e piante sani e garantire che tutto l’uso sia eseguito con il controllo normativo.

3. Eliminare o ridurre significativamente le vendite da banco di farmaci antibiotici che sono importanti per scopi medici o veterinari.

4. Ridurre la necessità complessiva dei farmaci antibiotici migliorando la prevenzione delle infezioni attraverso programmi di controllo, igiene, biosicurezza e vaccinazione in agricoltura e acquacoltura.

5. Garantire l’accesso ad antibiotici di qualità e a prezzi accessibili per la salute animale e umana. Promuovere l’innovazione di alternative sostenibili e basate sull’evidenza agli antimicrobici nei sistemi alimentari.

L’inazione avrà conseguenze disastrose per la salute umana, animale, vegetale e ambientale

I farmaci antimicrobici (inclusi antibiotici, antimicotici e antiparassitari) sono utilizzati nella produzione alimentare in tutto il mondo. I farmaci antimicrobici vengono somministrati agli animali non solo per scopi veterinari, ma anche per promuovere la crescita negli animali sani.

I pesticidi antimicrobici sono utilizzati anche in agricoltura per curare e prevenire le malattie delle piante. A volte gli antimicrobici utilizzati nei sistemi alimentari sono uguali o simili a quelli usati per trattare gli esseri umani. L’uso attuale nell’uomo, negli animali e nelle piante sta alimentando un allarmante aumento dell’antibiotico-resistenza e rendendo le infezioni più difficili da trattare. Il cambiamento climatico potrebbe anche contribuire ad un aumento della resistenza antimicrobica.

Le malattie resistenti ai farmaci causano già almeno 700.000 morti umane in tutto il mondo ogni anno. Sebbene ci siano state riduzioni sostanziali nell’uso di antibiotici negli animali a livello globale, ulteriori riduzioni sono necessarie.

Senza un’azione immediata e drastica per ridurre significativamente i livelli di uso di antimicrobici nei sistemi alimentari, si arriverà rapidamente ad un punto in cui gli antimicrobici non saranno più efficaci. L’impatto sui sistemi sanitari, sulle economie, sulla sicurezza alimentare e sui sistemi alimentari locali e globali sarà devastante.

“Non possiamo affrontare l’aumento dei livelli di antibiotico-resistenza senza usare farmaci antimicrobici con più parsimonia in tutti i settori”, ha affermato Mia Amor Mottley, primo ministro delle Barbados, copresidente del Global Leader Group on Antimicrobial Resistance. “Il mondo è in una corsa contro la resistenza antimicrobica, ed è una corsa che non possiamo permetterci di perdere”.

Ridurre l’uso di farmaci antimicrobici nei sistemi alimentari deve essere una priorità per tutti i Paesi

“L’utilizzo di farmaci antimicrobici in modo più responsabile nei sistemi alimentari deve essere una priorità assoluta per tutti i Paesi”, ha affermato il copresidente del Global Leaders Group sulla resistenza antimicrobica Sheikh Hasina, primo ministro del Bangladesh. “L’azione collettiva in tutti i settori è fondamentale per proteggere i nostri farmaci più preziosi, a beneficio di tutti, ovunque”.

I consumatori di tutti i paesi possono svolgere un ruolo chiave scegliendo prodotti alimentari da produttori che utilizzano farmaci antimicrobici in modo responsabile. Sono inoltre urgentemente necessari investimenti per sviluppare alternative efficaci all’uso di antimicrobici nella produzione alimentare, come vaccini e farmaci alternativi.

Foto: © grafikplusfoto_Fotolia