Home Attualità Preservare la biodiversità: le soluzioni Fao basate su scienza e innovazione

Preservare la biodiversità: le soluzioni Fao basate su scienza e innovazione

453
0
©FAO

Sottolineando la necessità di “produrre di più con meno“, Qu Dongyu, direttore generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), ha esortato tutte le parti interessate nei sistemi agroalimentari a potenziare la scienza e l’innovazione e a trovare “soluzioni efficaci e durature” a sostegno della biodiversità.

Il settore agroalimentare è un attore chiave nella gestione della biodiversità ha affermato QU. L’occasione è stata l’apertura della 18° sessione regolare della Commissione sulle risorse genetiche per l’alimentazione e l’agricoltura (CGRFA).

Il CGRFA è l’unico organismo intergovernativo permanente che si occupa specificamente di tutta la diversità biologica per l’alimentazione e l’agricoltura. La Commissione mira a raggiungere il consenso internazionale sulle politiche per l’uso sostenibile e la conservazione delle risorse genetiche per l’alimentazione e l’agricoltura. Nonché per la giusta ed equa condivisione di benefici derivati ​​dal loro utilizzo.

La sessione ha affrontato una serie di questioni relative alle risorse genetiche per l’alimentazione e l’agricoltura. Concentrandosi sull’elaborazione e sull’attuazione di piani d’azione globali per le risorse genetiche animali, acquatiche, forestali e vegetali. Approfondendo il mondo dei microrganismi e degli impollinatori. La Commissione ha esaminato anche una risposta politica alla prima valutazione globale dello stato della biodiversità nel mondo per l’alimentazione e l’agricoltura.

La perdita di biodiversità è stata associata a un rischio più elevato di comparsa di patogeni zoonotici. Ancora, a una ridotta resilienza di fronte ai cambiamenti climatici per le colture alimentari e il bestiame. “Stiamo affrontando un momento critico nella storia del pianeta”, ha detto Qu.

La FAO, che ospita il CGRFA, è stata coinvolta in forum globali come la Convenzione sulla biodiversità biologica (CBD), il vertice One Planet e il Congresso mondiale sulla conservazione. Ha promosso il dialogo per aiutare i membri a contribuire efficacemente al dopo 2020 Global Biodiversity Framework che sarà preso in considerazione in un importante vertice a Kunming, in Cina, in ottobre.

Il direttore generale ha osservato che, negli ultimi dodici mesi, gli organi di governo della FAO hanno adottato una strategia e un piano d’azione sull’integrazione della biodiversità nei settori agricoli. Ha anche sottolineato che l’agricoltura svolge un ruolo positivo nella conservazione della biodiversità. Inoltre, Qu ha insistito su una maggiore diversità alimentare per nutrire la crescente popolazione mondiale.

“La biodiversità consente agli agricoltori, agli allevatori, agli scienziati e a tutte le altre parti interessate lungo la catena agroalimentare di mantenere operativi i sistemi agroalimentari”, ha affermato Qu. “Ed è questa diversità che costituisce la base dell’innovazione e ispira scienziati, settore privato, agricoltori e commercianti a scoprire nuove soluzioni e fare scoperte tecnologiche”.

Foto: ©Fao