Home Attualità Soia responsabile, dal 2016 aumentata del 79%. Pubblicato il monitoraggio FEDIOL

Soia responsabile, dal 2016 aumentata del 79%. Pubblicato il monitoraggio FEDIOL

623
0
soia responsabile

L’Associazione europea dell’industria degli oli vegetali e delle farine proteiche FEDIOL ha rilasciato il suo primo monitoraggio sulla soia responsabile nel 2020. Il report si basa sulla segnalazione volontaria delle aziende associate a FEDIOL. Sono stati valutati i volumi di semi di soia conformi alle linee guida per l’approvvigionamento di soia FEFAC acquistati e venduti come farina o olio nell’UE dalle aziende membri di FEDIOL. Il monitoraggio mostra che il 43% della soia lavorata nel 2020 era conforme a uno degli schemi di riferimento secondo gli SSG FEFAC. Si tratta di un aumento del 79% rispetto al volume 2016.

Cosa è emerso dal monitoraggio sulla soia responsabile FEDIOL

La quantità di prodotti di soia conformi a FEFAC SSG che le aziende FEDIOL sono state in grado di vendere come verificati o certificati nel 2020 ha raggiunto il 14%. Si tratti di un aumento del 3% rispetto al 2019. Tuttavia, conferma il notevole divario del 30% tra ciò che le aziende FEDIOL hanno acquistato e lavorato e ciò che hanno effettivamente venduto come verificato o certificato, a causa del limitato consumo di soia da parte dei clienti soddisfare i criteri di sostenibilità.

E’ stato valutato anche l’approvvigionamento geografico dei semi di soia e la raccolta dei loro volumi aggregati di semi di soia lavorati nell’UE. L’obiettivo è di rendicontare i volumi di semi di soia a basso e alto rischio di deforestazione che entrano nel mercato dell’UE.

La valutazione conclude che l’87% della soia lavorata nell’UE nel 2020 proveniva da regioni a basso rischio di deforestazione. Un dato in aumento del 20% rispetto al 2016. Al contrario, c’è ancora il 13% dei volumi di soia provenienti da regioni ad alto rischio, dove si stanno compiendo ulteriori sforzi per garantire che la produzione non sia collegata alla distruzione di foreste o savane.

Foto: ©Dusan Kostic_Fotolia