Home Attualità Soia responsabile, altri cinque schemi superano il benchmarking FEFAC

Soia responsabile, altri cinque schemi superano il benchmarking FEFAC

280
0

Altri cinque schemi che offrono soia responsabile al mercato europeo dei mangimi hanno superato il processo di benchmarking indipendente rispetto alle Linee guida FEFAC sulla Soia responsabile 2021. Ad annunciarlo è la Federazione dei produttori europei di mangimi e ITC (International Trade Centre).

Quali sono i cinque nuovi schemi disponibili

I nuovi schemi sono ADM Responsible Soy, Amaggi Responsible Soy, ASC di Aapresid, PROFARM Production Standard da Food Chain ID e ProTerra Europe. Dopo la prima ondata di schemi che hanno superato con successo il processo di benchmarking nel giugno 2021, ora ci sono dodici schemi conformi alle Linee guida FEFAC Soy Sourcing 2021.

La conformità alle Linee guida FEFAC significa che gli schemi soddisfano i criteri per la produzione responsabile. Le Linee guida sono state sviluppate nel tentativo di stabilire un “livello di confronto” trasparente per i produttori europei di mangimi composti a cui è stato chiesto di procurarsi fonti responsabili soia.

I criteri da soddisfare

Tutti e dodici gli schemi di benchmark hanno inoltre rispettato il nuovo criterio sulla soia ottenuta senza conversione del suolo. Possono quindi offrire soia coltivata senza che siano stati imposti processi di conversione, illegale o legale, di ecosistemi naturali, comprese le foreste naturali, a partire da una certa data limite (2020 come ultima possibilità). Nel frattempo molti altri schemi e programmi responsabili della soia hanno fatto domanda per il benchmarking rispetto alle Linee guida FEFAC sulla Soia responsabile 2021, che è attualmente facilitato da ITC.

Il presidente di FEFAC Asbjørn Børsting: “Siamo lieti di vedere la forte risposta e l’interesse dei proprietari degli schemi a includere il nuovo criterio desiderato sulla soia senza conversione, considerata un fattore chiave di mercato in Europa per le catene del valore della soia sostenibile. Il crescente accesso all’offerta di mercato sulla soia senza conversione da schemi di certificazione solidi e verificati è essenziale per la capacità dell’industria europea dei mangimi di rispondere alla domanda di mercato e alle aspettative politiche sulla deforestazione e le catene di approvvigionamento prive di conversione”.

Una panoramica di tutti gli schemi conformi alle Linee guida FEFAC sulla Soia responsabile 2021 è disponibile sul FEFAC/ITC Soy Benchmarking Tool, accessibile tramite la pagina web FEFAC su ITC Sustainability Gateway.

Foto: Pixabay