Home Attualità La Cina apre la strada al mais geneticamente modificato

La Cina apre la strada al mais geneticamente modificato

393
0
cina_mais_cereali

Il governo cinese ha annunciato l’intenzione di modificare le normative sulle sementi per aprire la strada alla commercializzazione del mais geneticamente modificato (GM). La notizia riportata da Reuters è stata pubblicata su World-Grain.com.

Le modifiche sono state proposte dal ministero dell’Agricoltura e degli affari rurali. Riguardano una manciata di tratti geneticamente modificati recentemente approvati e sviluppati da aziende cinesi potrebbero essere pronti per il lancio sul mercato entro un anno.

La Cina, che negli ultimi mesi ha pubblicamente dichiarato di voler diventare più autosufficiente nel settore dei cereali, non ha mai permesso di piantare soia o mais geneticamente modificati, anche se possono essere importati per l’alimentazione animale. Dopo aver importato una media di circa 4 milioni di tonnellate di mais all’anno tra il 2013 e il 2019, la Cina ha importato rispettivamente 29,5 milioni e 26,0 milioni di tonnellate nel 2020 e nel 2021.

I dettagli della revisione normativa prevista per l’industria delle sementi sono stati pubblicati il ​​12 novembre dal ministero dell’Agricoltura in una bozza di documento che è aperta al pubblico commento fino al 12 dicembre.

Origin Agritech Ltd., un’azienda cinese di tecnologia agricola, ha annunciato il 15 novembre che il nuovo mais GM ha terminato i suoi test di rilascio ambientale ed è in preparazione per le prove di produzione (la quarta fase del processo in cinque fasi per ricevere il bio-certificato di sicurezza).

Il mais è stato sviluppato in collaborazione con l’Istituto di biotecnologia dell’Accademia cinese di scienze agrarie e fornisce resistenza sia ai parassiti che ai pesticidi. Commentando lo sviluppo, Wei Han, vicepresidente dello sviluppo aziendale di Origin, ha dichiarato: “Mentre la Cina si muove verso il suo futuro positivo agli OGM, questa nuova caratteristica del mais ci consentirà di essere competitivi nel mercato del mais OGM per molti anni a venire”, ha affermato. “Aiuterà sia ad aumentare i raccolti per garantire la sicurezza alimentare del Paese sia a ridurre la necessità di insetticidi tossici”.

Foto: ©smereka_Fotolia