Home Attualità Deforestazione, l’industria dei cereali e semi oleosi critica le nuove misure Ue

Deforestazione, l’industria dei cereali e semi oleosi critica le nuove misure Ue

360
0

Stop ai prodotti frutto di deforestazione, stretta sulle spedizioni di rifiuti e tutela del suolo. I nuovi capitoli del Green deal europeo aperti dalla Commissione europea non convincono le associazioni di categoria COCERAL, FEDIOL e FEFAC.

Scrivono i rappresentanti del settore dei cereali e dei semi oleosi: “L’insieme dei requisiti contenuti nella nuova normativa dà la priorità all’obiettivo di ripulire le catene di approvvigionamento dell’UE dai beni potenzialmente associati alla deforestazione, piuttosto che concentrarsi sul contenimento del problema all’origine”. “Siamo preoccupati che il regolamento non abbia l’impatto desiderato nei paesi produttori, dove la deforestazione rimane un problema serio”, ha poi affermato Philippe Mitko, presidente di COCERAL. “L’UE rischia di perdere l’opportunità di un ruolo di leadership globale nel porre fine alla deforestazione”.

Il testo stabilisce obblighi vincolanti di due diligence per operatori e commercianti al fine di effettuare valutazioni del rischio e misure di mitigazione per rispettare il divieto di commercializzazione dei beni associati alla deforestazione. Concretamente, ciò si traduce in requisiti dettagliati di tracciabilità, compresa la geolocalizzazione dell’azienda agricola o dell’appezzamento di produzione, la trasmissione di informazioni e la segregazione fisica dei prodotti. “Questi requisiti non riflettono la realtà del mercato delle nostre materie prime e rischiano di portare all’esclusione di quei piccoli attori nella catena di approvvigionamento che non possono essere individuati per mitigare i rischi”, ha affermato Jordi Costa, presidente di FEDIOL. “Attuando tali misure restrittive, la Commissione non lascia spazio ad approcci su misura adattati, ad esempio, ai piccoli proprietari terrieri, ai buoni agricoltori in aree problematiche o ai Paesi in via di sviluppo nel tentativo di migliorare le proprie pratiche di produzione”.

La disposizione per confrontare i Paesi produttori in base a un livello di rischio basso, standard o alto rappresenta un’altra area di preoccupazione, poiché i requisiti e il controllo aumentano insieme al profilo di rischio. Asbjørn Børsting, presidente della FEFAC, ha spiegato: “Se l’approvvigionamento da Paesi considerati ad alto rischio diventa troppo complicato, la catena di approvvigionamento si adatterà alla prevenzione del rischio. Ciò ridurrà l’influenza dell’UE nell’orientare positivamente la situazione in quei Paesi e possiamo aspettarci che gli agricoltori e gli operatori all’origine perdano interesse per soddisfare le richieste del mercato che tengono in grande considerazione la sostenibilità”.

COCERAL, FEDIOL e FEFAC concordano sulla necessità che l’UE assuma un ruolo guida nella lotta globale contro la deforestazione. E concludono: “Sebbene le nostre industrie rimangano impegnate a migliorare le loro pratiche sostenibili, desideriamo ribadire che la deforestazione può essere affrontata solo in collaborazione con i Paesi produttori. Sono necessarie soluzioni pratiche per guidare il cambiamento sul campo, per il quale sarà necessaria una serie di misure diverse per sostenere un graduale processo di trasformazione”.

Foto: Pixabay