Home Attualità Resistenza antimicrobica, Fao: “Rischio perdite economiche e calo produzione”

Resistenza antimicrobica, Fao: “Rischio perdite economiche e calo produzione”

456
0
FAO

La silenziosa minaccia globale della resistenza antimicrobica (AMR) ha un forte impatto sul settore agroalimentare. A lanciare l’allarme è QU Dongyu, direttore generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), presentando il nuovo piano quinquennale della FAO per aiutare i membri ad affrontare la sfida.

Gli impatti dell’AMR possono portare a “perdite economiche, calo della produzione di bestiame, povertà, fame e malnutrizione, in particolare nei Paesi a basso e medio reddito”, ha affermato Qu. Batteri, funghi e altri microbi possono, se soggetti a ripetute esposizioni ad antibiotici e altri antimicrobici, diventare resistenti ai trattamenti destinati a ucciderli o sopprimerli. Rendendo i farmaci inefficaci e sollevando lo spettro di “super batteri” incontrollabili. Circa 700 000 decessi umani ogni anno sono legati alla resistenza antimicrobica e il numero potrebbe salire a 10 milioni entro il 2050 senza azioni per mitigare i rischi.

La resistenza antimicrobica è un rischio particolare per l’agricoltura – il settore dell’allevamento è il principale utilizzatore di antimicrobici – poiché l’uso improprio o eccessivo genera una resistenza che decima gli animali e i mezzi di sussistenza da essi dipendenti. Gli antimicrobici vengono utilizzati anche sulle colture, in particolare riso e pomodori, e nell’acquacoltura per prevenire perdite di produzione.

“La disponibilità di farmaci efficaci e salvavita è essenziale nella produzione animale e agricola”, ha affermato il direttore generale. “Un controllo efficace della resistenza antimicrobica è responsabilità condivisa di produttori, consumatori, investitori e responsabili politici”, ha poi aggiunto.

La FAO sta inoltre lavorando con i suoi partner per stabilire, con l’aiuto di centinaia di contributi da tutto il mondo, una piattaforma di partenariato multi-stakeholder AMR, che sarà operativa nel 2022 e assicurerà che tutti gli aspetti e tutti i livelli dello spettro delle minacce AMR siano affrontati .

Nuovo piano d’azione AMR

Pubblicato un nuovo Piano d’azione della FAO sulla resistenza antimicrobica 2021-2025. La FAO sottolinea come i microbi resistenti attraversino i confini e per questo uno sforzo globale è l’unico modo per garantire che tutti siano protetti. Tra i suoi principi chiave vi sono la necessità di prove scientifiche per identificare e gestire i rischi di resistenza antimicrobica prima che diventino emergenze su larga scala, l’utilità della sorveglianza e della formazione in tutto il mondo, l’importanza di incentivare e responsabilizzare le parti interessate a trasformare la consapevolezza dei rischi di resistenza antimicrobica in azione.

L’obiettivo prioritario delle azioni antimicrobiche ora non è sradicare l’uso di antimicrobici, ma preservarne l’utilità, soprattutto perché la quantità di cibo prodotta per l’uomo nei prossimi 30 anni sarà la stessa prodotta negli ultimi 10.000 anni messi insieme. “Dobbiamo far funzionare gli antimicrobici il più a lungo possibile per guadagnare tempo per la scoperta di nuovi farmaci”, afferma il piano.

Il piano d’azione segue un approccio One Health e indica vari possibili miglioramenti nelle pratiche agricole per controllare meglio la resistenza antimicrobica: dalla buona alimentazione per persone e animali, alla vaccinazione, igiene e genetica. Un altro obiettivo chiave è la gestione dei rifiuti, poiché gli antimicrobici scaricati da esseri umani e animali, nonché da ospedali e macelli possono entrare nell’ambiente e accelerare l’emergenza e la diffusione di ceppi e geni resistenti. Il piano richiede una maggiore ricerca e sorveglianza in materia di resistenza antimicrobica nei settori delle colture, dell’acquacoltura e dell’ambiente.

Foto:©FAO