Home Attualità Fao, progetti per il 2022: “Sostegno finanziario al settore agricolo”

Fao, progetti per il 2022: “Sostegno finanziario al settore agricolo”

409
0
©FAO

Compiere sforzi “straordinari” per la riduzione della fame, per rendere i sistemi agroalimentari più sostenibili e, in definitiva, raggiungere i Quattro Migliori: migliore produzione, migliore alimentazione, un migliore ambiente e una vita migliore per tutti. Sono gli obiettivi della Fao, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, per il 2022 dichiarati dal direttore generale Qu Dongyu.

“Abbiamo bisogno di pensare in modo straordinario”, ha detto il direttore generale in apertura della 168a Sessione del Consiglio, l’organo esecutivo della Conferenza della Fao. In un discorso ad ampio raggio, parlando di come la FAO sia stata resa più efficace nei 28 mesi del suo mandato, da agosto 2019, mentre doveva fronteggiare le sfide della pandemia da Covid-19, QU ha osservato che la Fao ha continuato a essere “ottimista con giudizio circa i progressi verso una ‘nuova normalità'”.

“L’Organizzazione si sta impegnando per un cambiamento culturale verso un ambiente di lavoro incentrato sulle persone, trasparente, responsabile, dinamico, impegnato ed etico”, ha sottolineato. La Fao si sta anche concentrando sull’accelerazione delle riforme strutturali a livello regionale e subregionale, a seguito della ristrutturazione della sede centrale a Roma.

Il sostegno finanziario al settore agricolo

Il direttore generale ha anche sottolineato la necessità di ridefinire il sostegno finanziario al settore agricolo, che attualmente riceve meno del 10% delle risorse stanziate anche se più di due terzi delle persone colpite dalle crisi ne fanno affidamento. “L’agricoltura è davvero cruciale e non può aspettare che siano affrontate altre priorità”, ha affermato. “La protezione dei mezzi di sussistenza rurali deve essere un elemento fondamentale dell’immediata risposta umanitaria all’emergenza”.

Il direttore generale ha sottolineato le condizioni di insicurezza alimentare particolarmente difficili in un certo numero di Paesi a causa di emergenze umanitarie, crisi climatica e diffusione di parassiti e malattie. A questo proposito, ha sottolineato l’importanza del sostegno continuo agli sforzi della Fao per contenere le epidemie di locuste del deserto e controllare la diffusione del lafigma, che ha ora raggiunto più di 75 Paesi e ha causato una perdita di raccolto stimata di 9,4 miliardi di dollari nella sola Africa.

Mentre la maggior parte dei sistemi agroalimentari ha resistito durante la crisi Covid-19, il calo dei redditi di molte famiglie ha gravemente limitato l’accesso al cibo, con 45 milioni di persone in 43 Paesi che sono sul punto di soffrire la fame, ha affermato Qu.

Il settore agroalimentare offre una porta d’ingresso ideale per “approcci nexus” che affrontino le cause profonde della fame integrando fattori umanitari, di sviluppo e di pace, ha affermato Qu.

Hans Hoogeveen, il presidente indipendente del Consiglio, ha fatto eco a tale punto di vista. I piani di ripresa dal Covid-19 sono “la grande possibilità per l’umanità di cambiare il futuro”, ha affermato. “Serve un cambiamento radicale e ne abbiamo bisogno subito”.

Scienza e innovazione

La scienza e l’innovazione sono necessarie per raggiungere obiettivi comuni di trasformazione dei sistemi agroalimentari per nutrire le persone, nutrire il pianeta, promuovere mezzi di sussistenza equi e costruire ecosistemi resilienti, ha affermato il direttore generale.

Ha sottolineato l’importanza di sviluppare la nuova strategia tematica della FAO su scienza e innovazione, per aiutare la FAO a passare a un modello di business lungimirante che supporti efficacemente la trasformazione dei sistemi agroalimentari sul campo, ha aggiunto.

La FAO sta anche sviluppando una nuova strategia tematica sui cambiamenti climatici per promuovere una maggiore coerenza nell’azione per il clima e la biodiversità in tutti i settori agricoli e per aiutare i membri a raggiungere meglio i loro impegni ai sensi dell’accordo di Parigi, ha affermato il direttore generale.

Entrambe le strategie richiedono e necessitano di “soluzioni rivoluzionarie, innovative e sagge basate su scienza e partnership”, ha aggiunto, e sono state “sviluppate insieme e allo stesso tempo per garantire la complementarità”.

Hub di coordinamento dei sistemi alimentari

Il direttore generale ha anche annunciato che la FAO ospiterà l’Hub di coordinamento per le azioni di follow-up del Vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite. L’Hub partirà all’inizio del 2022 e il suo gruppo di supervisione comprende i presidi della FAO, il Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo, il Programma alimentare mondiale, l’Ufficio di coordinamento dello sviluppo delle Nazioni Unite e il Programma per l’ambiente delle Nazioni Unite. Il gruppo di sorveglianza, di cui l’UNEP è l’attuale presidente, sarà presieduto a rotazione.

Risultati chiave per il futuro

Riflettendo sui suoi 851 giorni in carica, il direttore generale ha anche condiviso alcuni risultati chiave per l’attuazione del nuovo Quadro Strategico della FAO 2022-2031, ad esempio il fatto che la connettività è una pre-condizione per l’inclusività; la necessità di ridurre le perdite e gli sprechi alimentari; la prevenzione di future pandemie come responsabilità collettiva e coerente; la necessità di mettere al centro della trasformazione dei sistemi agroalimentari i piccoli contadini e le famiglie contadine, le donne, i giovani e le popolazioni indigene, e la necessità di un approccio olistico – per le persone, il pianeta e la prosperità.

Qu ha anche sottolineato infine l’importanza di quadri legali solidi per sistemi agroalimentari sostenibili, osservando che la Fao fornisce assistenza legislativa tecnica ai Paesi membri.

Foto: ©FAO