Home Attualità Fao: Indice dei prezzi record a novembre. Cresce la domanda di grano

Fao: Indice dei prezzi record a novembre. Cresce la domanda di grano

323
0
indice dei prezzi pixabay

A novembre il barometro dei prezzi delle materie prime alimentari nei mercati internazionali è aumentato per il quarto mese consecutivo. Lo rivela l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO). A provocare i rincari sarebbe la forte domanda di grano e prodotti lattiero-caseari.

L’Indice dei prezzi alimentari della FAO ha registrato una media di 134,4 punti.Il livello più alto da giugno 2011 e l’1,2% in più rispetto a ottobre. L’indice, che tiene traccia delle variazioni mensili dei prezzi internazionali delle materie prime alimentari comunemente scambiate, è stato del 27,3% superiore al livello di novembre 2020.

Prodotti lattiero-caseari

L’indice FAO dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari ha guidato l’aumento aggregato di novembre, aumentando del 3,4% rispetto al mese precedente. La forte domanda globale di importazioni di burro e latte in polvere è continuata mentre gli acquirenti cercavano di assicurarsi forniture spot in previsione della contrazione dei mercati.

Carne

L’indice dei prezzi della carne della FAO è diminuito dello 0,9%, il quarto calo mensile consecutivo. Influenzato dalla riduzione degli acquisti di carne suina da parte della Cina, ha portato a una riduzione delle quotazioni internazionali. Anche i prezzi degli ovini sono diminuiti drasticamente a causa dell’aumento delle forniture esportabili dall’Australia. I prezzi delle carni bovine e avicole sono rimasti sostanzialmente stabili.

Cereali

L’Indice FAO dei prezzi dei cereali è aumentato del 3,1% rispetto al mese precedente ed è stato del 23,2% superiore al livello di un anno fa. I prezzi all’esportazione del mais sono leggermente aumentati, mentre i prezzi internazionali del riso sono rimasti sostanzialmente stabili. Infine, i prezzi del grano hanno raggiunto il livello più alto da maggio 2011. L’aumento ha rispecchiato la forte domanda in un contesto di scarse forniture, in particolare di grano di qualità superiore. I prezzi sono stati sostenuti anche dai timori per le piogge in Australia e l’incertezza su possibili modifiche alle misure di esportazione nella Federazione Russa.

Zucchero e oli vegetali

L’Indice FAO dei prezzi dello zucchero a novembre è stato dell’1,4% in più rispetto a ottobre e di quasi il 40% in più rispetto al livello di novembre 2020. L’aumento è stato principalmente guidato dal rialzo dei prezzi dell’etanolo. Sebbene le grandi spedizioni dall’India e le prospettive positive per le esportazioni di zucchero da parte della Thailandia siano state mitigate dalla pressione al rialzo sulle quotazioni.

L’indice dei prezzi degli oli vegetali è diminuito dello 0,3% dal massimo record raggiunto in ottobre, riflettendo valori più bassi per gli oli di soia e colza, nonché i prezzi più bassi del petrolio greggio. I prezzi internazionali dell’olio di palma sono rimasti stabili.

Record di produzione di cereali per mantenere i mercati riforniti

Il nuovo Documento sulla domanda e l’offerta di cereali della FAO prevede che la produzione mondiale nel 2021 sarà di 2 791 milioni di tonnellate. Si tratta di un nuovo record e dello 0,7% in più rispetto all’anno precedente. Rispetto al 2020, la produzione mondiale di cereali e riso dovrebbe aumentare, rispettivamente, dell’1,4% e dello 0,9%, mentre quella del grano diminuirà dell’1,0%.

Si prevede che il consumo mondiale di cereali nel 2021/22 aumenterà dell’1,7% a 2 810 milioni di tonnellate, mentre si prevede che le scorte mondiali di cereali entro la fine delle stagioni nel 2022 diminuiranno dello 0,9% rispetto ai livelli di apertura. Secondo la FAO, il conseguente rapporto scorte/consumo del 28,6% “indicherebbe comunque una situazione di approvvigionamento confortevole nel complesso”.

La FAO prevede che il commercio mondiale di cereali nel 2021/22 aumenterà dello 0,7% a 480 milioni di tonnellate. L’espansione prevista è del 2,2% del commercio mondiale di grano e compenserà più che una probabile contrazione del commercio di cereali secondari.

La produzione agricola diminuirà nei paesi con deficit alimentare a basso reddito

Secondo l’ultimo Crop Prospects and Food Situation Report i conflitti e la siccità stanno esacerbando le condizioni di insicurezza alimentare in diverse parti del mondo. In particolare nell’Africa orientale e occidentale. La FAO valuta che globalmente 44 Paesi, di cui 33 in Africa, nove in Asia e due in America Latina e Caraibi, hanno bisogno di assistenza esterna per il cibo.

I 44 Paesi che necessitano di assistenza esterna per il cibo sono: Afghanistan, Bangladesh, Burkina Faso, Burundi, Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Congo, Repubblica Democratica Popolare di Corea, Repubblica Democratica del Congo, Gibuti, Eritrea, Eswatini, Etiopia, Guinea, Haiti, Iraq, Kenya, Libano, Lesotho, Liberia, Libia, Madagascar, Malawi, Mali, Mauritania, Mozambico, Myanmar, Namibia, Niger, Nigeria, Pakistan, Senegal, Sierra Leone, Somalia, Sud Sudan, Sudan, Arabo siriano Repubblica, Uganda, Repubblica Unita di Tanzania, Venezuela, Yemen, Zambia e Zimbabwe.

Il rapporto trimestrale fornisce anche aggiornamenti sulle tendenze del raccolto di cereali, prevedendo che la produzione nel 2022 crescerà del 2,0% nei Paesi sviluppati, ma si contrarrà leggermente dello 0,1% nei Paesi in via di sviluppo. Per i Paesi con deficit alimentare a basso reddito, la contrazione dovrebbe essere del 2,4%, a causa dei significativi cali previsti nel Vicino Oriente e nell’Africa orientale.

Foto: Pixabay