Home Attualità IFFO: aumenta del 6% la produzione di farina e olio di pesce...

IFFO: aumenta del 6% la produzione di farina e olio di pesce nel 2021

232
0

Durante i primi undici mesi del 2021, la produzione cumulativa totale di farina di pesce e olio di pesce dai Paesi produttori è stata più alta, anno su anno, del 6%. A riportarlo è l’IFFO, l’Organizzazione degli ingredienti marini.

Perù, Cile e India sono stati i mercati che hanno registrato una produzione di farina di pesce più elevata nel 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020. Riguardo l’olio di pesce, tuttavia, l’Islanda è anche riuscita a migliorare la sua produzione cumulativa. I dati mostrano anche che le spedizioni di farina di pesce in Cina hanno continuato a crescere, con scorte elevate nei magazzini portuali.

Inoltre, l’IFFO ha riferito che le metriche di sostenibilità aggiornate mostrano che le materie prime marine vengono utilizzate maggiormente come ingredienti strategici nelle fasi chiave dei cicli di produzione dell’acquacoltura. La farina di pesce e l’olio di pesce vengono utilizzati nelle fasi fondamentali della vita nei cicli di produzione dell’acquacoltura con una tendenza all’ottimizzazione dei loro contributi nutrizionali.

Metriche di sostenibilità

A gennaio l’organizzazione riferisce anche sugli sviluppi delle metriche di sostenibilità per gli ingredienti marini. Il rapporto FIFO (Fish In: Fish Out) è un modo per esaminare l’uso degli ingredienti marini durante la produzione animale. Sebbene la maggior parte dell’attenzione si sia concentrata sull’acquacoltura in relazione all’uso di pesci selvatici nei mangimi per produrre pesci d’allevamento.

FIFO è spesso utilizzato come parametro di riferimento ambientale semplificato e, sebbene rimanga una metrica importante, presenta dei limiti. “FIFO non distingue tra sottoprodotti e fonti di riduzione della pesca. La sostituzione della farina di pesce e dell’olio di pesce non implica necessariamente che queste altre risorse siano più sostenibili o reperite in modo responsabile”.

Dipendenza dal pesce foraggio

Il rapporto di dipendenza dal pesce foraggio (FFDR) è un’altra semplice metrica per calcolare la quantità di pesce selvatico utilizzato nei mangimi in relazione alla quantità di produzione animale alimentata. L’FFDR è invece un modo per tentare di quantificare l’impatto ambientale dell’uso dei mangimi nei sistemi di acquacoltura e c’è stata una particolare attenzione all’FFDR nell’acquacoltura del salmone. Come il FIFO, il FFDR è espresso come un rapporto che considera la quantità di ingredienti marini nel mangime ma si concentra su quelli che provengono dalla pesca del foraggio.​

È calcolato tenendo conto dell’eFCR, il livello di inclusione del pesce foraggio – ingredienti marini derivati ​​nel mangime (in particolare tutti gli ingredienti marini prodotti da sottoprodotti non sono inclusi) e il rapporto di resa della produzione di ingredienti marini dalla pesca del foraggio. Secondo l’IFFO, uno dei limiti all’uso di FFDR è che presuppone erroneamente che le specie utilizzate nella produzione di ingredienti marini avrebbero un valore maggiore per la società in quanto utilizzate in modo diverso, ad esempio attraverso i mercati diretti del consumo umano, o dai benefici ambientali attraverso la conservazione.

Secondo l’organizzazione, se gli ingredienti marini sono prodotti da una pesca ben gestita, o da sottoprodotti di una pesca ben gestita, il loro uso nei mangimi può rimanere il miglior uso di quella risorsa. Pertanto, le ipotesi sull’impatto ambientale dello sfruttamento del pesce foraggio spesso non sono valide.

Maggiore responsabilità delle risorse

Analizzando l’argomento delle metriche, il dott. Brett Glencross, direttore tecnico di IFFO, ha affermato che il settore sta ora passando da metriche singole a una misurazione più olistica e completa. Tali nuovi modelli, ha affermato, si basano sull’uso di analisi di valutazione del ciclo di vita (LCA), che mirano a fornire una migliore responsabilità delle risorse lungo la catena del valore e una maggiore armonizzazione intersettoriale delle metriche.

In tale contesto, è stata proposta una nuova metrica economica Fish in: Fish out ratio (eFIFO) (Kok et al., 2020​​). Un tale modello adotterebbe un approccio di allocazione economica, incorporando il valore nutritivo degli ingredienti e modificando l’equilibrio dei valori tra farina di pesce e olio di pesce nel tempo, ha affermato l’IFFO.

L’eFIFO riconosce anche il contributo economico dei sottoprodotti rispetto al contributo economico del consumo umano diretto, ha commentato l’ente di settore. L’allocazione economica funge da indicatore per il valore nutritivo degli ingredienti e attribuisce maggiore importanza agli ingredienti con una disponibilità più limitata e alla loro relativa domanda. “Nel caso di eFIFO osserviamo che con il cambiamento dell’equilibrio dei valori tra farina di pesce e olio di pesce nel tempo, siamo in grado di rappresentare meglio tale onere di sostenibilità. Il rapporto permette anche di riconoscere il contributo economico dei sottoprodotti rispetto al contributo economico della componente diretta del consumo umano”, ha commentato l’IFFO.

Foto: ©Friedberg_Fotolia