Home Attualità Mangimistica, il 2022 visto dai grandi player internazionali

Mangimistica, il 2022 visto dai grandi player internazionali

33
0
mais

I prezzi della carne aumenteranno probabilmente nel secondo trimestre di quest’anno, con la speranza di ottenere nuovamente una discreta redditività nel settore agricolo. Si prevede che i volumi dei mangimi rimarranno sotto pressione, mentre la pressione inflazionistica persisterà e forse aumenterà. Il costo dei mangimi continuerà a creare preoccupazioni a nutrizionisti e produttori, con l’industria avicola, in particolare, molto più sensibile alla volatilità dei prezzi dei mangimi rispetto ad altri segmenti di produzione di proteine ​​animali.

A dirlo è il sito FeedNavigator.com che cita le proiezioni per il settore elaborate da Danisco Animal Nutrition, Hamlet Protein, Lallemand Animal Nutrition, Novus e Cargill Animal Nutrition.

Interruzioni della catena di approvvigionamento

I rappresentanti di Hamlet Protein prevedono continui disagi sulla catena di approvvigionamento correlati al Covid-19 con una lieve attenuazione negli alti costi di trasporto emersi nel 2021.

Il giudizio di Ryan Smith, direttore senior della catena di approvvigionamento globale Novus International, è in linea con questo punto di vista. Le sfide di quest’anno, ha detto, continueranno a essere “quelle che non si possono controllare: la pandemia in corso con le sue complicazioni e interruzioni, in particolare per quanto riguarda le catene di approvvigionamento”.

I fornitori di ingredienti per mangimi a livello globale hanno dovuto affrontare tempi di consegna incredibilmente lunghi, costi di spedizione esorbitanti, carenza di manodopera e una domanda senza precedenti di componenti di imballaggio. Questo ultimo aumento dei casi di Covid-19 ricorda che il virus e le sue varianti non stanno scomparendo e nemmeno i problemi legati alla pandemia, ha continuato Smith.

“È fondamentale che coloro che lavorano nei team della catena di approvvigionamento e della logistica dispongano degli strumenti e dell’autorità per adattare il loro focus strategico da quello che è probabilmente un modello di risparmio sui costi a un modello di stabilità. Questo è ciò che ha fatto Novus, rivedendo i nostri piani di continuità aziendale per tenere conto delle ripetute sfide che abbiamo affrontato da marzo 2020. Abbiamo lavorato per ampliare la nostra base di fornitori, allineare più da vicino la pianificazione della domanda con clienti e fornitori “, ha aggiunto il rappresentante di Novus.

Anche Adriano Marcon, presidente della divisione Nutrizione animale di Cargill, ha parlato dei modi in cui l’azienda è riuscita a superare le sfide della catena di approvvigionamento lo scorso anno. “Nel 2021 siamo stati in grado di trovare fonti alternative, trasferire ingredienti e prodotti oltre confine e trovare soluzioni di spedizione creative. ​Proprio come il consumatore, ci sono alcuni clienti che potrebbero non essere in grado di ottenere il prodotto esatto nella giusta quantità, ma abbiamo evitato arresti e problemi di consegna significativi”.

Hamish Irving, direttore marketing globale di Danisco Animal Nutrition, prevede un impatto duraturo del Covid-19 sulle catene di approvvigionamento e sulla capacità di tutte le aziende di operare. “Potrebbe peggiorare prima che la situazione con Omicron migliori”. L’azienda, ha affermato, ravvisa la necessità di catene di approvvigionamento più sostenibili, inclusa una maggiore attenzione alle materie prime di provenienza locale. “L’aumento dei costi energetici e dei prezzi dei cereali continueranno a colpire il settore. Questo probabilmente significa che nelle aziende è necessario risparmiare altrove e questo ha spesso un effetto a catena sugli additivi utilizzati per i mangimi. Da produttori di additivi per mangimi, dobbiamo dimostrare ai clienti il chiaro valore dei prodotti che offriamo: risparmi sui costi dei mangimi, animali più efficienti, meno costi per i medicinali, ecc. “, ha affermato Irving.

Le sfide del lavoro

Marcon ha notato anche i continui effetti di Covid-19 sul lavoro. “Ogni settore si trova ad affrontare carenze di forza lavoro. Stiamo lavorando ogni giorno per attrarre talenti”.

I margini di profitto

Laurent Dussert, Global Category Manager di Lallemand Animal Nutrition, ha dichiarato che la riduzione del margine tra i costi di produzione e i prezzi di vendita in molte regioni è probabilmente il maggior effetto avverso a cui il settore globale degli ingredienti per mangimi sta facendo fronte in questo momento.

“In questo difficile contesto economico, il miglioramento dell’efficienza dei mangimi, l’aumento del reddito rispetto al costo dei mangimi, rappresenta la migliore opportunità per l’industria di alimenti per animali e per gli allevatori. Un obiettivo importante per la zootecnia moderna, con riferimento a tutte le specie, è quello di migliorare l’efficienza degli indici di conversione dei mangimi. In questo modo, per oggi e per domani, possiamo ottimizzare la quantità di cibo prodotto per animale e per ettaro di terreno e contribuire alla crescente domanda della popolazione”.

Ulteriori opportunità per il settore potrebbero risiedere in una migliore comprensione della fisiologia della nutrizione e negli ingredienti per mangimi che migliorano il profilo di sostenibilità della produzione animale, ha osservato Dussert.

Riflettori puntati sulla sostenibilità

Il team di Hamlet Protein si aspetta che l’industria intensifichi la sua attenzione sulle questioni di sostenibilità, in particolare sul fronte della riduzione dell’impronta di carbonio. La sostenibilità della produzione intensiva nel settore avicolo sarà un tema caldo nel 2022. “In questo nuovo paradigma, la sostenibilità e la tracciabilità della farina di soia occuperanno uno spazio rilevante”.

Kamphof prevede un aumento del numero di iniziative volte a produrre proteine vegetali di origine UE, siano esse legumi o soia, o entrambi. Marcon di Cargill ritiene che la produzione di beni e servizi sarà sempre più incentrata su come le aziende e i produttori possono condurre operazioni più sostenibili e ridurre le emissioni di metano. Il cambiamento climatico è una delle principali preoccupazioni per il settore agricolo, ha sottolineato l’esperto. “Dobbiamo accelerare gli sforzi per affrontarlo. Un sistema alimentare più sostenibile è un sistema alimentare più stabile e resiliente”.

Danisco Animal Nutrition prevede che i riflettori rimarranno puntati sulle emissioni generate dal settore della produzione animale, con una crescente attenzione alla misurazione dell’impronta ambientale degli allevamenti.

“Abbiamo visto molte campagne di stampa negative, in particolare nel Regno Unito, sulla percezione dell’industrializzazione dell’agricoltura e delle preoccupazioni che le fattorie stanno diventando troppo grandi, contribuendo ad esempio all’inquinamento dei corsi d’acqua. I produttori di additivi per mangimi hanno l’opportunità di dimostrare che le nostre soluzioni possono aiutare i produttori a migliorare la loro impronta ambientale. Gli enzimi, in particolare la proteasi e la fitasi, hanno un ruolo preciso, ma anche altri prodotti.​ L’attuale produzione di polli da carne raggiunge circa il 40% della conversione proteica. Un dato ancora troppo basso che può sicuramente essere migliorato. Anche le emissioni di fosforo (P) e azoto dovrebbero essere ridotte. Potremmo, ad esempio, implementare diete inorganiche P-free a basso contenuto proteico durante tutto il ciclo produttivo. L’educazione del consumatore rimane importante per provare a capire i compromessi correlati a ciò che si desidera. Ad esempio, i polli a lento accrescimento sono in diretta contraddizione rispetto all’idea di ridurre l’impatto ambientale: il lento accrescimento corrisponde a un peggiore indice di conversione dei mangimi, ha affermato Irving.

Antibiotico, restrizioni ZnO

L’uso dell’ossido di zinco (ZnO) come medicinale veterinario sarà vietato nell’UE a partire da giugno 2022. Quest’anno entrerà anche in vigore la nuova legislazione dell’UE che vieta tutte le forme di uso di antibiotici di routine nell’agricoltura, compresi i trattamenti di gruppo preventivi. Kamphof vede anche una pressione crescente sull’uso di coccidiostatici e rame nei mangimi.

Su questo argomento, Irving ha affermato che la riduzione degli antibiotici rimane una questione rilevante a livello globale, così come la sicurezza alimentare e il controllo degli agenti patogeni. Per Dussert, la crescente pressione della società per limitare l’uso di antimicrobici al fine di contenere la resistenza antimicrobica crea opportunità per alcuni additivi per mangimi.

La minaccia delle malattie

Le malattie degli animali, in generale, continuano a essere una minaccia, ha affermato il responsabile della nutrizione animale di Cargill.

Pierre Lebreton, Global Technical and Marketing Manager, Monogastrics di Lallemand Animal Nutrition, è d’accordo, osservando come la produzione di suini e pollame, in tutto il mondo, sia stata colpita da diverse malattie negli ultimi tre anni, dalla peste suina africana (PSA) alla diarrea epidemica suina (PED) e all’influenza aviaria (AI). Le misure di biosicurezza in azienda devono essere migliorate. Bisognerebbe ottimizzare la sistemazione, la gestione, la pulizia, la disinfezione e l’impiego di biofilm.

Tendenze generali

Hamlet Protein vede la produzione di suini diventare più concentrata. Probabilmente seguirà una ristrutturazione del settore dei mangimi. Valutando anche le sfide più generali del mercato, Irving di Danisco ha notato una crescente pressione sugli agricoltori legata alla strategia Farm to Fork per rendere biologico il 25% delle terre coltivabili entro il 2030.

Marcon ritiene che il mercato continuerà a vedere una crescita delle tecnologie che offrono ai produttori visibilità in tempo reale delle operazioni agricole tramite intelligenza artificiale, software predittivo, apprendimento automatico e sensori avanzati.

Tuttavia, la mutata percezione dei consumatori sul consumo di proteine ​​e il crescente utilizzo di proteine ​​alternative per la carne sono un altro problema centrale per l’industria della nutrizione animale. Ha osservato Marcon: “Il consumo di carne pro capite aumenterà, trainato dall’Asia, con la crescita più rapida di carne di maiale, di carni bianche e pesce.​ C’è anche il problema della disuguaglianza di reddito, che incide sulla domanda di carne. Ad esempio, il consumo di carne bovina in Brasile è diminuito del 30,35% negli ultimi 15 anni, con un aumento del consumo di carni avicole del 40% nello stesso periodo di tempo”. L’esperto ha notato, infine, un forte interesse nella salute gastrointestinale: “La scienza che studia la relazione tra salute e microbioma è in rapida evoluzione”.

Regolazione

Il mercato è in attesa di una nuova legislazione sui mangimi in Ucraina e Russia, mentre ulteriori sviluppi nella revisione del regolamento sugli additivi per mangimi nell’UE sono previsti per giugno 2022, ha affermato Ludovic Arnaud, responsabile della regolazione e della conformità normativa di Lallemand Animal Nutrition. Arnaud prevede delle criticità, dopo la Brexit, in relazione alla disponibilità di alcuni additivi per mangimi, sia nel Regno Unito che nell’UE, dato che alcuni prodotti potrebbero essere autorizzati in una giurisdizione e non nell’altra.

Foto: Pixabay