Home Attualità Influenza aviaria, cos’è e cosa fare. La scheda tecnica dell’Oie

Influenza aviaria, cos’è e cosa fare. La scheda tecnica dell’Oie

221
0
influenza aviaria

L’influenza aviaria (AI) è una malattia virale altamente contagiosa. Può colpire diverse specie di uccelli da produzione alimentare, tra i quali polli, tacchini, quaglie e faraone, nonché uccelli da compagnia e uccelli selvatici. Occasionalmente i mammiferi, compreso l’uomo, possono contrarre l’influenza aviaria. L’Oie, l’Organizzazione mondiale della sanità animale ha stilato una scheda tecnica della malattia.

La classificazione dell’influenza aviaria

L’IA è una malattia virale altamente contagiosa che colpisce sia gli uccelli domestici che quelli selvatici. I virus dell’IA sono stati isolati, anche se meno frequentemente, da specie di mammiferi, inclusi ratti, topi, donnole, furetti, maiali, gatti, tigri, cani e cavalli, nonché dall’uomo. La circolazione dei virus dell’influenza aviaria non è un fenomeno nuovo. Ci sono molte descrizioni in letteratura di focolai storici di influenza aviaria che si diffondono all’interno degli allevamenti di pollame domestico.

Esistono molti ceppi di virus dell’IA, che di solito sono classificati in due categorie. Ceppi a bassa patogenicità (LPAI), che in genere causano pochi o nessun segno clinico nel pollame. Ceppi ad alta patogenicità (HPAI), che possono causare segni clinici gravi e mortalità potenzialmente elevata tassi tra il pollame.

Chi diffonde la malattia e le conseguenze economiche  

Gli uccelli selvatici sono ospiti naturali e serbatoi per tutti i tipi di virus dell’influenza aviaria e svolgono un ruolo importante nell’evoluzione, nel mantenimento e nella diffusione di questi virus. Negli uccelli, il virus dell’IA viene eliminato nelle feci e nelle secrezioni respiratorie. Dunque il contagio avviene attraverso il contatto diretto con le secrezioni di uccelli infetti, in particolare attraverso le feci o attraverso mangimi e acqua contaminati.

A causa della natura resistente del virus dell’IA, inclusa la sua capacità di sopravvivere per lunghi periodi quando le temperature sono basse, possono anche essere trasportati sulle attrezzature agricole e diffondersi facilmente da un’azienda agricola all’altra.

Gli uccelli selvatici normalmente trasportano il virus nel tratto respiratorio o intestinale. Di solito questi uccelli non si ammalano, il che consente loro di trasportare i virus per lunghe distanze lungo le loro rotte migratorie.

L’influenza aviaria ha catturato l’attenzione della comunità internazionale nel corso degli anni, con focolai nel pollame che hanno avuto in molti Paesi gravi conseguenze sia sui mezzi di sussistenza, sia sul commercio internazionale.

L’esperienza ha dimostrato che:

  • gli allevatori potrebbero sperimentare un alto livello di mortalità negli allevamenti, con tassi spesso intorno al 50%;
  • a causa della natura ad alta intensità di manodopera dell’industria avicola, specialmente nei Paesi in via di sviluppo, la perdita di posti di lavoro può essere significativa;
  • per contenere i focolai, spesso è necessario abbattere uccelli sani, con conseguenti rischi per il benessere degli animali e dell’uomo e preoccupazioni relative allo spreco di proteine e all’impatto economico;
  • la presenza dell’HPAI limita il commercio internazionale di volatili vivi e carne di pollame;
  • l’opinione pubblica potrebbe essere danneggiata, riducendo sia i viaggi che il turismo nelle aree colpite.
I rischi per la salute pubblica

Le persone che sono a stretto contatto con uccelli infetti sono a rischio di contrarre l’influenza aviaria. Mentre molti casi umani sono limitati a congiuntivite o malattie respiratorie lievi, alcuni virus tendono a causare malattie gravi.

Tuttavia, non ci sono prove che suggeriscano che il consumo di pollame o uova idonee al consumo umano possano trasmettere il virus dell’IA all’uomo. Come misura precauzionale e normativa, gli animali che sono stati abbattuti a seguito di misure per controllare un focolaio di IA non dovrebbero essere autorizzati a entrare nella catena alimentare umana e dei mangimi e dovrebbero essere rispettate le misure precauzionali per il processo di pulizia e cottura.

A causa della circolazione in corso di vari ceppi (ad es. H5N1, H5N2, H5N8, H7N8), i focolai di influenza aviaria continuano a essere un problema di salute pubblica globale. Gli obiettivi dell’OIE di promuovere la trasparenza e la comprensione della situazione globale delle malattie animali restano una priorità dell’organizzazione di fronte a questa situazione, al fine di proteggere la salute pubblica e garantire la sicurezza del commercio mondiale di animali e prodotti di origine animale.

Cosa fare?

L’incidenza dell’infezione sembra essere stagionale, con il più alto tasso di isolamento negli uccelli giovani in autunno. L’esposizione diretta agli uccelli selvatici è il fattore di trasmissione più probabile. Pertanto, limitare l’esposizione del pollame agli uccelli selvatici attraverso l’allevamento in confinamento e altre misure di biosicurezza offrono l’opportunità di ridurre il rischio.

Il monitoraggio e il controllo dell’influenza aviaria alla fonte sono essenziali per ridurre la carica virale nelle specie avicole e nell’ambiente suscettibili. L’attuazione di misure di biosicurezza, in linea con gli standard internazionali dell’OIE, è fondamentale per proteggere il settore produttivo e il commercio, per salvaguardare la sicurezza alimentare e i mezzi di sussistenza degli agricoltori e per limitare il rischio di infezione umana da ceppi di influenza aviaria con potenziale zoonotico.

Foto: Pixabay