Home Attualità I residui antimicrobici rilasciati nell’ambiente alimentano i “superbatteri”

I residui antimicrobici rilasciati nell’ambiente alimentano i “superbatteri”

448
0

Il Global Leaders Group sulla resistenza antimicrobica ha invitato tutti i Paesi a ridurre la quantità di residui antimicrobici che entrano nell’ambiente. Ciò include la ricerca e l’attuazione di misure per lo smaltimento sicuro dei rifiuti antimicrobici provenienti dai sistemi alimentari, della salute umana e animale e dagli impianti di produzione.

L’appello arriva dall’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente che si è svolta a Nairobi, dove i Paesi hanno discusso delle sfide ambientali più urgenti del mondo. A darne notizia è l’Oie, l’Organizzazione mondiale per la salute animale.

Il Global Leaders Group on Antimicrobial Resistance comprende capi di stato, ministri di governo e leader del settore privato e della società civile. Il gruppo è stato istituito nel novembre 2020 per accelerare lo slancio politico globale, la leadership e l’azione sulla resistenza antimicrobica (AMR) ed è co-presieduto da Mia Amor Mottley, primo ministro delle Barbados, e Sheikh Hasina, primo ministro del Bangladesh.

I rifiuti di farmaci antimicrobici inquinano l’ambiente

L’invito all’azione del Global Leaders Group chiede a tutti i Paesi di migliorare le misure per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti contenenti antimicrobici e del deflusso da siti di produzione, fattorie, ospedali e altre fonti.

Gli antimicrobici somministrati a esseri umani, animali e piante stanno entrando nell’ambiente e nelle fonti d’acqua (comprese le fonti di acqua potabile) attraverso le acque reflue, i rifiuti, i deflussi e le acque reflue. Da qui diffondono organismi resistenti ai farmaci e agli antimicrobici.

Ciò potrebbe alimentare un aumento di “superbatteri” resistenti a diversi tipi di farmaci antimicrobici. Potrebbe anche danneggiare gli organismi nell’ambiente. Ridurre la quantità di inquinamento antimicrobico che entra nell’ambiente è fondamentale per preservare l’efficacia dei farmaci antimicrobici

Il Global Leaders Group invita tutti i Paesi a sviluppare e attuare regolamenti e standard per monitorare e controllare meglio la distribuzione e il rilascio nell’ambiente di antimicrobici e organismi resistenti ai farmaci.

Altre azioni chiave includono:

–    Nel settore manifatturiero, sviluppare standard nazionali sull’inquinamento da produzione antimicrobica per controllare e monitorare meglio l’inquinamento antimicrobico.

 –   Nel settore della salute umana e animale, applicare leggi e politiche per ridurre o eliminare l’uso di antimicrobici che non sono sotto la guida di un operatore sanitario qualificato.

 –   Nei sistemi alimentari, attuazione di standard per il trattamento e la gestione degli scarichi da allevamenti di cibo-animali, allevamenti di acquacoltura e campi coltivati.

L’inazione avrà gravi conseguenze per la salute umana, animale, vegetale e ambientale

I farmaci antimicrobici, inclusi antibiotici, antimicotici e antiparassitari, sono utilizzati nella medicina umana e veterinaria in tutto il mondo. Sono usati per curare e prevenire malattie nell’uomo e negli animali e talvolta nella produzione alimentare per promuovere la crescita di animali sani. I pesticidi antimicrobici sono utilizzati anche in agricoltura per curare e prevenire le malattie delle piante.

L’attuale uso di farmaci antimicrobici negli esseri umani, negli animali e nelle piante sta portando a un preoccupante aumento della resistenza ai farmaci e rende le infezioni più difficili da trattare. I microbi resistenti ai farmaci e gli agenti patogeni che causano malattie possono passare tra esseri umani, animali, piante e cibo e nell’ambiente.

La crisi climatica potrebbe anche contribuire a un aumento della resistenza antimicrobica. Le malattie resistenti ai farmaci contribuiscono a quasi 5 milioni di decessi ogni anno. È necessaria un’azione urgente per frenare l’aumento e la diffusione della resistenza antimicrobica in tutti i Paesi. Il mondo si sta rapidamente avvicinando a un punto critico in cui gli antimicrobici necessari per curare le infezioni non saranno più efficaci. L’impatto sui sistemi sanitari, sulle economie, sulla sicurezza alimentare e sui sistemi alimentari locali e globali sarà devastante.

“Le connessioni tra resistenza antimicrobica, salute ambientale e crisi climatica stanno diventando sempre più forti”, afferma la co-presidente del Global Leader Group on Antimicrobial Resistance, Mia Amor Mottley. “Dobbiamo agire ora per proteggere l’ambiente e le persone ovunque dagli effetti dannosi dell’inquinamento antimicrobico”.

Comprendere e gestire l’inquinamento antimicrobico globale dovrebbe essere una priorità per tutti i Paesi

Sebbene la scala esatta dell’inquinamento antimicrobico globale sia sconosciuta, le prove indicano che potrebbe avere un impatto significativo sulla resistenza antimicrobica. Ad esempio, i batteri multiresistenti sono già diffusi nelle acque marine e nei sedimenti vicini all’acquacoltura, agli scarichi industriali e municipali.

Le persone in tutti i Paesi possono svolgere un ruolo assicurandosi di smaltire correttamente i medicinali scaduti e non utilizzati. Gli investitori possono anche contribuire finanziando la ricerca e lo sviluppo di tecnologie per la gestione dei rifiuti economicamente vantaggiose e più ecologiche.

Foto: ©beawolf_Fotolia