Home Attualità Guerra in Ucraina, l’indice IGC sale del 13%. Le previsioni incerte sui...

Guerra in Ucraina, l’indice IGC sale del 13%. Le previsioni incerte sui cereali

501
0
importazioni

L’International Grain Council ha pubblicato le nuove proiezioni della domanda e dell’offerta dei cereali. L’indice IGC Grains and Oilseeds (GOI) è aumentato del 13%, toccando il massimo dei suoi 22 anni di storia. Il conflitto Russia-Ucraina ha innescato enormi guadagni nei mercati dei cereali e dei semi oleosi.

Tuttavia, con Russia e Ucraina tra i maggiori esportatori mondiali di cereali e semi oleosi, il conflitto e il conseguente aumento dei prezzi delle materie prime agricole ha alimentato le preoccupazioni sui potenziali rischi per la sicurezza alimentare. In particolare nei Paesi dipendenti dalle importazioni del Medio Oriente e dell’Africa.

Lo scenario globale

Le minacce immediate sono principalmente incentrate sull’interruzione dei flussi di esportazione. I carichi commerciali nei porti del Mar Nero sono attualmente sospesi in Ucraina. Sebbene ci siano sforzi per aumentare le esportazioni attraverso le linee ferroviarie è probabile che i volumi complessivi siano limitati. Recentemente è stato introdotto un sistema di licenze di esportazione per l’olio di frumento, mais e semi di girasole, mentre le spedizioni di orzo, segale, avena e miglio sono attualmente vietate. Sebbene l’entità delle perdite infrastrutturali sia sconosciuta, i potenziali danni alle strutture portuali, alle ferrovie e ai silos di stoccaggio potrebbero avere un impatto sulle spedizioni a lungo termine.

La maggior parte dei terminal russi del Mar Nero erano operativi da metà marzo, ma con alcune restrizioni in corso nel Mar d’Azov. Sebbene i carichi siano ripresi di recente, i volumi potrebbero essere ostacolati da restrizioni sui finanziamenti commerciali e requisiti aggiuntivi per l’assicurazione del trasporto marittimo.

Ulteriori esportazioni da altre origini, tra cui India, Stati Uniti, Ue e Brasile, probabilmente compenseranno solo parzialmente le minori spedizioni del Mar Nero. Con i prezzi elevati che dovrebbero razionare la domanda, si prevede che il commercio mondiale di grano e mais per il 2021/22 non sarà all’altezza delle previsioni precedenti. Per il 2022/23 prevarranno le incertezze. Ci sono anche significativi rischi al ribasso per i raccolti di grano e semi oleosi dell’Ucraina 2022/23, che potrebbero esacerbare le carenze di forniture per le esportazioni a lungo termine.

Il conflitto ha accresciuto le preoccupazioni per le strette catene di approvvigionamento globali di fertilizzanti. I motivi sono legati alle spedizione limitate nella regione, nonché per le ultime sanzioni contro Russia e Bielorussia, rispettivamente due dei principali fornitori mondiali di fertilizzanti azotati e potassici. Anche l’aumento dei prezzi del gas naturale, una materia prima chiave per la produzione di fertilizzanti azotati, ha contribuito ai recenti aumenti di prezzo. Con prezzi di input elevati e disponibilità limitate già preoccupanti prima delle ostilità, l’aumento dei costi di produzione potrebbe influire sulle decisioni imminenti sulla superficie e sui tassi di applicazione, con possibili implicazioni per i raccolti globali e la qualità del raccolto.

Le previsioni nel dettaglio

Principalmente legata a un aumento per il mais, la previsione per la produzione mondiale di cereali (frumento e cereali secondari) per il 2021/22 è aumentata di 3 milioni di t/m (mese su mese), a 2.284 milioni. Si prevede che le interruzioni delle esportazioni del Mar Nero e l’aumento dei prezzi porteranno a un certo razionamento della domanda. Il consumo sarà inferiore di 8 milioni di tonnellate, mentre la cifra del commercio globale (luglio/giugno) è tagliata di 9 milioni. Principalmente riflettendo un previsto accumulo di scorte in Ucraina, le scorte finali mondiali cumulative sono ora stimate in aumento su base annua. Le proiezioni della domanda e dell’offerta per il 2022/23 sono insolitamente incerte.

Le previsioni del raccolto globale di soia per il 2021/22 sono ridotte di 3 milioni di tonnellate, a 350 milioni (-5% a/a). Con scarsi riporti che contribuiscono a una riduzione delle forniture, le prospettive di utilizzo e le scorte sono ridotte. Quest’ultime di 1 milione di tonnellate, a 42 milioni, circa un quinto in meno a/a. Data la diminuzione delle disponibilità e i valori elevati, il valore del commercio viene ridimensionato e scende a/a. Collegato alle risposte anticipate dell’offerta nei tre principali produttori (Argentina, Brasile Usa), l’area di raccolto potrebbe espandersi del 2% a/a nel 2022/23.

La stima della produzione di riso del Consiglio per il 2021/22 è aumentata di 4 milioni di tonnellate. Si tratta di un picco di 514 milioni (+1% a/a), con l’aumento netto m/m delle forniture convogliate verso un Outlook aggiornato per un consumo totale da record. Includendo un aumento per le importazioni cinesi, le prospettive commerciali per il 2022 (gennaio/dicembre) sono aumentate di 1 milione di tonnellate m/mese sarebbero stabili a/a. Legata ai guadagni in India e in altri produttori chiave, si prevede che la superficie globale raggiungerà un picco nel 2022/23.

Foto: ©candy1812_Fotolia