Home Attualità Proteine vegetali, gli agricoltori all’Ue: “Lavoriamo per l’autosufficienza”

Proteine vegetali, gli agricoltori all’Ue: “Lavoriamo per l’autosufficienza”

217
0
foto pixabay

Le proteine di origine vegetale sono sempre più richieste dai consumatori europei. Per questo gli agricoltori chiedono all’Unione europea un’azione incisiva sulla filiera. In un comunicato COPA & COGECA, FEFAC ed EUROSEEDS, spiegano perché si dovrebbero promuovere le coltivazioni delle proteine vegetali e quali azioni sono oggi necessarie.

Perché l’Europa deve investire sulle proteine vegetali

Le proteine ​​di origine vegetale sono una componente indispensabile dell’alimentazione animale. Inoltre, svolgono un ruolo sempre più importante nell’alimentazione umana a causa del cambiamento delle abitudini alimentari più incentrate sulle diete a base vegetale. Dal 2013, l’industria alimentare ha aumentato la diversità e la quantità di prodotti a base di legumi in Europa. Le diete flexitariane, vegetariane e vegane stanno diventando sempre più diffuse negli Stati membri dell’UE.

Da decenni, l’Europa ha una carenza di fonti proteiche che viene colmata dalle importazioni. Senza dubbio, l’Europa deve e può fare di più in termini di aumento della produzione nazionale di proteine ​​dalle piante. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario rafforzare le politiche a lungo termine, stabili e coerenti per consentire la catena del valore delle proteine ​​europee.

Allevatori e agricoltori sono già impegnati nel proporre sementi e pratiche agronomiche migliorate per una migliore gestione delle risorse e una migliore qualità e quantità di cibo per ettaro. I risultati sono già visibili. Un esempio è lo sviluppo dei legumi che fissano l’azoto nell’aria, migliorano la fertilità del suolo e sono parte integrante della strategia per gestire i nutrienti e ridurre le emissioni di gas serra.

Il ruolo degli agricoltori europei

COPA e COGECA, FEFAC ed EUROSEEDS sono pronti a sostenere l’aumento della domanda e della produzione di proteine ​​di origine vegetale coltivate nell’UE, ma chiede un’azione a livello europeo per consentire una produzione europea sostenibile. L’Unione Europea è strutturalmente in deficit da molti anni e il trend della domanda di proteine ​​continua a crescere. La situazione richiede un intervento urgente.

Per realizzare un piano proteico dell’UE sostenibile il settore deve essere competitivo, di alta qualità e resiliente alle numerose sfide economiche, ambientali, climatiche e tecnologiche. Per raggiungere questi obiettivi, c’è bisogno di politiche europee e degli Stati membri coerenti. La catena del valore delle proteine ​​dell’UE deve avere un quadro giuridico e obiettivi chiari per sviluppare prodotti europei sostenibili a soddisfare la domanda. Ad esempio, le nuove norme sull’agricoltura biologica e le possibili interruzioni del commercio intensificheranno la già esistente carenza di mangimi proteici organici strutturali nell’UE.

COPA & COGECA, FEFAC ed EUROSEEDS chiedono una collaborazione urgente con la Commissione Europea e gli Stati membri per costruire soluzioni per affrontare questa sfida. Per le organizzazioni di settore servirebbe un aumento della produzione per ettaro delle colture già insediate, un aumento del contenuto proteico, della biodisponibilità e della proporzione di aminoacidi essenziali nelle colture chiave (come ad esempio i cereali). Infine, da una migliore prezzi a livello di azienda agricola di contenuto proteico o qualità superiore allo standard.

Inoltre, in molti casi, e a causa della limitata superficie coltivata, le colture proteiche sono considerate usi minori e colture speciali per le quali non esistono soluzioni sufficienti a livello aziendale per la gestione di parassiti e malattie. Per supportare efficacemente queste produzioni è necessaria un’adeguata cassetta degli attrezzi di soluzioni sia per gli agricoltori che per gli allevatori.

Nonostante i progressi nelle tecnologie di selezione, coltivazione e trasformazione delle piante, è improbabile che l’Europa raggiunga l’autosufficienza del tutto. Una dipendenza dalle importazioni di proteine ​​dai Paesi terzi proseguirà in futuro. In tale ottica, dovrebbero essere incoraggiate iniziative di approvvigionamento responsabile (ad esempio linee guida per l’approvvigionamento di soia, ecc.) al fine di promuovere pratiche sostenibili di coltivazione e commercio.

Conclusioni

In definitiva, gli agricoltori chiedono di aumentare la produzione proteica interna per ridurre la dipendenza dalle importazioni, aumentare la diversità nell’uso delle colture e ridurre l’impronta di carbonio.

Pertanto COPA & COGECA, FEFAC ed EUROSEEDS invitano l’UE:

1) a fornire un quadro UE coerente che consenta la competitività delle catene del valore delle proteine vegetali​​europee

2) a incentivare in modo significativo e a lungo termine agli stakeholder

3) a sviluppare un bilancio per tenere traccia delle produzioni e dei consumi di proteine ​​vegetali alimentari e supportare lo sviluppo dei bilanci nazionali delle proteine ​​per mangimi

4) a sviluppare un quadro favorevole all’innovazione per la ricerca e lo sviluppo competitivi

5) a sostenere la comunicazione educativa ai consumatori sulle pratiche di produzione agricola sostenibile dell’UE e sui vantaggi di una dieta diversificata ed equilibrata che includa alimenti a base di proteine ​​vegetali.

Foto: Pixabay