Home Attualità Lafigma, Fao estende la campagna globale contro il parassita del mais fino...

Lafigma, Fao estende la campagna globale contro il parassita del mais fino al 2023

124
0

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) estenderà la sua campagna globale contro uno dei parassiti delle piante più invasivi al mondo, la lafigma, che sta distruggendo raccolti per miliardi di dollari nonostante i progressi e una serie di misure per affrontarla.

“La lafigma non conosce confini e sta continuando la sua rapida marcia in tutto il mondo”. A parlare è il direttore generale della FAO QU Dongyu, intervenendo al Comitato Direttivo del FAO Global Action for Fall Armyworm Control, l’Azione Globale della FAO per il controllo del parassita. Durante l’incontro Dongyu ha approvato l’estensione dell’attività fino alla fine del 2023 e ampliato il campo di applicazione.

Di recente, nel 2016, solo sei Paesi africani hanno segnalato il parassita, che divora dozzine di colture diverse. Oggi lo stanno segnalando 78 Paesi in Africa, Vicino Oriente, Asia e Pacifico. Nella sola Africa, si stima che l’organismo parassita causi fino a 9,4 miliardi di dollari di perdite annuali di raccolto, ha affermato Qu.

La sua diffusione sta determinando un uso intensificato dei pesticidi, mettendo a rischio la salute umana e ambientale. In risposta, la FAO Global Action for Fall Armyworm Control sta coordinando misure globali in tutta l’Africa, il Medio Oriente e l’Asia.

La FAO ha istituito un meccanismo di coordinamento funzionale a livello globale e regionale. Le tattiche di gestione integrata dei parassiti (IPM) sono state testate in otto aree geografiche con buoni risultati. Gli ibridi di mais tolleranti alla lafigma sono ora disponibili presso l’International Wheat and Maize Improvement Center (CIMMYT) per i test e la distribuzione nei Paesi africani. Infine, la formazione, in collaborazione con i partner governativi, ha raggiunto oltre 140 000 partecipanti, per lo più agricoltori e operatori agricoli.

Rapporti sull’impatto promettente

I rapporti sull’impatto di queste misure sono promettenti. In Burkina Faso, le perdite di rendimento causate dalla lafigma sono costantemente pari o inferiori al 5% dal 2020 e i biopesticidi e il controllo biologico hanno mostrato un’efficacia sul campo fino al 90% contro il parassita.

Nonostante questi risultati, ci sono ancora sfide da affrontare. Il parassita continua a diffondersi, raduni e corsi di formazione su larga scala sono ancora ostacolati dal Covid-19, l’adozione dell’IPM e la riduzione della perdita dei raccolti sono uniformi da Paese a Paese. Inoltre, l’uso di pesticidi pericolosi persiste.

La FAO ha per questo prolungato l’Azione Globale fino alla fine del 2023. L’estensione consentirà una maggiore diffusione delle tecnologie IPM e, aumentando l’ambito dell’azione globale, affronterà molteplici minacce di parassiti attraverso una gestione sostenibile della salute delle piante, sul modello One Health Initiative.

La FAO ha lanciato la Global Action for Fall Armyworm Control (2019-2022) a dicembre 2019 come risposta urgente alla rapida diffusione della lafigma. L’iniziativa integra le attività in corso della FAO sul parassita. L’azione globale ha istituito un meccanismo di coordinamento che consente un dialogo aperto e collaborativo per soluzioni basate sulla scienza, sostiene l’istituzione di task force nazionali sul controllo dei parassiti e aiuta a mobilitare risorse per la ricerca applicata e la divulgazione tecnica.

Foto: Pixabay