Home Attualità Banche di vaccini, l’iniziativa di Oie per la prevenzione della malattie animali

Banche di vaccini, l’iniziativa di Oie per la prevenzione della malattie animali

68
0
vaccini_pixabay

Banche di vaccini di alta qualità per immunizzare gli animali. Lo strumento è stato istituito dall’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) con l’obiettivo di fornire il farmaco ai Paesi bisognosi.

La salute degli animali e la prevenzione delle malattie animali sono missioni fondamentali dell’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE). L’immunizzazione degli animali contro le malattie grazie alla vaccinazione, quando i vaccini esistono, è il miglior metodo preventivo per fermarne la diffusione. La vaccinazione ha persino portato alla completa eradicazione della peste bovina, una volta una malattia mortale del bestiame. Malattie come la rabbia, la peste dei piccoli ruminanti (PPR) o l’afta epizootica (FMD) possono essere contenute grazie alla vaccinazione.

Tuttavia, l’attuazione di efficaci campagne di vaccinazione degli animali può essere difficile. Avere le risorse per acquistare e fornire vaccini di qualità, a volte in aree remote, rispettando i fattori di stoccaggio e trasporto per mantenere le proprietà dei vaccini, può essere difficile.

Per questo l’OIE, con il supporto di donatori e partner, ha istituito banche di vaccini per diverse malattie. Dalla creazione della sua prima banca di vaccini per controllare l’influenza aviaria nel 2006, l’OIE ha aiutato i suoi membri ad affrontare diverse malattie degli animali. Le banche di vaccini dell’OIE consentono la consegna di vaccini conformi agli standard internazionali tempestivamente e ad un prezzo basso e fisso prestabilito. Poiché i vaccini vengono spediti in modo sicuro e rapido, i Paesi beneficiari possono concentrarsi su altri aspetti essenziali delle loro strategie nazionali sulle malattie, come la sensibilizzazione, la formazione dei vaccinatori o il miglioramento delle misure di biosicurezza.

A dicembre 2021, le banche di vaccini dell’OIE hanno consentito la somministrazione di una quantità significativa di dosi contro rabbia, afta epizootica e PPR.

Foto: Pixabay