Home Attualità Farm to fork: consultazione pubblica per le nuove tecniche genomiche

Farm to fork: consultazione pubblica per le nuove tecniche genomiche

321
0
pixabay

La Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica per raccogliere pareri sulle nuove tecniche genomiche (NGT) per le piante. Nel corso degli ultimi mesi la Commissione ha delineato una strategia sulle piante ottenute mediante nuove tecniche genomiche. L’avvio della consultazione pubblica dovrebbe contribuire a queste attività e allo sviluppo di un nuovo quadro normativo. Potranno partecipare alla consultazione, che rimarrà aperta fino al 22 luglio, autorità pubbliche, operatori del settore, la società civile e chiunque sia interessato a dare il suo contributo in materia.

L’importanza delle nuove tecniche genomiche

Le nuove tecniche genomiche sono in grado di modificare il materiale genetico di organismi che potrebbero essere impiegati per scopi alimentari, industriali o farmaceutici. Queste nuove tecniche, sviluppate negli ultimi vent’anni, consentono maggiore rapidità, specificità ed efficienza nei processi di selezione vegetale, e si prevede che continueranno ad aumentare.

Il lavoro della Commissione europea

Su richiesta del Consiglio, lo scorso anno la Commissione ha pubblicato uno studio in cui sottolineava che le nuove tecniche genomiche sono potenzialmente in grado di fornire un supporto ai sistemi agroalimentari sostenibili, in linea con gli obiettivi del Green Deal europeo e della strategia “Farm to fork”.

Stella Kyriakides, commissaria europea per la Salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: “La sostenibilità alimenterà costituirà una forza trainante per conseguire gli obiettivi del Green Deal europeo, in particolare per quelli della strategia ‘Farm to fork’ e della strategia sulla biodiversità. L’innovazione è al centro del nostro lavoro e riteniamo che le biotecnologie moderne, e in particolare le nuove tecniche genomiche, possano contribuire a rendere più sostenibili i sistemi agroalimentari in futuro. Tuttavia, la protezione degli elevati standard europei di sicurezza alimentare e la salute dei consumatori devono sempre avere la precedenza”.

“Tenendo a mente la potenziale nuova legislazione, dovremo valutare una serie di questioni complesse. Per questo motivo – ha concluso la rappresentante della Commissione – invito chiunque sia interessato a condividere il proprio parere, in modo da avere un ampio riscontro su questa importante iniziativa.”

Sulla base dei risultati della consultazione e di un’ulteriore analisi nei prossimi mesi, anche sotto forma di una valutazione d’impatto, la Commissione continuerà a lavorare a una proposta legislativa che sarà presentata al Parlamento europeo e al Consiglio entro la metà del 2023.

Foto: Pixabay