Home Economia Mangimi, Fefec: produzione Ue stabile ma diminuirà la domanda

Mangimi, Fefec: produzione Ue stabile ma diminuirà la domanda

318
0

La produzione di mangimi nell’Unione europea è rimasta stabile nel 2021. In prospettiva, la diffusione delle malattie animali e il continuo rally del mercato globale dei cereali alimentato dall’invasione russa dell’Ucraina dovrebbero ridurre la domanda di mangimi composti nel 2022 di 4-5 milioni di tonnellate. A dirlo è la FEFACFederazione dei produttori europei di mangimi.

La produzione dell’Ue di mangimi per animali d’allevamento nel 2021 è stimata a 150,2 milioni di tonnellate, con un aumento dello 0,03 % rispetto al 2020, secondo i dati forniti dai membri FEFAC. Fatta eccezione per il settore dei mangimi per suini, tutti gli altri comparti sono riusciti a stabilizzare o aumentare leggermente la loro produzione nonostante la pandemia di Covid-19, il rally del mercato globale dei cereali, le interruzioni della catena di approvvigionamento e la diffusione di malattie animali nel 2021.

Suini

A seguito della situazione critica della carne suina in Ue, la produzione di mangimi per suini è diminuita del -1,5% nel 2021. Ad incidere sul calo di produzione sono state la riduzione della domanda di carne nei principali mercati di esportazione (divieto di importazione sanitaria e recupero dell’Asia-Pacifico dalla Peste suina africana), costi elevati per i cereali da foraggio, l’impatto della PSA e un aumento significativo della produzione nel 2020. Germania, Francia, Portogallo, Spagna, Austria, Slovenia e Ungheria i Paesi più colpiti dal fenomeno. I Paesi Bassi e il Belgio hanno continuato con la riduzione del numero di capi nei loro allevamenti di suini al fine di ridurre le emissioni ambientali dell’agricoltura.

Avicoli

Il settore dei mangimi per specie avicole dell’Ue è riuscito ad aumentare la propria produzione dell’1,1% rispetto all’anno precedente, riprendendosi parzialmente dalle perdite legate alle misure di blocco del Covid (canale HORECA) nel 2020. Irlanda, Spagna, Italia, Portogallo, Austria, Finlandia e Romania hanno registrato una crescita di più del 5% mentre è stata segnalata una diminuzione in Germania, Francia, Belgio, Svezia, Polonia e Lituania principalmente a causa degli elevati costi delle materie prime (agricoltori che non iniziano un nuovo ciclo/rotazione), dell’influenza aviaria e dei prezzi al dettaglio bassi o ridotti delle uova incidendo sul settore avicolo.

Bovini

La produzione di mangime per bovini è leggermente aumentata dello 0,2% rispetto all’anno precedente a causa di un maggiore aumento della produzione in Irlanda, Bulgaria e Austria (+6%) a seguito di una grave siccità che ha colpito la crescita dei pascoli. In Italia e nella Repubblica Ceca gli allevatori hanno deciso di acquistare mangimi composti industriali piuttosto che miscelare i loro mangimi negli allevamenti, reagendo ai costi elevati delle materie prime.

Prospettive di mercato per il 2022

Osservando le prospettive di mercato per il 2022, si prevede che il settore dei suini e quello avicolo dell’UE ridurranno le proprie attività a causa dell’alto costo delle materie prime per mangimi, della minore domanda di mercato e dell’espansione dei focolai di influenza aviaria (AI) in diversi Paesi. Pertanto, le stime dei membri della FEFAC diminuiscono del -4,2% per i mangimi per suini e del -3% per i mangimi per avicoli. La produzione di mangimi per bovini dovrebbe diminuire del -1,6%.

Nel complesso, si stima che la produzione di mangimi composti industriali diminuirà del -2,9% (ovvero 4,3 milioni di tonnellate) rispetto al 2021. Tuttavia, le incertezze del mercato rimangono molto elevate a causa dell’aggressione russa in corso in Ucraina. L’immediata perdita di mais da foraggio, farina di girasole e altre materie prime per mangimi dall’Ucraina e dalla Russia potrebbe essere solo parzialmente compensata dall’aumento delle importazioni di mangimi, principalmente dagli Stati Uniti e dal Canada. Le principali sfide logistiche persistono su come spostare le scorte di grano esistenti fuori dall’Ucraina e continueranno ad avere un impatto sulla disponibilità del mercato nel nuovo anno di commercializzazione.

Fattori chiave di mercato che potrebbero incidere sulla domanda di mangimi composti nel 2022:

 1)   La continua diffusione delle malattie degli animali (AI e PSA)

 2)   Incertezze economiche legate principalmente alla guerra in Ucraina

 3)  I prezzi alla stalla per i prodotti animali sono inferiori al prezzo di costo

 4)  Altre decisioni politiche dell’UE (pressione sulla riduzione dei gas a effetto serra e di altre emissioni, politica del benessere e catene di approvvigionamento libere dalla deforestazione)

 5)  Interruzioni nella catena di approvvigionamento dovute al Covid (restrizioni in Cina che incidono sull’esportazione di additivi e altri ingredienti per mangimi).

Foto: @Frank_Seifert – Fotolia.png