Home Attualità Insicurezza alimentare, Fao: “La guerra rimane il principali fattore della fame”

Insicurezza alimentare, Fao: “La guerra rimane il principali fattore della fame”

354
0
insicurezza alimentare

Maggiori finanziamenti per l’agricoltura, per garantire che ci sia cibo disponibile e accessibile in situazioni di crisi. A chiederlo è il capo dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), QU Dongyu osservando che il conflitto “rimane il principale fattore per la fame”.

“Il mio messaggio di oggi è più rilevante di prima: l’agricoltura è una delle chiavi per una pace e una sicurezza durature”, ha detto QU Dongyu a un dibattito del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a New York dal titolo “Manutenzione della pace e della sicurezza internazionale – Conflitti e alimentazione Sicurezza alimentare” Il direttore generale della Fao ha osservato che solo l’8% del finanziamento totale per il settore della sicurezza alimentare umanitaria va all’agricoltura. Nel frattempo, la guerra in Ucraina rischia di aumentare il numero già crescente di persone minacciate dall’insicurezza alimentare in tutto il mondo.

I numeri dell’insicurezza alimentare nel mondo

Nel 2021, il numero di persone afflitte da insicurezza alimentare acuta è salito a quasi 193 milioni, con un aumento di 40 milioni rispetto al 2020, ed è destinato ad aumentare ulteriormente quest’anno, secondo il Global Report on Food Crises. Afghanistan, Somalia, Sud Sudan e Yemen corrono il rischio di dover affrontare una carestia.

L’aumento è il risultato di diversi fattori, tra cui la pandemia di Covid-19 e la crisi climatica. Tuttavia, il conflitto rimane il principale fattore che contribuisce alla fame nel mondo. Tra il 2018 e il 2021, il numero di persone in situazioni di crisi nei Paesi in cui il conflitto è stato il principale fattore di insicurezza alimentare acuta è aumentato dell’88%.

La guerra tra Russia e Ucraina, due dei maggiori fornitori mondiali di grano e olio di girasole, ha sconvolto le esportazioni e la logistica e ha seriamente compromesso la disponibilità di cibo. Inoltre, l’aumento dei prezzi dell’energia e dei fertilizzanti sta mettendo a rischio il prossimo raccolto globale. Secondo gli ultimi scenari della Fao, il conflitto potrebbe aumentare la denutrizione cronica di altri 18,8 milioni di persone entro il 2023.

Il ruolo della FAO

La Fao ha raggiunto più di 30 milioni di persone in tutto il mondo con assistenza agricola di emergenza e programmi di sviluppo della resilienza nel 2021. In Afghanistan, ad esempio, la Fao ha fornito a 3 milioni di persone pacchetti per la coltivazione del grano che costano solo 160 dollari ciascuno e soddisfano il fabbisogno di cereali di base per una famiglia di sette componenti per un anno intero. In Etiopia, nonostante le difficoltà di accesso, le sementi e i materiali di piantagione forniti dalla Fao e dai partner del Cluster agricolo hanno consentito agli agricoltori locali di produrre 900.000 tonnellate di cibo, cinque volte più delle forniture alimentari umanitarie e commerciali che sono entrate nella regione.

Tuttavia, rimangono gravi sfide. Per prevenire l’accelerazione delle tendenze acute dell’insicurezza alimentare nei prossimi mesi e anni, Qu ha sottolineato l’importanza di espandere la produzione alimentare a livello nazionale fornendo denaro e input cruciali per la produzione di cereali e ortaggi; oltre a proteggere il bestiame con trattamenti, vaccinazioni, mangimi e acqua. “Le filiere e le catene del valore agroalimentari devono essere rafforzate con l’impegno del settore pubblico e privato a sostegno dei piccoli agricoltori e delle famiglie”, ha affermato.

Qu ha anche invitato la comunità globale a destinare nuove risorse per sostenere la produzione agricola in contesti difficili e a investire di più nell’innovazione e nelle nuove tecnologie, in particolare nella gestione dell’acqua, e in sistemi informativi di mercato più trasparenti. “I membri hanno urgente bisogno di trasformare i loro sistemi agroalimentari in modo che siano più efficienti, – ha affermato Qu – più inclusivi, più resilienti e più sostenibili per una migliore produzione, una migliore alimentazione, un ambiente migliore e una vita migliore, senza lasciare indietro nessuno”.

Foto: Pixabay