Home Attualità Specie acquatiche, Woah: “Più sorveglianza contro le nuove malattie”

Specie acquatiche, Woah: “Più sorveglianza contro le nuove malattie”

219
0
pesca animali acquatici

La vita sott’acqua è sensibile ai cambiamenti che il mondo sta attraversando. Proprio come per gli animali terrestri, l’emergere di nuove malattie sta mettendo a dura prova le popolazioni di specie acquatiche e gli ecosistemi in cui vivono. È probabile che questo fenomeno non si arresterà presto, guidato da fattori come il cambiamento climatico e il commercio non regolamentato.

Per questo l’Organizzazione mondiale per la Salute Animale ha lanciato la sua strategia globale per la salute delle specie acquatiche nel 2021. Nell’ambito del piano di implementazione di questa strategia, l’Organizzazione fornisce ai servizi nazionali per la salute delle specie acquatiche raccomandazioni per migliorare la sorveglianza malattie degli animali acquatici. La sorveglianza mira a identificare e gestire i rischi associati a queste malattie che possono avere un impatto sulla produzione e sul commercio di prodotti ittici. È un passo preliminare fondamentale per garantire la diagnosi precoce e la risposta al verificarsi di malattie. Tale risultato può aiutare i Paesi a soddisfare i requisiti commerciali e facilitare lo scambio sicuro di specie acquatiche e dei loro prodotti.

L’importanza del settore ittico e le raccomandazioni Woah

Le malattie possono avere gravi conseguenze sullo sviluppo sostenibile dei sistemi animali acquatici e sulla sicurezza alimentare. Inoltre, possono comportare un minor numero di prodotti ittici immessi sul mercato, di cui oltre un terzo è commercializzato a livello internazionale. In un mondo in cui 50 milioni di persone dipendono dalla pesca e dall’acquacoltura per il loro sostentamento, il controllo delle malattie delle specie acquatiche continua a essere fondamentale.

L’Organizzazione Mondiale per la Salute Animale incoraggia i suoi membri ad attuare le raccomandazioni di sorveglianza fornite nel Codice Acquatico e nel Manuale. Tra le raccomandazioni ci sono quella di segnalare qualsiasi evento patologico rilevante in modo trasparente e tempestivo e di pubblicare autodichiarazioni di assenza della malattia. Alla 89a Sessione Generale dell’Organizzazione, l’Assemblea Mondiale dei Delegati ha adottato una versione rivista dello Standard sulla sorveglianza delle malattie, con l’obiettivo di guidare i membri attraverso il processo di autodichiarazione di assenza di una malattia degli animali acquatici utilizzando prove solide.

L’acquacoltura è riconosciuta come il settore di produzione alimentare in più rapida crescita al mondo, con quasi il 50% della fornitura globale di specie acquatiche e prodotti da essa derivati. Ciò significa che la produzione di prodotti ittici contribuisce sempre più alla nutrizione umana, alla riduzione della povertà e allo sviluppo sostenibile. Un’autorità globale che opera a livello transfrontaliero per migliorare la salute degli animali, l’Organizzazione mondiale per la salute animale esorta i Paesi ad attuare i suoi standard internazionali. Poiché la popolazione mondiale e la domanda di cibo continuano a crescere, la costruzione di una migliore sorveglianza contribuirà a garantire una migliore salute delle specie acquatiche in tutto il mondo e a proteggere la salute della vita sott’acqua.

Foto: Pixabay