Home Attualità Latte, il ruolo del settore per la sostenibilità in 5 punti

Latte, il ruolo del settore per la sostenibilità in 5 punti

124
0
Latte

Latte e latticini possono contribuire in modo significativo a un mondo Fame Zero. Con una quota compresa tra 720 e 811 milioni di persone che hanno sofferto la fame nel 2020, produrre più cibo per sfamare una popolazione in crescita è solo una parte del quadro. La vera necessità è garantire a tutti l’accesso a nutrienti essenziali e adeguati.

Ogni giorno, latte e latticini forniscono nutrimento essenziale a miliardi di persone in tutto il mondo. Dai bambini piccoli agli anziani, il latte può contribuire a una vita sana e attiva. Grazie alla sua composizione ricca di sostanze nutritive, il latte è il terzo più grande fornitore di proteine ​​e il quinto più grande fornitore di energia, migliorando la nutrizione globale e rafforzando la salute umana.

La produzione mondiale di latte è cresciuta ampiamente in risposta all’aumento della domanda dei consumatori e ciò ha implicazioni per la sostenibilità dei sistemi caseari. La FAO e la Global Dairy Platform stanno collaborando per rendere la produzione lattiero-casearia più sostenibile e per rafforzare il contributo dei prodotti lattiero-caseari a migliori sistemi agroalimentari.

Ecco cinque modi in cui il settore lattiero-caseario contribuisce a sistemi agroalimentari sani:

1. Raggiungere la sicurezza alimentare

Latte e latticini sono alleati cruciali contro la fame e l’insicurezza alimentare. Sono ricchi di macronutrienti (carboidrati, grassi e proteine), nonché di micronutrienti essenziali come vitamina A, vitamina B12, calcio e magnesio. Il consumo di latte e prodotti lattiero-caseari è stato associato a un aumento della crescita lineare sia nelle popolazioni più ricche che in quelle più povere.

Con centinaia di milioni di persone che ancora non hanno accesso a un’alimentazione adeguata e soffrono di deprivazione alimentare cronica, malnutrizione e carenze nutrizionali, il latte e i latticini forniscono una buona fonte di nutrimento in tutte le fasi della vita.

2. Offrire mezzi di sussistenza e stimolare la crescita economica

I sistemi caseari forniscono da vivere a centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. Inoltre contribuiscono direttamente al sostentamento di oltre 500 milioni di persone estremamente povere, molte delle quali sono produttori di latte su piccola scala.

Dei 570 milioni di aziende agricole in tutto il mondo, più di una su quattro alleva almeno un animale da latte, tra cui mucche, bufali, cammelli, capre e pecore. Le mucche sono di gran lunga l’animale da latte più comune nei Paesi ad alto, basso e medio reddito. Spinta dalla crescita demografica ed economica, in particolare nei Paesi a basso e medio reddito, si prevede che la domanda di prodotti zootecnici aumenterà notevolmente nei prossimi 30 anni. Promuovendo le migliori pratiche per la gestione del bestiame, la FAO sta contribuendo a garantire che questo aumento della domanda sia gestito in modo sostenibile.

3. Promuovere una salute

La salute umana è strettamente legata alla salute e al benessere degli animali ea quella dell’ambiente. Il miglioramento della salute degli animali è fondamentale per la salute dell’uomo e del pianeta. Questo concetto è noto come One Health e fa parte dell’approccio olistico sostenuto dalla FAO. Inoltre, le malattie degli animali limitano la produzione e riducono il contributo del bestiame a mezzi di sussistenza resilienti, crescita economica e sicurezza alimentare.

Sia la salute umana che quella animale hanno storicamente beneficiato dell’uso di antimicrobici. Tuttavia, l’uso di antimicrobici nel bestiame è ora quasi tre volte quello della medicina umana. Con i livelli di resistenza agli antimicrobici e le conseguenze associate in aumento a livello globale, i sistemi zootecnici dovrebbero modellare le loro risposte verso la sostenibilità in modo da ridurre la necessità di questi farmaci. La FAO sostiene una migliore prevenzione delle malattie e il ricorso a trattamenti veterinari, buone pratiche agricole e programmi di vaccinazione per proteggere la salute degli animali da latte, aiutando gli allevatori e i pastori a ridurre l’uso di antimicrobici e a gestire il rischio di resistenza antimicrobica alla radice.

4. Contribuire alla conservazione della biodiversità e delle risorse genetiche

La maggior parte delle persone è consapevole dell’impatto che il bestiame ha sulle risorse naturali e sulle emissioni di gas serra. Tuttavia, non molti sono consapevoli di come i sistemi zootecnici sostenibili possano contribuire alla conservazione della biodiversità e delle risorse genetiche per l’alimentazione e l’agricoltura. Se gestito in modo sostenibile, il bestiame contribuisce a importanti funzioni dell’ecosistema, come il ciclo dei nutrienti, il sequestro del carbonio organico del suolo e il mantenimento dei paesaggi agricoli.

La partnership della FAO per la valutazione ambientale e le prestazioni del bestiame (LEAP), ad esempio, offre una piattaforma globale a governi, agricoltori, responsabili politici, produttori e ricercatori di tutto il mondo per discutere e sviluppare linee guida che valutino l’impatto del bestiame sull’ambiente.

5. Ridurre le emissioni di gas serra

La produzione lattiero-casearia è aumentata a livello globale del 30% tra il 2005 e il 2015. In condizioni normali, ciò avrebbe aumentato le emissioni di gas serra del 38%. Tuttavia, la crescita della produzione è stata ottenuta in parte grazie al miglioramento dell’efficienza e della produzione di latte. Le emissioni di gas serra sono aumentate solo del 18% durante questo periodo. Il settore lattiero-caseario sta lavorando per sfruttare questi miglioramenti nella sua risposta al riscaldamento globale e per ridurre le sue emissioni di gas serra.

La buona notizia è che ci sono anche molte opportunità per ridurre le emissioni degli animali allevati. Pathways to Dairy Net Zero, ad esempio, è una nuova iniziativa sul clima lanciata da un gruppo di stakeholder del settore lattiero-caseario, guidati dalla Global Dairy Platform e supportati dalla FAO, per affrontare il contributo dei sistemi caseari al riscaldamento globale, mentre allo stesso tempo tempo continuando a fornire alimenti nutrienti e mezzi di sussistenza a milioni di persone.

La FAO, la Global Dairy Platform e altri partner stanno lavorando per costruire un futuro sostenibile per i sistemi caseari e agroalimentari nel loro insieme. Continuando a lavorare per la sostenibilità, i prodotti lattiero-caseari possono svolgere un ruolo importante nel raggiungimento di un mondo senza fame.

Foto: Pixabay