Home Attualità International Grain Council, produzione dei cereali in calo a giugno

International Grain Council, produzione dei cereali in calo a giugno

333
0

Con un record di 2.290 milioni di tonnellate, la produzione mondiale di cereali (frumento e cereali grezzi) per il 2021/22 è stimata leggermente in calo. Le previsioni per consumi e scorte finali sono complessivamente immutate. Nonostante i modesti aumenti per frumento e mais, il commercio globale cresce di 1 milione di tonnellate in più a giugno, arrivando a 417 milioni. A dirlo è l’International Grain Council (Igc) che ha pubblicato le nuove proiezioni in materia di produzione e scorte di cereali. LIGC Grains and Oilseeds Index (GOI) è sceso del 5% a giugno.

Le previsioni nel dettaglio

Principalmente legata a una proiezione rivista del mais per l’Ucraina, dove la superficie ha superato le aspettative iniziali, la produzione totale di cereali nel 2022/23 è superiore di 4 milioni di tonnellate rispetto al rapporto di maggio. Sebbene il consumo previsto sia leggermente aumentato, la maggior parte dell’offerta maggiore viene convogliata in scorte, che saranno 3 milioni di tonnellate in più rispetto a prima, arrivando a 583 milioni. Il commercio è destinato a scendere a 405 milioni di tonnellate, in aumento di 1 milione di metri quadrati.

Gli aggiornamenti marginali per il Sud America e l’India aumentano leggermente la stima della produzione mondiale di soia per il 2021/22. Tuttavia, una produzione a 351 milioni di tonnellate è notevolmente inferiore rispetto allo scorso anno. Sulla base degli incrementi per il Brasile e alcuni produttori minori, la produzione mondiale 2022/23 sarà leggermente superiore, in aumento dell’11%. Con forniture poco variate a giugno, un aumento del valore dell’utilizzo totale si traduce in una riduzione delle aspettative per le scorte, sebbene ancora in aumento in modo significativo. La previsione del Consiglio per il commercio è mantenuta per questo mese.

Con un aggiornamento per l’India che ha più che compensato le riduzioni per altri produttori, la produzione mondiale di riso 2021/22 è stimata leggermente superiore a 515 milioni di tonnellate, +1% rispetto lo scorso mese. Sebbene le prospettive per il risultato globale del 2022/23 siano ridotte, rimarrebbero comunque le più grandi mai registrate. Le proiezioni per azioni e scambi vengono mantenute da prima o vicino ai picchi di tutti i tempi.

Una panoramica per il prossimo anno

A causa della maggiore produzione di mais e frumento, la produzione totale di cereali per il 2021/22 è prevista del 3% in più per quest’anno. Con l’aumento dell’offerta che ha superato la crescita dei consumi segnando il primo accumulo dal 2016/17, guidato da un aumento in Ucraina. Si prevede che le scorte di fine stagione aumenteranno dell’1%, arrivando a 607 milioni di tonnellate. Collegato in parte alla riduzione dei flussi di esportazione del Mar Nero, il commercio mondiale si ridurrà a 417 milioni di tonnellate (-2%).

A 2.255 milioni di tonnellate, la produzione totale di cereali nel 2022/23 dovrebbe diminuire del 2%, trainata da una produzione di mais più piccolo (-29 milioni) e grano (-12 milioni). Sebbene le prospettive di consumo siano contrastanti, un previsto calo della domanda di mangimi potrebbe vedere un calo dell’utilizzo totale, a 2.280 milioni di tonnellate. Con un calo relativamente più marcato dell’offerta, i riporti mondiali dovrebbero ridursi, collocati in calo del 4%, a 583 milioni di tonnellate. Supponendo che la logistica continua e difficile del Mar Nero, il commercio mondiale potrebbe diminuire di un ulteriore 3%, a 405 milioni di tonnellate.

In una stagione caratterizzata da una notevole riduzione dei raccolti sudamericani, si stima che la produzione mondiale di soia nel 2021/22 sia diminuita di 18 milioni di tonnellate l’anno. Dato il contesto di offerta più ristretto, si prevede che consumi e commercio si contrarranno, mentre le scorte si rafforzeranno. Legata all’aumento della superficie coltivata e a una ripresa dei rendimenti nell’emisfero australe, la produzione potrebbe recuperare fortemente nel 2022/23, dell’11%. Si prevede che il commercio aumenterà dell’8% in un anno.

Con raccolti più grandi previsti per gli esportatori asiatici, la produzione mondiale di riso sarà di 518 milioni di tonnellate nel 2022/23. Principalmente legato alla crescita della popolazione, ma con prezzi relativamente più bassi rispetto alle alternative potenzialmente alla base della domanda, il consumo è previsto a un nuovo picco. Le scorte sono invariate poiché i guadagni dei principali esportatori, principalmente l’India, hanno compensato un calo delle riserve cinesi. Il commercio dovrebbe rimanere elevato nel 2023 sulla domanda africana.

Foto: fonte Pixabay