Home Attualità Antimicrobici, trend in diminuzione: -27% negli animali

Antimicrobici, trend in diminuzione: -27% negli animali

235
0

L’uso di antimicrobici negli animali di tutto il mondo è diminuito del 27% tra il 2016 e il 2018 (in base ai dati delle settandue nazioni presso la quale lavora la WOAH). Progressi simili sono stati riscontrati nell’uso di antibiotici per la promozione della crescita. I dati sono stati diffusi l’Organizzazione mondiale per la salute animale (WOAH, fondata come OIE). In passato un modo per aumentare la produttività negli animali allevati per il consumo umano era l’uso di antibiotici negli animali sani per stimolare la crescita: questa pratica non esiste più in quasi il 70% dei paesi dichiaranti.

La resistenza agli antimicrobica

I farmaci antimicrobici, che hanno aperto la strada a condizioni di vita migliori per gli esseri umani e gli animali, stanno tuttavia perdendo la loro efficacia contro numerosi microbi. Il fenomeno è noto come “resistenza antimicrobica”.

Parzialmente un processo naturale, la resistenza antimicrobica può essere notevolmente accelerata dall’uso eccessivo o improprio degli antimicrobici, che possono esercitare una pressione selettiva affinché gli agenti patogeni con tratti di resistenza sopravvivano e prosperino. Questi “superbatteri” possono quindi viaggiare attraverso corsi d’acqua, suolo e aria, infettando tutti gli esseri viventi, indipendentemente dalla loro specie, lungo il percorso. La resistenza antimicrobica è una minaccia silenziosa per l’uomo, gli animali, le piante e l’ambiente.

Per decenni, gli esperti hanno avvertito che la resistenza antimicrobica era una minaccia per le generazioni future. Oggi è diventato una delle principali cause di morte nell’uomo. Solo nel 2019, circa 1,27 milioni di persone sono morte a causa di batteri resistenti ai farmaci antibiotici, secondo uno studio pubblicato su The Lancet. Tuttavia, la percentuale delle morti legate alla resistenza antimicrobica negli animali rimane ancora poco chiara. Il fenomeno può originarsi in popolazioni animali, umane o vegetali, ma poi rappresenta una minaccia per tutte le altre specie. Per frenarlo efficacemente, tutti i settori devono unire le forze e incoraggiare l’uso prudente degli antimicrobici.

L’iniziativa del WOAH

La registrazione e l’analisi dei dati sull’uso degli antimicrobici è fondamentale per comprendere appieno questo rischio crescente e multiforme. Con l’obiettivo di monitorare le tendenze nel settore della salute degli animali, WOAH ha avviato un processo annuale di raccolta dei dati nel 2015. L’iniziativa ha visto un impegno costante e maggiore da parte dei membri dell’organizzazione, che hanno migliorato la loro capacità di raccogliere e fornire informazioni più dettagliate su volta. Nonostante le interruzioni causate dal Covid-19, quasi 160 paesi hanno partecipato all’ultima raccolta dati e alcuni di loro hanno anche pubblicato le proprie informazioni su piattaforme nazionali. Si tratta, ad oggi, della più completa serie di informazioni disponibili sull’uso degli antimicrobici negli animali.

“Con l’aumento della proporzione di agenti patogeni resistenti agli antimicrobici, gli sforzi della comunità scientifica per accelerare lo sviluppo di nuovi antibiotici e farmaci per combattere i “superbatteri” dovrebbero raddoppiare”, ha affermato il dott. Javier Yugueros-Marcos, responsabile della resistenza antimicrobica e dei prodotti veterinari Dipartimento dell’Organizzazione Mondiale per la Salute Animale. “Soprattutto, dobbiamo vedere un maggiore uso di alternative come i vaccini e promuovere vantaggi rapidi come lavarsi le mani con acqua saponata e cambiare vestiti e stivali prima di trattare o trattare gli animali”.

Fornire l’accesso a dati solidi e affidabili è dunque una priorità strategica per il WOAH, in quanto aiuta i decisori a identificare esattamente dove è più urgente intervenire a livello locale, il che a sua volta supporta anche la risposta globale alla resistenza antimicrobica.

“Siamo sulla strada giusta nel settore animale: ora dobbiamo cogliere questo slancio e continuare a utilizzare gli antimicrobici con prudenza se vogliamo preservarne l’efficacia per le generazioni future”, avverte il dottor Monique Eloit, direttore generale dell’Organizzazione mondiale per la salute animale.