Home Attualità Agricultural Outlook 2022-31: clima, guerra e fame le sfide del settore

Agricultural Outlook 2022-31: clima, guerra e fame le sfide del settore

186
0

Il settore agroalimentare globale dovrà affrontare sfide fondamentali nel prossimo decennio: dalla necessità di nutrire una popolazione in continuo aumento in modo sostenibile, agli impatti della crisi climatica e le conseguenze economiche e alimentari legate alla guerra in Ucraina. A scriverlo nero su bianco è un nuovo rapporto pubblicato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

L’OCSE-FAO Agricultural Outlook 2022-2031 si concentra sulla valutazione delle prospettive a medio termine per i mercati delle materie prime agricole. I risultati del rapporto sottolineano il ruolo cruciale della spesa pubblica aggiuntiva e degli investimenti privati ​​nella produzione, nella tecnologia dell’informazione e nelle infrastrutture, nonché del capitale umano per aumentare la produttività agricola.

L’analisi dell’OCSE-FAO Agricultural Outlook 2022-2031

I prezzi dei prodotti agricoli sono stati spinti al rialzo da una serie di fattori tra cui la ripresa della domanda in seguito allo scoppio della pandemia di COVID-19 e le conseguenti interruzioni dell’offerta e degli scambi, il maltempo che ha colpito i principali fornitori e l’aumento dei costi di produzione e trasporto che sono stati ulteriormente esacerbati di recente dalle incertezze relative alle esportazioni agricole dall’Ucraina e dalla Russia, entrambi fornitori chiave di cereali. Il ruolo della Russia nei mercati dei fertilizzanti ha anche aggravato le preoccupazioni già esistenti sui prezzi dei fertilizzanti e sulla produttività a breve termine.

Il rapporto fornisce una valutazione a breve termine di come la guerra possa influenzare sia i mercati agricoli globali che la sicurezza alimentare e sottolinea i principali rischi per i principali mercati delle materie prime: i prezzi di equilibrio del grano potrebbero essere del 19% al di sopra dei livelli prebellici se l’Ucraina perdesse completamente la sua capacità di esportare e del 34% se in aggiunta le esportazioni russe raggiungessero il 50% degli importi normali. Uno scenario che simula una grave carenza di esportazioni dall’Ucraina e dalla Russia nel 2022/23 e 2023/24 suggerisce un ulteriore aumento del numero di persone cronicamente denutrite nel mondo.

Le conseguenze della guerra in Ucraina

“Senza la pace in Ucraina le sfide per la sicurezza alimentare che il mondo deve affrontare continueranno a peggiorare, soprattutto per i più poveri del mondo”, ha affermato il segretario generale dell’OCSE Mathias Cormann. “Una fine immediata della guerra sarebbe la cosa migliore per le persone sia in Russia che in Ucraina e per le numerose famiglie in tutto il mondo che stanno soffrendo per i forti aumenti dei prezzi causati dalla guerra”.

“L’aumento dei prezzi di cibo, fertilizzanti, mangimi e carburante, così come l’inasprimento delle condizioni finanziarie, stanno diffondendo sofferenze umane in tutto il mondo”, ha affermato il direttore generale della FAO QU Dongyu. “Si stima che circa 19 milioni di persone in più potrebbero soffrire di denutrizione cronica a livello globale nel 2023, se la riduzione della produzione alimentare globale e dell’offerta alimentare dai principali paesi esportatori, tra cui Russia e Ucraina, si tradurrà in una minore disponibilità di cibo che colpisce in tutto il mondo”.

Gli obiettivi europei

Pur affrontando i problemi immediati, la comunità globale non dovrebbe perdere di vista la necessità di lavorare per raggiungere l’Agenda 2030 e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS). Secondo l’Agricultural Outlook, si prevede che il consumo alimentare globale annuo aumenterà dell’1,4% nel prossimo decennio e sarà trainato principalmente dalla crescita della popolazione. La maggior parte della domanda aggiuntiva di cibo continuerà a provenire dai Paesi a basso e medio reddito, mentre nei Paesi ad alto reddito la domanda sarà limitata dalla lenta crescita della popolazione e dalla saturazione del consumo pro capite di diversi gruppi di prodotti alimentari. L’alimentazione nei Paesi a basso reddito, tuttavia, rimarrà probabilmente in gran parte basata sui prodotti di base e il consumo di cibo non aumenterà a sufficienza per raggiungere l’obiettivo Fame Zero entro il 2030.

Nel prossimo decennio si prevede che la produzione agricola globale aumenterà dell’1,1% all’anno, con la produzione aggiuntiva che scaturirà principalmente dai Paesi a reddito medio e basso. Le prospettive presuppongono un più ampio accesso agli input e mostrano che maggiori investimenti volti a migliorare la produttività in tecnologia, infrastrutture e formazione saranno determinanti della crescita agricola. Tuttavia un aumento prolungato dei prezzi dei fattori di produzione dell’energia e dell’agricoltura, come i fertilizzanti, aumenterà i costi di produzione e potrebbe limitare la produttività e la crescita della produzione nei prossimi anni.

Foto: fonte Pixabay