Home Attualità G20, FAO: “Essenziali investimenti e un migliore utilizzo delle risorse”

G20, FAO: “Essenziali investimenti e un migliore utilizzo delle risorse”

278
0
©FAO

Le sfide che minano la sicurezza alimentare globale richiedono investimenti, riforme politiche e un migliore uso delle risorse. A dirlo è il direttore generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), QU Dongyu in una riunione chiave del G20.

“I recenti eventi globali, dalla pandemia di COVID-19 alla crisi climatica, i molteplici conflitti nel mondo e la guerra in Ucraina, hanno tutti pesantemente colpito i sistemi agroalimentari in diversi modi”, ha detto Qu alla riunione degli alti rappresentanti del governo del G20 Sherpa.

Qu ha citato l’edizione 2022 lanciata di recente del rapporto SOFI (State of Food Security and Nutrition in the World), che conferma che la fame nel mondo è nuovamente aumentata nel 2021, riflettendo le crescenti disuguaglianze tra e all’interno dei paesi. Le persone che hanno sofferto la fame nel 2021 sono 828 milioni, con un aumento di 46 milioni dal 2020 e 150 milioni dal 2019 prima della pandemia.

Il conflitto in Ucraina aggrava le sfide

La guerra in Ucraina si è aggiunta a una situazione già difficile e potrebbe portare a un aumento di 13 milioni di persone cronicamente denutrite quest’anno e di 17 milioni in più nel 2023, secondo le stime della FAO.

Un’altra sfida globale è l’aumento dell’inflazione, con i prezzi alimentari mondiali in aumento dalla metà del 2020 a causa di molti fattori. L’Indice FAO dei prezzi alimentari a 160 punti, ha raggiunto il massimo storico nel marzo 2022.

Il mese scorso, l’indice, che traccia le variazioni mensili dei prezzi internazionali di un paniere di prodotti alimentari comunemente scambiati, ha raggiunto una media di 154,2 punti, in calo del 2,3% rispetto a maggio, ma è rimasto del 23,1% in più rispetto a giugno 2021, ha osservato Qu durante la riunione del G20.

La FAO calcola che l’aumento del conto delle importazioni alimentari per i 62 paesi più vulnerabili ammonta a 24,6 miliardi di dollari nel 2022 e colpisce 1,79 miliardi di persone.

In risposta a questa sfida crescente, la FAO ha sviluppato una proposta per un Fondo globale di finanziamento delle importazioni alimentari. La proposta mira ad aiutare i paesi a finanziare i loro acquisti alimentari per ridurre al minimo il rischio di disordini sociali. “Questa proposta dovrebbe essere attuata dal FMI (Fondo Monetario Internazionale) nell’ambito del meccanismo finanziario della bilancia dei pagamenti”, ha esortato il Direttore Generale della FAO.

Anche i prezzi medi dei fertilizzanti sono aumentati in modo significativo, quasi triplicando dalla metà del 2021, insieme all’aumento dei prezzi dell’energia. I cambiamenti nelle rotte commerciali e gli attuali vincoli aumenteranno ulteriormente il prezzo globale dei fertilizzanti. Se i paesi che producono i principali alimenti di base, come il riso, non sono in grado di ottenere abbastanza fertilizzanti nella prossima stagione della semina, ciò potrebbe influire sulla fornitura globale di cibo.

La riduzione degli scambi e l’interruzione della catena di approvvigionamento sono fonte di grande preoccupazione, ha affermato il direttore generale. Alla fine di maggio, 22 paesi avevano implementato restrizioni all’esportazione attraverso 39 misure che andavano dai divieti alle tasse all’esportazione che interessavano quasi il 16% delle esportazioni agricole, su base kilocalorica.

Il pacchetto di misure necessario presentato al G20

Per affrontare queste sfide, Qu ha affermato che la comunità internazionale ha bisogno di attuare un pacchetto di misure:

Investire nei paesi più bisognosi che sono più colpiti dall’aumento dei prezzi dei generi alimentari. Oltre a fornire tempestivi aiuti alimentari, dobbiamo anche concentrarci sull’aumento della produttività prestando maggiore attenzione alla produzione locale di cibo nutriente. Attualmente solo l’8% di tutti i finanziamenti per la sicurezza alimentare in caso di emergenza va ad aiutare la produzione agricola. Investire nell’agricoltura e nei mezzi di sussistenza rurali è strategico e più conveniente rispetto all’assistenza tradizionale.

Mettere in atto politiche che aumentino la produttività e proteggano le risorse naturali e che siano specifiche per le esigenze regionali. Trasformare i sistemi agroalimentari per fornire diete sane e nutrienti e con risultati più equi richiederà un investimento finanziario significativo, stimato all’8% delle dimensioni del mercato agroalimentare. Dobbiamo anche accelerare l’area di libero scambio continentale africana. Il commercio intraregionale e gli investimenti dovrebbero essere accelerati in tutte le regioni del mondo.

Garantire un uso migliore e più efficiente degli output e degli input disponibili per produrre di più con meno. Ciò deve includere l’acqua, con 1 miliardo di ettari di terreni agricoli che devono affrontare gravi vincoli idrici. Dobbiamo ottenere guadagni efficienti nel modo in cui utilizziamo l’acqua in agricoltura. Ridurre le perdite e gli sprechi alimentari è fondamentale. Le attuali elevate quantità di perdite e sprechi potrebbero sfamare circa 1,26 miliardi di persone all’anno. I fertilizzanti devono anche essere utilizzati in modo più efficiente.

Conclusioni

Il direttore generale della FAO ha affermato che gli acceleratori chiave per tutti questi punti sono l’innovazione, la scienza e la tecnologia. L’investimento in ricerca e sviluppo è la più alta utilità marginale per i profitti. L’innovazione tecnologica e sociale può ridurre i fallimenti del mercato e migliorare il funzionamento del mercato.

I sistemi agroalimentari digitali dovrebbero essere ampliati per aiutare la trasformazione degli agricoltori a conduzione familiare. Un’azione coordinata all’interno del G20 e oltre, “è fondamentale per facilitare il buon funzionamento dei mercati alimentari globali e per garantire l’approvvigionamento alimentare per tutti”, ha affermato Qu.

Foto: fonte FAO