Home Attualità Sicurezza alimentare, l’appello: “Investire in un’agricoltura resiliente”

Sicurezza alimentare, l’appello: “Investire in un’agricoltura resiliente”

133
0

“Chiediamo ai paesi di rafforzare le reti di sicurezza, facilitare il commercio, aumentare la produzione e investire in un’agricoltura resiliente”. L’appello arriva dal direttore generale dell’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) Qu Dongyu, il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale (FMI) Kristalina Georgieva, il presidente del Gruppo Banca Mondiale (WBG) David Malpass, il direttore Esecutivo del Programma Alimentare Mondiale (WFP) David Beasley e il direttore denerale Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), Ngozi Okonjo-Iweala. In una nota congiunta i leader delle organizzazioni internazionali hanno espresso l’urgenza di affrontare la crisi globale della sicurezza alimentare.

L’appello

La pandemia di COVID-19, l’interruzione delle catene di approvvigionamento internazionali e la guerra in Ucraina hanno gravemente sconvolto i mercati di cibo, carburante e fertilizzanti, che sono interconnessi. A giugno 2022 il numero di persone in condizioni di insicurezza alimentare acuta è aumentato a 345 milioni in 82 paesi secondo il Programma Alimentare Mondiale, WFP. A peggiorare le cose, circa 25 paesi hanno reagito all’aumento dei prezzi alimentari adottando restrizioni all’esportazione che interessano oltre l’8% del commercio alimentare globale. Inoltre, a complicare la risposta dell’approvvigionamento alimentare c’è il raddoppio dei prezzi dei fertilizzanti negli ultimi dodici mesi, che riflette costi record di input come il gas naturale.

Le azioni globali, che sono costantemente aumentate nell’ultimo decennio, devono essere rilasciate per abbassare i prezzi. Tutto ciò sta accadendo in un momento in cui lo spazio fiscale per l’azione del governo è già gravemente limitato a seguito della pandemia di COVID-19. Al di là del breve termine, il cambiamento climatico sta influenzando strutturalmente la produttività dell’agricoltura in molti paesi.

Le azioni da compiere a lungo termine

Per evitare ulteriori battute d’arresto nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile, sono necessarie azioni a breve e lungo termine in quattro aree chiave: (i) fornire sostegno immediato ai soggetti vulnerabili, (ii) facilitare il commercio e l’approvvigionamento alimentare internazionale, (iii) stimolare la produzione e (iv) ) investire in un’agricoltura resiliente al clima.

Fornire supporto immediato ai più vulnerabili: rafforzare rapidamente le reti di sicurezza per le famiglie vulnerabili a livello nazionale e garantire che il WFP disponga di risorse sufficienti per servire i più bisognosi è una priorità. Le operazioni del WFP dovrebbero essere agevolate attraverso azioni come il recente accordo dei membri dell’OMC di non imporre restrizioni all’esportazione sui suoi acquisti di cibo per scopi umanitari. A meno che non siano ben mirati, i sussidi energetici e alimentari sono costosi e inefficienti. Dovrebbero essere sostituiti con trasferimenti di denaro che raggiungono solo i più vulnerabili. Nel tempo, i sistemi di protezione sociale efficaci possono essere ampliati per coprire più persone. I migliori sistemi includono un targeting forte e sistemi di registrazione, consegna e pagamento efficienti, spesso sfruttando la tecnologia.

Facilitare il commercio e l’approvvigionamento internazionale di cibo: a breve termine, liberare le scorte, come appropriato e coerente con le regole dell’OMC, e trovare una soluzione diplomatica per evacuare i cereali e i fertilizzanti attualmente bloccati in Ucraina, contribuirà a far fronte alla disponibilità e all’accessibilità dei prodotti alimentari forniture. Facilitare il commercio e migliorare il funzionamento e la resilienza dei mercati globali dell’alimentazione e dell’agricoltura, compresi cereali, fertilizzanti e altri fattori di produzione agricola, sono fondamentali, come indicato nella dichiarazione ministeriale dell’OMC sulla risposta alle emergenze all’insicurezza alimentare. La crisi del 2008 ci ha insegnato che l’imposizione di restrizioni al commercio globale porta direttamente all’aumento dei prezzi dei generi alimentari.

La rimozione delle restrizioni all’esportazione e l’adozione di ispezioni e procedure di licenza più flessibili aiutano a ridurre al minimo le interruzioni di fornitura e a ridurre i prezzi. Sarà fondamentale aumentare la trasparenza attraverso le notifiche all’OMC e migliorare il monitoraggio delle misure commerciali.

Promuovere la produzione: è necessario agire per incoraggiare gli agricoltori e i pescatori a promuovere la produzione alimentare sostenibile, sia nei paesi in via di sviluppo che nei paesi sviluppati, e migliorare le catene di approvvigionamento che li collegano agli otto miliardi di consumatori nel mondo. Ciò richiede fertilizzanti, sementi e altri input a prezzi accessibili attraverso il settore privato come attore principale in questi mercati. Anche fornire capitale circolante a produttori competitivi è una priorità fondamentale. Guardando al futuro, la diffusione della conoscenza delle migliori pratiche da parte di FAO, WBG e altri sarà la chiave per aumentare l’uso efficiente dei fertilizzanti attraverso il rapido dispiegamento di mappe del suolo, servizi di estensione e tecnologia per l’agricoltura di precisione. Ciò fornirà ai produttori il know-how necessario, fondamentale per mantenere i livelli di produzione e promuovere un uso sostenibile delle risorse naturali.

Investire in un’agricoltura resiliente al clima: sostenere investimenti resilienti nella capacità agricola e fornire sostegno all’adattamento, piccole aziende agricole, sistemi alimentari e tecnologie intelligenti per il clima sono essenziali per sviluppare un’agricoltura resiliente e intelligente per il clima che garantirà una produzione costante negli anni a venire . Anche il lavoro sulle norme e sulla definizione di standard per la sicurezza alimentare e sulle infrastrutture della catena del valore (strutture di stoccaggio, impianti di raffreddamento, infrastrutture bancarie e infrastrutture assicurative) è importante per aumentare l’accesso e ridurre le disuguaglianze.

Rafforzare le reti di sicurezza

L’esperienza precedente dimostra che è importante sostenere i paesi in via di sviluppo colpiti da aumenti dei prezzi e carenze per soddisfare i loro bisogni urgenti senza far deragliare gli obiettivi di sviluppo a più lungo termine. È essenziale garantire che i paesi più vulnerabili che devono far fronte a notevoli problemi di bilancia dei pagamenti possano coprire il costo dell’aumento della loro fattura di importazione alimentare per ridurre al minimo qualsiasi rischio di disordini sociali. Il finanziamento dello sviluppo dovrebbe fornire ai clienti valide alternative alle politiche introspettive come i divieti all’esportazione o i sussidi globali alle importazioni di fertilizzanti. Gli investimenti in reti di sicurezza scalabili e in un’agricoltura resiliente ai cambiamenti climatici e in una pesca e acquacoltura sostenibili sono buoni esempi vantaggiosi per tutti.

Chiediamo ai paesi di rafforzare le reti di sicurezza, facilitare il commercio, aumentare la produzione e investire in un’agricoltura resiliente. Le esigenze specifiche del paese dovrebbero essere identificate e definite attraverso un processo su base nazionale che mobiliti gli investimenti delle banche multilaterali di sviluppo per collegare le opportunità a breve, medio e lungo termine. E ci impegniamo a lavorare insieme per supportare questo processo attraverso l’Alleanza globale per la sicurezza alimentare, convocata congiuntamente dalla Presidenza del G7 e dal WBG, per monitorare i fattori trainanti e l’impatto dei prezzi più elevati e contribuire a garantire che investimenti, finanziamenti, dati e -le conoscenze pratiche sono disponibili per i paesi bisognosi.

Foto: fonte Pixabay