Home Attualità Mangime circolare, FEFAC: “Chiave per la sostenibilità”

Mangime circolare, FEFAC: “Chiave per la sostenibilità”

168
0
mangimi composti

Il “mangime circolare” per animali è un concetto relativamente recente, anche se l’industria europea dei mangimi ha sempre recuperato i nutrienti nelle materie prime secondarie da altri processi industriali. Il recupero e la riduzione delle perdite di nutrienti sono essenziali in quanto ciò garantisce il contributo della produzione di mangimi nell’economia circolare dell’allevamento. Questo sistema alimentare circolare mantiene preziose sostanze nutritive nella catena alimentare che altrimenti andrebbero sprecate.A ricordarlo è in un comunicato FEFAC, la Federazione dei produttori europei di mangimi.

Il ruolo dell’industria dei mangimi in tutto il mondo

L’industria dei mangimi svolge un ruolo cruciale nella chiusura dei cicli dei nutrienti e nell’ottimizzazione della biodisponibilità per il consumo umano. I prodotti derivati ​​dall’allevamento come carne, latticini, uova e pesce dell’acquacoltura, sono un’ottima fonte di cibo nutriente per l’uomo. Gli animali da fattoria vengono allevati con mangimi costituiti da parti di piante che gli esseri umani non mangiano, come erba o residui di attività di trasformazione alimentare. Buoni esempi sono il recupero della crusca di frumento dai mugnai, per i quali non esisteva un mercato alimentare umano, la polpa di agrumi derivata dalla lavorazione degli agrumi o i pellet di polpa di barbabietola e melassa derivati ​​dalla produzione di zucchero.

La FEFAC ha recentemente pubblicato “Circular Feed – Optimized Nutrient Recovery Through Animal Nutrition“, una pubblicazione che mostra l’interpretazione pratica dell’industria europea dei mangimi del concetto di “Mangime circolare” con esempi di come il settore contribuisce all’economia circolare.

La strategia Farm to Fork della Commissione europea, pubblicata nel maggio 2020, ha fornito ulteriori stimoli su come utilizzare maggiormente gli ingredienti dei mangimi alternativi e di conseguenza ridurre l’impronta ambientale dei prodotti animali. Ma la FEFAC sottolinea che la valutazione d’impatto del prossimo quadro europeo deve rivedere in modo critico le misure estreme che limitano la circolarità e creano colli di bottiglia, limitando l’accesso a una gamma più ampia di fonti di nutrienti circolari.

Il commento dei vertici della FEFAC

“Nella pubblicazione proviamo a descrivere il nostro contributo all’economia circolare – commenta Anton van den Brink, Senior Policy & Communication Manager FEFAC – il mangime circolare è un concetto costruito da altri tipi di settori industriali, come l’edilizia, i rifiuti di rifiuti e le risorse trasformazione. Questa è un’economia circolare in quanto hai materie prime secondarie con nutrienti che, attraverso gli animali da allevamento e il processo di riciclo, trasforma in nutrienti altamente biodisponibili per il consumo umano. Gli esseri umani non possono consumare mangime, quindi non c’è concorrenza. L’industria del settore dei mangimi contribuisce ad aiutare l’allevamento del bestiame a entrare a far parte di sistemi di produzione alimentare più circolari ea basse emissioni di carbonio”.

“Il riciclo dei nutrienti attraverso gli animali da allevamento è una parte importante della nostra licenza di produrre come produttori europei di mangimi – aggiunge il presidente della FEFAC Asbjørn Børsting – Possiamo fornire molti esempi concreti già oggi, permettendoci di aumentare la quota nelle formulazioni di mangimi di mangimi circolari, non in competizione con l’uso diretto di cibo umano. Tuttavia, raccomandiamo una revisione sistematica e critica degli attuali colli di bottiglia legislativi nel quadro normativo dell’UE”.

Un quadro di sistemi alimentari sostenibili dovrebbe garantire che l’uso dei nutrienti che emergono dall’economia circolare non sia deviato verso l’uso della bioenergia a causa di incentivi fuorvianti per le energie rinnovabili. La FEFAC raccomanda di stabilire una chiara gerarchia per la biomassa ricca di nutrienti, dando la priorità all’uso dei nutrienti nella catena alimentare rispetto all’uso non alimentare. La pressione politica per aumentare la produzione di bioenergia può causare la perdita di preziosi flussi di biomassa residua dalla catena alimentare alla produzione di energia.

Foto: fonte Pixabay