Home Attualità Nuova Pac approvata in 7 Paesi: la trasformazione per la sostenibilità

Nuova Pac approvata in 7 Paesi: la trasformazione per la sostenibilità

196
0

La nuova politica agricola comune (PAC) diventa realtà in Europa. La Commissione europea ha adottato il primo pacchetto di piani strategici per sette paesi: Danimarca, Finlandia, Francia, Irlanda, Polonia, Portogallo e Spagna. La PAC beneficerà di 270 miliardi di euro di finanziamenti per il periodo 2023-2027.

La nuova politica agricola comune ha l’obiettivo di trasformare il settore agricolo in modo sostenibile, resiliente e moderno. Nell’ambito della politica riformata i finanziamenti saranno distribuiti più equamente alle piccole e medie aziende agricole a conduzione familiare e ai giovani agricoltori. Sarà inoltre fornito sostegno agli agricoltori per attuare soluzioni innovative, dall’agricoltura di precisione ai metodi di produzione agroecologici. Sostenendo azioni concrete in questi e in altri settori, la nuova PAC potrà essere il pilastro per la sicurezza alimentare e per le comunità agricole nell’Unione europea.

Cosa prevede la PAC

La nuova PAC prevede metodi di lavoro più efficienti ed efficaci. I paesi dell’UE attueranno i piani strategici della PAC nazionali in cui confluiranno i finanziamenti per il sostegno al reddito, lo sviluppo rurale e le misure di mercato. Nell’elaborare il proprio piano strategico della PAC ciascuno Stato membro ha scelto da un’ampia gamma di interventi a livello dell’UE, adattandoli e indirizzandoli in modo da rispondere alle proprie specifiche esigenze e condizioni locali. La Commissione ha verificato che ciascun piano convergesse verso i dieci obiettivi chiave della PAC, che riguardano le sfide ambientali, sociali ed economiche. “Abbiamo fatto un passo in un momento cruciale”, ha dichiarato Janusz Wojciechowski, Commissario per l’Agricoltura.

La PAC beneficerà di 270 miliardi di € di finanziamenti per il periodo 2023-2027. I sette piani rappresentano un bilancio di oltre 120 miliardi di €, di cui oltre 34 miliardi di € destinati esclusivamente agli obiettivi ambientali e climatici e ai regimi ecologici. Tale importo può essere utilizzato per promuovere pratiche benefiche per il suolo e migliorare, ad esempio, la gestione delle risorse idriche e la qualità dei pascoli. La PAC può inoltre promuovere l’imboschimento, la prevenzione degli incendi, il ripristino e l’adattamento delle foreste. Gli agricoltori che partecipano ai regimi ecologici possono essere ricompensati, tra l’altro, per aver vietato o limitato l’uso di pesticidi e per aver arginato l’erosione del suolo. Una percentuale compresa tra l’86% e il 97% della superficie agricola utilizzata a livello nazionale sarà coltivata sulla base delle buone condizioni agronomiche e ambientali.

Inoltre finanziamenti ingenti sosterranno lo sviluppo della produzione biologica, con l’obiettivo, per la maggior parte dei paesi, di raddoppiare o addirittura triplicare la propria superficie agricola. Le zone soggette a vincoli naturali, come le zone montane o costiere, continueranno a beneficiare di finanziamenti specifici per mantenere le proprie attività agricole.

Le sfide del settore agricolo europeo

Nel contesto dell’aggressione russa contro l’Ucraina e dell’attuale impennata delle materie prime la Commissione ha invitato gli Stati membri a sfruttare tutte le opportunità offerte dai piani strategici della PAC per rafforzare la resilienza del proprio settore agricolo al fine di promuovere la sicurezza alimentare. Queste opportunità comprendono la riduzione della dipendenza dai fertilizzanti sintetici, l’espansione della produzione di energia rinnovabile senza compromettere la produzione alimentare e la promozione di metodi di produzione sostenibili.

Una delle sfide principali che l’agricoltura europea dovrà affrontare nei prossimi anni è il ricambio generazionale. È essenziale che il settore agricolo rimanga competitivo e che l’attrattiva delle zone rurali aumenti. Il sostegno specifico ai giovani agricoltori sarà di oltre 3 miliardi di € che arriveranno direttamente ai giovani agricoltori dei sette paesi. I fondi per lo sviluppo rurale sosterranno migliaia di posti di lavoro e imprese locali nelle zone rurali, migliorando al contempo l’accesso ai servizi e alle infrastrutture, come la banda larga. In linea con la visione a lungo termine per le zone rurali dell’UE, le esigenze dei cittadini di queste zone saranno affrontate anche da altri strumenti dell’UE, come il dispositivo per la ripresa e la resilienza o i fondi strutturali e di investimento europei.

Dopo aver adottato i primi 7 piani strategici della PAC, la Commissione europea conferma pienamente il proprio impegno per la rapida approvazione dei 21 piani rimanenti, tenendo in considerazione la qualità e la tempestività delle reazioni a seguito delle osservazioni della Commissione.

Contesto

La Commissione europea ha presentato una proposta di riforma della politica agricola comune (PAC) nel 2018, introducendo nuovi metodi di lavoro per modernizzare e semplificare la politica agricola dell’UE. Il 2 dicembre 2021, a seguito di intensi negoziati tra il Parlamento europeo, il Consiglio dell’UE e la Commissione europea, è stato raggiunto un accordo ed è stata formalmente adottata la nuova PAC.

Il termine fissato dai colegislatori per la presentazione dei piani strategici della PAC da parte degli Stati membri era il 1º gennaio 2022. Dopo aver ricevuto i piani, la Commissione ha inviato lettere di osservazioni a tutti gli Stati membri entro il 25 maggio 2022, pubblicate sul sito web Europa con le reazioni degli Stati membri, in linea con il principio di trasparenza. Successivamente i servizi della Commissione e le autorità nazionali hanno riallacciato un dialogo strutturato per risolvere le questioni in sospeso e finalizzare i piani riveduti della PAC. Per essere adottato, ciascun piano deve essere completo, compatibile con la legislazione e sufficientemente ambizioso per realizzare gli obiettivi della PAC e gli impegni dell’UE in materia di ambiente e clima.

Foto: fonte Fotolia