Home Attualità Comitato pesca Fao: i piccoli pescatori hanno ruolo fondamentale

Comitato pesca Fao: i piccoli pescatori hanno ruolo fondamentale

131
0
pesca_pixabay

La pesca e l’acquacoltura, anche quelle su piccola scala, possono contribuire alla sicurezza alimentare e della nutrizione a livello mondiale. A dirlo è l’Organizzazione delle Nazioni Unite (FAO) durante la 35esima Sessione del Comitato per la Pesca (COFI35). La FAO tuttavia esorta gli Stati a garantire uno sviluppo del settore efficiente, inclusivo e sostenibile, riconoscendo il ruolo vitale dei pescatori su piccola scala e degli allevatori di pesce.

Il direttore generale della FAO Qu Dongyu ha aperto il forum intergovernativo sulla pesca. “Oggi più che mai, mentre affrontiamo molte sfide globali, la pesca e l’acquacoltura svolgono un ruolo sempre più importante nel fornire cibo, nutrizione e posti di lavoro in tutto il mondo”, ha affermato Qu, aggiungendo: “le nostre preziose risorse acquatiche devono essere gestite e utilizzate in modo responsabile e in modo sostenibile, guidati dalla migliore scienza disponibile” in quella che la FAO definisce una “Trasformazione Blu”.

La riunione COFI discuterà come sviluppare l’acquacoltura globale in modo sostenibile ed equo, migliorare la gestione della pesca e aumentare gli sforzi per eliminare la pesca illegale e come garantire la conservazione della biodiversità e lo sviluppo sostenibile della pesca e acquacoltura nel contesto di un clima che cambia.

Il codice di condotta per una pesca responsabile

Nei prossimi giorni i membri discuteranno anche dell’attuazione del Codice di condotta per una pesca responsabile, uno strumento chiave che guida gli sforzi per promuovere la pesca e l’acquacoltura sostenibili in tutto il mondo da oltre 25 anni.

Per supportare ulteriormente l’attuazione del Codice il Comitato inviterà i paesi ad approvare le prime Linee guida volontarie per il trasbordo, un nuovo strumento che fornirà ai membri e alle organizzazioni standard critici da applicare nelle loro politiche e normative. La regolamentazione, il monitoraggio e il controllo del trasbordo alimentano una pesca sostenibile. L’obiettivo è eliminare le scappatoie che consentono di trasferire senza autorizzazione il pesce proveniente dalla pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata da una nave all’altra e di entrare nel mercato.

Come rivela il rapporto della FAO del 2022 The State of World Fisheries and Aquaculture, l’acquacoltura ha assistito a una crescita drammatica e si prevede che la domanda dei consumatori guiderà un’ulteriore espansione. La crescita dell’acquacoltura, in particolare in Asia, ha portato la produzione totale di pesca e acquacoltura a un massimo storico di 214 milioni di tonnellate nel 2020. Il consumo globale di alimenti acquatici (escluse le alghe) è aumentato a un tasso medio annuo del 3% dal 1961, raggiungendo 20,2 kg pro capite, più del doppio del consumo negli anni ’60.

La FAO è impegnata nel “Blue Transformation”, un’iniziativa per affrontare le doppie sfide della sicurezza alimentare e della sostenibilità ambientale, garantendo nel contempo risultati equi e uguaglianza di genere. Qu ha anche annunciato il lancio del primo ricettario di pesce della FAO. Il libro combina ricette di cibo provenienti da tutto il mondo con le informazioni tecniche della FAO sull’ecologia, la sostenibilità e il contenuto nutrizionale del pesce utilizzato nelle ricette, alcune presentate da famosi chef.

Il contributo dei piccoli pescatori

In occasione dell’Anno internazionale della pesca artigianale e dell’acquacoltura, si è discusso del contributo che i piccoli pescatori e gli allevatori di pesce apportano alla vita e al sostentamento di intere comunità in tutto il mondo, in particolare nei paesi in via di sviluppo . “Tutti possiamo fare di più e dobbiamo continuare ad ascoltare le voci e le esigenze dei piccoli pescatori, allevatori e operatori ittici”, ha affermato Qu aprendo l’evento. Il direttore della Fao ha reso omaggio a “donne, uomini, giovani, popoli indigeni e comunità rurali che costituiscono la spina dorsale dei sottosettori della pesca su piccola scala e dell’acquacoltura. Oggi siamo qui per riconoscere e sostenere questo modo di vivere storico, ma dinamico e innovativo, e per preservarlo per le generazioni future”.

Infine Qu ha sottolineato l’importanza di sviluppare piani e strategie nazionali a sostegno della pesca su piccola scala e dell’acquacoltura, basandosi su strumenti consolidati come gli orientamenti volontari per garantire una pesca sostenibile su piccola scala nel contesto della sicurezza alimentare e dell’eliminazione della povertà.

Foto: fonte Pixabay