Home Attualità Commercio agroalimentare UE in aumento per il boom dei prezzi delle materie...

Commercio agroalimentare UE in aumento per il boom dei prezzi delle materie prime

298
0
pixabay

Balzo in avanti per il commercio agroalimentare dell’Unione europea. L’import ed export Ue ha raggiunto un valore totale di 34,9 miliardi di euro a maggio 2022, con un aumento dell’11% su base mensile e del 32% rispetto a maggio dello scorso anno. Ciò è stato in gran parte dovuto al continuo aumento dei prezzi delle materie prime. A renderlo noto è la Commissione europea nel rapporto mensile sul commercio agroalimentare che presenta un esame speciale della bilancia commerciale agroalimentare dell’UE dal 2000 ad oggi.

Le esportazioni sono state valutate a 19,4 miliardi di euro. Il dato riflette una crescita dell’8% su base mensile e del 21% rispetto a maggio 2021, con volumi più elevati di grano e mais, ma volumi inferiori di altre esportazioni di cereali. Le importazioni hanno raggiunto un valore di 15,6 miliardi di euro, in aumento del 15% rispetto ad aprile e del 48% in più rispetto a maggio dello scorso anno. Ciò è stato causato principalmente dal forte aumento dei volumi di importazione di mais e dai prezzi più elevati di caffè e noci.

I dati sulle esportazioni nel dettaglio

Le esportazioni verso il Medio Oriente e il Nord Africa sono rimaste stabili su base mensile, ma sono comunque aumentate del 44% rispetto a maggio 2021. Le esportazioni di cereali e preparati a base di cereali sono cresciute del 75% su base annua raggiungendo 919 milioni di euro. In particolare, le esportazioni di grano hanno registrato una forte crescita, aumentando del 35% rispetto a maggio 2021, con picchi del 625% in Marocco e del 208% in Tunisia.

Le esportazioni in Ucraina sono tornate ai livelli pre-invasione, crescendo del 27% mensilmente per raggiungere i 233 milioni di euro. Le esportazioni di ortaggi e carne suina in Ucraina hanno superato le cifre di maggio 2021 in termini sia di valore che di volume. I volumi delle esportazioni per questi sono aumentati rispettivamente del 102% e del 148%.

I dati sulle importazioni nel dettaglio

Le importazioni hanno raggiunto livelli record, crescendo del 15% da aprile a 15,6 miliardi di euro. Ciò segue un aumento sostanziale del 17% a marzo. Le importazioni dal Brasile sono aumentate del 41% su base mensile e dell’84% rispetto a maggio 2021 a causa dell’aumento dei prezzi e delle quantità. Gli aumenti maggiori sono stati registrati nei semi oleosi e nei cereali, che sono cresciuti mensilmente rispettivamente di 459 milioni di euro e 72 milioni di euro.

Le importazioni dall’Ucraina sono cresciute del 36% raggiungendo i 665 milioni di euro, con l’aumento maggiore registrato nelle importazioni di semi oleosi (+83%) e cereali (+67%). Questa crescita è stata principalmente guidata dalla quantità. Anche le importazioni di pollame e uova sono aumentate in modo significativo a maggio a un prezzo inferiore, con volumi in aumento del 106% e prezzo unitario all’importazione in calo del 4%.

Sviluppi gennaio-maggio

Le principali destinazioni di esportazione dei prodotti agroalimentari dell’Ue sono il Regno Unito, gli Stati Uniti e la Cina. Le esportazioni nel Regno Unito sono aumentate del 21% nei primi cinque mesi di quest’anno, rispetto al 2021. Un risultato in gran parte dovuto ai preparati a base di cereali (+334 milioni di euro o 22%), vino (+182 milioni di euro o 17%) e pollame carne (+176 milioni di euro o 48%).

Le esportazioni verso la Cina restano basse, a 5,7 miliardi di euro nel periodo gennaio-maggio. Si tratta di un calo del 29% rispetto allo scorso anno. Le esportazioni nell’Africa subsahariana sono aumentate del 15% per raggiungere un valore di 4,6 miliardi di euro. Sebbene ciò sia principalmente il risultato dell’aumento dei prezzi delle materie prime, è anche dovuto alla crescita delle quantità di esportazione di prodotti come olio di girasole (+972%), zucchero bianco (+65%) e mais (+56%).

Per quanto riguarda le importazioni, quelle da Brasile, Regno Unito e Cina sono aumentate di più rispetto allo scorso anno, crescendo rispettivamente del 51%, 40% e 69%. Le importazioni dalla Cina hanno raggiunto i 3,7 miliardi di euro, principalmente a causa di acidi grassi e cere e cibo per animali domestici. Le importazioni dall’Australia sono aumentate del 124% per raggiungere 1,9 miliardi di euro, con le principali importazioni di colza (1,4 miliardi di euro), lana e seta (97 milioni di euro) e vino (90 milioni di euro).

Categorie di prodotti specifiche

Nel periodo gennaio-maggio, il maggiore aumento delle esportazioni è stato registrato nei cereali. Il prodotto è cresciuto di 1,5 miliardi di euro, pari al 33% rispetto allo scorso anno. In forte crescita anche le esportazioni di preparati a base di cereali e prodotti molitori (+1,3 miliardi di euro o 18%) e prodotti lattiero-caseari (+1,1 miliardi di euro o 16%). Le esportazioni di burro sono aumentate sia in valore che in volume. Le esportazioni di latte in polvere (siero di latte, latte scremato in polvere e latte intero in polvere) sono cresciute in valore ma non in volume.

Guardando alle importazioni, il valore delle importazioni di caffè è cresciuto di 2 miliardi di euro nel periodo gennaio-maggio. Anche le importazioni di mais sono aumentate notevolmente, crescendo di 1,1 miliardi di euro. Le importazioni di caffè sono state principalmente guidate da un aumento dei prezzi, con volumi in crescita solo del 7%. Anche le importazioni di frutta e noci sono cresciute fortemente fino a raggiungere i 9,3 miliardi di euro, con un incremento dell’8%. L’aumento dei volumi di frutta a guscio proviene principalmente da Stati Uniti, Turchia e Vietnam.

Foto: fonte Pixabay