Home Attualità Mais, l’Unione Europea lo importerà dall’Ucraina. Giù la produzione Usa

Mais, l’Unione Europea lo importerà dall’Ucraina. Giù la produzione Usa

215
0
mais

L’Unione Europea compenserà il calo delle produzione di mais importandolo dall’Ucraina. A rivelarlo è il nuovo report rapporto WASDE (World Agricultural Supply and Demand) di settembre. Le importazioni dell’Ue sono previste in aumento di 2,5 milioni di tonnellate per l’anno commerciale 2021/22, rendendo così il vecchio continente il secondo importatore mondiale di mais nel 2021/22 con 18,5 milioni di tonnellate, dietro la Cina con 23 milioni di tonnellate.

Il commercio di mais negli Stati Uniti e nel mondo 2021/22

Aumentano di 2,4 milioni di tonnellate le stime di settembre del commercio di mais 2021/22. La produzione dovrebbe raggiungere il valore record di 193,8 milioni nonostante i prezzi a livello globale elevati che persistono dall’aprile 2022.

Cresce l’attività di esportazione di mais da parte dell’Ucraina, grazie all’accordo multilaterale recentemente firmato per fornire un passaggio sicuro per le navi ucraine cariche di grano attraverso i porti del Mar Nero, aumentate di 1,5 milioni di tonnellate (per un totale di 26 milioni). Per via della maggiore produzione dichiarata le esportazioni di mais sono previste in aumento per Pakistan e India.

Si prevede che gran parte dell’aumento delle esportazioni andrà all’Unione Europea per alleviare i problemi di approvvigionamento dovuti alle sfavorevoli condizioni di crescita. Le importazioni dell’UE sono previste in aumento di 2,5 milioni di tonnellate per l’anno commerciale 2021/22, rendendo l’Unione Europea il secondo importatore mondiale di mais nel 2021/22 con 18,5 milioni di tonnellate, dietro la Cina con 23 milioni di tonnellate. Il Brasile continua a importare quantità record di mais dal Paraguay per i suoi stati meridionali che hanno sofferto la siccità all’inizio di quest’anno e hanno bisogno di mais aggiuntivo per sostenere i vasti allevamenti. Per le importazioni di mais turche è previsto un aumento di 0,6 milioni di tonnellate.

La Turchia ha quasi raddoppiato le sue importazioni di mais per un totale di 3,4 milioni di tonnellate per il 2021/22. Questi incrementi sono parzialmente compensati da riduzioni di 0,6 milioni di tonnellate e 0,2 milioni di tonnellate delle importazioni rispettivamente per Vietnam e Perù. Le prospettive di esportazione di mais per l’anno commerciale internazionale degli Stati Uniti 2021/22 ottobre-settembre sono aumentate di 1 milioni di tonnellate (totale 63 milioni di tonnellate).

Il commercio dell’orzo

Per quanto riguarda il commercio dell’orzo questo mese sono state apportate alcune piccole revisioni per l’anno commerciale internazionale 2021/22. Le esportazioni mondiali risultano ridotte di 0,2 milioni di tonnellate e la Russia rappresenta la parte maggiore della riduzione, in calo di 0,2 milioni di tonnellate sulla base dei dati commerciali stimati. Sembra che la competitività di prezzo del grano russo sia in declino da tempo, a causa dell’attuale apprezzamento della valuta russa (rulo) e dei problemi logistici legati alle sanzioni che devono affrontare gli esportatori russi.

Si prevede un aumento delle importazioni di orzo per Giordania, Marocco e Brasile, sulla base dei dati commerciali ufficiali, in aumento di 0,1 milioni di tonnellate ciascuno. Diversi paesi hanno registrato piccoli cali nelle loro importazioni di orzo, tra cui Thailandia, Vietnam, Bielorussia e Regno Unito. Anche il commercio di sorgo per l’anno commerciale internazionale 2021/22 è previsto di 0,2 milioni di tonnellate in meno rispetto al mese scorso, con una serie di piccole revisioni per le importazioni di Etiopia, Brasile e Iraq, nonché per le esportazioni di Paraguay e Sudan. Le esportazioni di sorgo dagli Stati Uniti sono previste in calo di 0,2 milioni di tonnellate questo mese, in base al ritmo delle spedizioni.

Gli Stati Uniti guidano la produzione mondiale di grano grosso

La produzione globale di grano grezzo nel 2022/23 è prevista in calo di 5,9 milioni di tonnellate questo mese, guidata da una riduzione di oltre 11 milioni di tonnellate secondo le previsioni degli Stati Uniti, con le prospettive di produzione di mais in calo di 10,5 milioni di tonnellate e il sorgo di 0,9 milioni di tonnellate. La produzione mondiale di mais è prevista in calo di 7,0 milioni di tonnellate a 1.172,6 milioni, guidata da una riduzione per gli Stati Uniti. Anche la produzione di sorgo, avena e segale è prevista inferiore, mentre la produzione di orzo è in aumento. Contrariamente alle previsioni per gli Stati Uniti, la produzione estera di grano grezzo è prevista in aumento di 5,5 milioni di tonnellate questo mese. Gran parte dell’aumento è per il mais cinese e ucraino, russo e orzo australiano, e per il sorgo australiano. In parte compensano le riduzioni dell’Unione Europea e la produzione di mais serba.

Per la proiezione 2021/22, la produzione di grano grosso è aumentata di 1,5 milioni di tonnellate. Questo aumento è principalmente il risultato di maggiori revisioni della produzione di mais in Pakistan e India, che sono in parte compensate dalla riduzione del Messico, ma anche a causa di revisioni al rialzo minori per l’orzo australiano e l’avena canadese.

Gli Stati Uniti spingono verso il basso il commercio di mais nel mondo 2022/23

Il commercio mondiale di mais per l’anno 2022/23 è previsto in calo di 1,5 milioni di tonnellate a 184,7 milioni. Si riducono le esportazioni di mais statunitense di 2 milioni di tonnellate, fino a 59,5 milioni di tonnellate.

Per la campagna di commercializzazione locale di settembre-agosto, le esportazioni di mais degli Stati Uniti sono state ridotte di 100 milioni di stai per raggiungere 2.275 milioni. Attualmente gli Stati Uniti sono l’esportatore mondiale di mais meno competitivo in termini di prezzo, e le minori esportazioni di mais degli Stati Uniti presuppongono una riduzione delle spedizioni in Canada, con le importazioni di mais canadesi in calo di 1 milione di tonnellate questo mese. Si prevede inoltre che il Vietnam importerà 0,5 milioni di tonnellate di mais in meno, in base al ritmo attuale delle spedizioni che dovrebbe continuare nell’anno commerciale 2022/23.

La riduzione delle esportazioni di mais statunitensi è in parte compensata da un aumento di 0,5 milioni di tonnellate per l’Ucraina. Nonostante un aumento di 1,5 milioni di tonnellate del raccolto di mais ucraino, le esportazioni del paese sono aumentate di 0,5 milioni di tonnellate solo questo mese per raggiungere 13 milioni, esattamente la metà delle esportazioni previste per il 2021/22 del paese. Attualmente non si prevede che la maggiore produzione aumenterà le esportazioni ucraine come avrebbe fatto prima dell’invasione militare russa a causa della grande incertezza che circonda gli sviluppi che influiscono sulla capacità dell’Ucraina di esportare grano.