Home Attualità Guerra in Ucraina, è allarme sulla sicurezza alimentare globale

Guerra in Ucraina, è allarme sulla sicurezza alimentare globale

172
0

La guerra in Ucraina continua ad esacerbare la sicurezza alimentare globale, con prezzi elevati e volatili di energia, cibo e fertilizzanti, politiche commerciali restrittive e interruzioni della catena di approvvigionamento. A lanciare l’allarme in una nota congiunta sono il direttore generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) QU Dongyu, il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale (FMI) Kristalina Georgieva, il presidente del Gruppo Banca Mondiale (WBG) David Malpass, David Beasley del Programma Alimentare Mondiale (WFP) e Ngozi Okonjo-Iweala, del Commercio Mondiale Il Direttore Generale dell’Organizzazione (OMC).

Nonostante la tregua dei prezzi alimentari globali e la ripresa delle esportazioni di grano dal Mar Nero, il cibo rimane fuori dalla portata di molti a causa dei prezzi elevati e degli shock meteorologici, e si prevede che il numero di persone nel mondo che dovranno far fronte all’insicurezza alimentare continuerà ad aumentare. I mercati dei fertilizzanti rimangono volatili, soprattutto in Europa. Le scarse forniture di gas naturale e i prezzi elevati hanno causato nel vecchio continente l’interruzione delle attività di molti produttori di urea e ammoniaca. Ciò potrebbe ridurre l’uso dei fertilizzanti nella prossima stagione, prolungando e aggravando l’impatto della crisi.

L’impegno del Fondo monetario internazionale

Le misure di assistenza sociale annunciate o implementate in tutte le economie sono quadruplicate da 37 a 148 tra aprile e settembre 2022. Attraverso il Joint Coordination Centre, iniziativa del Global Crisis Response Group e della Black Sea Grain Initiative, oltre 3 milioni di tonnellate di grano e derrate alimentari sono già state esportate dall’Ucraina. Il sostegno finanziario internazionale ai paesi più vulnerabili sta aumentando grazie a varie iniziative. La Banca Mondiale sta implementando il suo programma da 30 miliardi di dollari per rispondere alla crisi della sicurezza alimentare. L’FMI ​​propone una nuova finestra di shock alimentare all’interno degli strumenti di prestito di emergenza.

Le raccomandazioni della FAO

La FAO ha proposto una serie di raccomandazioni politiche e lanciato mappe dettagliate della nutrizione del suolo a livello nazionale per aumentare l’efficienza nell’uso dei fertilizzanti.

1) Sostenere una produzione e un commercio efficienti. I governi di tutti i paesi devono riesaminare urgentemente il loro commercio agricolo e gli interventi di mercato come sussidi e restrizioni alle esportazioni. L’obiettivo dovrebbe essere quello di identificare e ridurre al minimo le distorsioni. Preservare il commercio aperto di prodotti alimentari, agricoltura ed energia può ridurre le distorsioni dei prezzi che diluiscono gli incentivi per una produzione efficiente.

2) Migliorare la trasparenza. I governi dovrebbero fornire i dati e le risorse necessari per supportare il sistema di informazione del mercato agricolo (AMIS). Il sistema migliora la trasparenza nei mercati alimentari monitorando i prezzi e la disponibilità delle principali colture alimentari. Inoltre la Global Alliance for Food Security (GAFS) sta armonizzando i sistemi di tracciamento esistenti per consentire ai governi di identificare le esigenze e canalizzare i finanziamenti per rispondere alla crisi.

3) Accelerare l’innovazione e la pianificazione congiunta. La ricerca e lo sviluppo agricolo è un settore cronicamente soggetto a scarsi investimenti, mentre ha uno dei più alti ritorni sulla spesa pubblica. L’innovazione è fondamentale per affrontare le sfide a lungo termine alla sicurezza alimentare poste dai cambiamenti climatici, dal degrado del suolo e degli ecosistemi, dai parassiti e dalle malattie transfrontaliere di piante e animali. Diffondere le migliori pratiche dalla FAO e sostenere il Consortium of International Agricultural Research Centers (OneCGIAR) sono azioni importanti per affrontare queste sfide.

4) Investire nella trasformazione dei sistemi alimentari. Rafforzare la resilienza dei sistemi alimentari ai rischi, inclusi i conflitti, gli eventi meteorologici estremi, gli shock economici e le malattie è fondamentale per una risposta a lungo termine. Per un efficiente sistema di approvvigionamento alimentare è importante affrontare i colli di bottiglia delle infrastrutture e dell’approvvigionamento di input (ad es. fertilizzanti e sementi). Un sostegno efficace e sostenibile ai piccoli agricoltori sarà basilare per garantire che facciano parte della soluzione e per localizzare le catene di approvvigionamento.

Il settore privato ha un ruolo fondamentale da svolgere. L’International Finance Corporation (IFC) istituirà una piattaforma globale per la sicurezza alimentare che fornirà capitale circolante e finanziamenti a lungo termine per le aziende agricole sostenibili. Una maggiore integrazione dei mercati può anche aiutare a evitare picchi di prezzo dei beni essenziali e favorire la diversificazione economica e la creazione di posti di lavoro.