Home Attualità Mercato agricolo Ue, proiezioni al ribasso: pesano siccità e guerra

Mercato agricolo Ue, proiezioni al ribasso: pesano siccità e guerra

200
0

Siccità e guerra russa in Ucraina riducono le proiezioni di crescita del Pil dell’area Euro. A rivelarlo l’edizione autunnale (2022) della relazione sulle prospettive di mercato a breve termine redatta dalla Commissione europea. Una dinamica che inciderà sul portafoglio di agricoltori e allevatori.

I mercati dei combustibili fossili rimarranno con prezzi alti e volatili. Gli aumenti marginali della produzione di greggio diventeranno sempre più difficili mentre la domanda si è ripresa dopo la pandemia di Covid. Anche i prezzi del gas naturale dell’Ue rimarranno elevati e volatili, soprattutto a causa delle incertezze nelle forniture russe, in attesa dell’attuazione della strategia RePowerEU per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili. Ciò potrebbe anche creare un’ulteriore pressione sui prezzi dell’elettricità, che rappresenta un input importante per gli agricoltori e per la filiera alimentare nel suo insieme.

Seminativi

La produzione di cereali utilizzabile è prevista a 270,9 milioni di tonnellate per il 2022/23, un calo del 5,1% rispetto alla media quinquennale e un calo del 7,8% su base annua. Ciò è in gran parte dovuto alle condizioni di siccità che hanno colpito in particolare il mais.

Lo scarso raccolto, combinato con gli alti prezzi dei cereali e un previsto calo della produzione di carne, dovrebbe ridurre l’uso di cereali per l’alimentazione del 2,3% su base annua. Il consumo alimentare è previsto in lieve aumento (+0,7%). Tuttavia, il commercio di cereali potrebbe crescere del 12,3% rispetto alla campagna precedente, comprensivo del +6,5% delle esportazioni e del +24,7% delle importazioni.

Nel 2022/23 è prevista una forte produzione di semi oleosi dell’Ue, soprattutto di colza. La produzione di zucchero dell’Ue per il 2022/23 è prevista a 15,5 milioni di tonnellate, il 5,8% in meno rispetto alla media quinquennale poiché sia ​​la superficie coltivata a barbabietola che le rese sono state ridotte. Anche il consumo di zucchero dovrebbe diminuire a causa dell’aumento dei prezzi.

Latte e derivati

Il clima caldo e secco durante l’estate ha peggiorato la disponibilità e la qualità dell’erba, oltre a minori rese delle principali colture utilizzate per l’alimentazione. Molti allevatori hanno già consumato parte del mangime invernale in estate, il che ha comportato una minore crescita della resa (0,4%) e un’ulteriore riduzione della mandria (-0,9%). Anche il contenuto di latte (sia grassi che proteine) potrebbe essere influenzato negativamente, peggiorando ulteriormente le prospettive di lavorazione del latte.

Tra tutti i prodotti lattiero-caseari solo la produzione di panna dell’Ue potrebbe crescere, assorbendo gran parte della disponibilità di grassi. La previsione di costi di lavorazione ancora più elevati per l’essiccazione del latte in polvere potrebbe probabilmente coprire alcune attuali carenze di burro, ma si prevede che la produzione diminuirà. La produzione di formaggio potrebbe tornare ad essere un’opzione privilegiata, spinta dai prezzi elevati, mentre le esportazioni e l’uso domestico rimangono stabili.

La competitività del latte in polvere risente dei prezzi elevati, che ostacolano le esportazioni e quindi impediscono la crescita della produzione, nonostante la crescita positiva del siero di latte e l’uso domestico di latte scremato in polvere.

L’inizio del 2023 potrebbe rimanere una sfida per gli agricoltori. Ipotizzando condizioni meteorologiche normali, si prevede che la crescita della resa potrebbe essere leggermente superiore (0,6%) e potrebbe compensare un’ulteriore riduzione della mandria da latte (-0,8%). Di conseguenza, la raccolta del latte potrebbe diminuire leggermente dello 0,2%.

Prodotti a base di carne

La produzione di carne bovina dovrebbe diminuire dello 0,6% nel 2022, principalmente a causa di un aggiustamento strutturale nel settore. Le esportazioni dovrebbero scenderedell’1% a causa dei prezzi interni record e nonostante le buone prospettive di esportazione verso alcuni mercati esistenti di alto valore. Le importazioni dell’Ue dal Regno Unito e dal Brasile sono in aumento.

I costi elevati dei mangimi e la peste suina africana (Psa) continuano a limitare la crescita della produzione di carne suina. Mentre la Cina sta riprendendo i livelli di importazione pre-Psa, alcune esportazioni di carne suina dell’Ue stanno trovando la loro strada verso il Regno Unito e altre destinazioni oltreoceano. Questo nonostante gli alti prezzi della carne suina.

La crescita della produzione di pollame continua a essere limitata dagli elevati prezzi dei fattori di produzione, in particolare mangimi ed energia, e dall’influenza aviaria altamente patogena. Inoltre i prezzi molto alti del pollame significano esportazioni relativamente meno competitive. La sospensione dei dazi sui prodotti provenienti dall’Ucraina favorisce invece l’importazione di carne avicola.

Nonostante il gregge ovino e caprino dell’Ue sia storicamente basso, le macellazioni non dovrebbero diminuire nel 2022. Tuttavia, esistono grandi differenze tra le diverse nazioni. Le importazioni dovrebbero crescere nel 2022 del 10% e di un altro 4% l’anno prossimo, ancora al di sotto dei livelli pre-Covid, portando a prezzi interni sostenuti. Il commercio dovrebbe crescere ulteriormente nel 2023.

Colture specializzate

La produzione di olio d’oliva dell’Ue dovrebbe diminuire del 25% nel 2022/23, con un calo osservato in quasi tutti i principali paesi produttori ad eccezione della Grecia. In una certa misura, è probabile che la minore disponibilità sia coperta da un aumento delle importazioni, mentre le esportazioni potrebbero diminuire, soprattutto quelle verso mercati più sensibili ai prezzi. La minore disponibilità nei principali paesi produttori e la continua pressione sui prezzi al consumo potrebbero portare a un calo dei consumi nell’Unione europea (-9%).

Al contrario la produzione di vino nel 2022/23 dovrebbe aumentare (+1,5% su base annua). I dati di produzione finale saranno determinati dallo stress idrico e termico che influiranno sia sulla quantità che sulla qualità dell’uva e porteranno potenzialmente a una vendemmia anticipata. Il consumo dell’Ue potrebbe riprendere la sua tendenza storicamente decrescente da 23 litri a 22,6 litri pro capite dopo due anni di difficoltà a causa del Covid.

Il consumo di mele fresche dovrebbe scendere a 12 kg pro capite per il 2022/23 principalmente a causa dell’aumento della pressione inflazionistica e di una generale riduzione del consumo di frutta fresca. L’aumento dei prezzi dell’elettricità, l’elevata produzione in Polonia e la prevista minore qualità dovrebbero aumentare la quota di produzione di mele utilizzabile destinata alla trasformazione.

La produzione di arance dell’Ue dovrebbe diminuire nel 2022/23 a uno dei livelli più bassi dal 2015/16 a causa delle condizioni meteorologiche avverse, in particolare in Spagna. Nonostante la bassa produzione di arance e i prezzi più alti previsti, la quantità per il consumo fresco potrebbe diminuire a un ritmo inferiore rispetto a quella per la trasformazione.