Home Attualità Cereali: cresce la produzione a dicembre ma le scorte si restringono

Cereali: cresce la produzione a dicembre ma le scorte si restringono

707
0

Migliorano le previsioni per la produzione mondiale di cereali nel 2022/23 che a dicembre sono aumentate di 1 milione di tonnellate rispetto al mese precedente. Tuttavia la produzione rimane inferiore dell’1% su base annua a 2.256 milioni di tonnellate. In questo quadro la previsione per gli stock di riporto globali è ridotta di 3 milioni di tonnellate a 577 milioni, il valore più basso negli ultimi otto anni. A renderlo noto è l’International Grains Council.

Meno cereali e meno soia

Con un piccolo cambiamento ipotizzato nella superficie coltivata a grano del 2023/24, i raccolti potrebbero limitare la produzione a 788 milioni di tonnellate, in calo dell’1% su base annua. La domanda di cibo tornerà probabilmente in crescita, ma si prevede che il consumo totale aumenterà di un 1% più lento rispetto alla media. Le scorte mondiali si restringeranno.

La produzione mondiale di soia è prevista in calo di 3 milioni di tonnellate rispetto al passato, con un picco di 385 milioni (+8%). Con la riduzione degli approvvigionamenti sostanzialmente accompagnata da un minor numero di consumi, le scorte aggregate di fine stagione sono invariate rispetto a novembre. Il commercio è leggermente aumentato rispetto a prima, a 168 milioni di tonnellate (+8%).

Ci sono pochi cambiamenti nelle prospettive del Consiglio per l’offerta e la domanda mondiale di riso nel 2022/23, con un calo dell’uso locale e una riduzione delle scorte. Tuttavia le aspettative al rialzo per i principali importatori, tra cui Cina e Indonesia, aumentano la proiezione per il commercio nel 2023 (gennaio/dicembre) di oltre 1 milione di tonnellate, a 51 milioni (-5%). Per quanto riguarda gli esportatori le prospettive per le spedizioni da India e Thailandia sono più alte rispetto a prima.

Con tendenze contrastanti tra i componenti principali, l’IGC Grains and Oilseeds Index (GOI) è sceso dell’1% dall’ultimo rapporto.

Le previsioni nel dettaglio

La produzione aggregata di cereali è stata di 2.256 milioni di tonnellate nel 2022/23, in calo di 33 milioni rispetto al picco della stagione precedente. La contrazione riflette principalmente un raccolto inferiore di mais con raccolti molto ridotti negli Stati Uniti, in Ucraina e nell’Unione europea.

Al contrario la produzione di grano ha segnato un nuovo record e si è registrata una ripresa anche per la produzione di orzo e avena. Nonostante un insolito calo dei consumi, ancorato all’1% in meno su base annua, una diminuzione dell’offerta relativamente più marcata si tradurrà in un’ulteriore contrazione delle scorte globali. Le scorte di fine stagione sono in calo di 19 milioni di tonnellate e il rapporto tra scorte e consumo del 25,3% è al minimo dal 2012/13. Includendo le spedizioni più piccole di mais, frumento, orzo e sorgo, si prevede che il commercio di cereali diminuirà di 17 milioni di tonnellate.

La produzione globale di soia nel 2022/23 dovrebbe aumentare di quasi 30 milioni di tonnellate annue. Si tratta di un nuovo massimo, principalmente grazie a un considerevole raccolto brasiliano, con modesti incrementi anche altrove. Previsto un utilizzo record, mentre è probabile che le scorte si riprendano, anche se le riserve dei principali esportatori rimangono limitate. Il commercio aumenterà dell’8% su base annua a causa di un maggiore interesse all’acquisto per le presunte disponibilità dell’emisfero meridionale a prezzi competitivi.

La produzione mondiale di riso dovrebbe diminuire di 12 milioni di tonnellate su base annua. Sullo sfondo di scorte più scarse, l’assorbimento di cibo è destinato a diminuire, mentre è previsto un marcato restringimento delle scorte in Cina e nei principali esportatori. Anche se si prevede una contrazione del commercio, i volumi nel 2023 dovrebbero ancora superare i 50 milioni di tonnellate, con le esportazioni indiane ben al di sopra della media recente.

Infine si prevede che la produzione mondiale di piselli secchi nel 2022/23 aumenterà dell’11% su base annua, principalmente grazie agli aumenti in Canada e Russia. In crescita anche l’utilizzo del prodotto e le sue scorte. Aumenterà il commercio, con le esportazioni canadesi potenzialmente su di circa un quarto su base annua. Il commercio mondiale di tutte le varietà di legumi nel 2023 (gennaio/dicembre) è previsto a 17,7 milioni di tonnellate (+3%).

Foto: fonte Pixabay