Home Attualità Commercio sostanze pericolose, i produttori sostengono lo sforzo legislativo europeo

Commercio sostanze pericolose, i produttori sostengono lo sforzo legislativo europeo

466
0

Le principali associazioni europee che rappresentano il commercio europeo di cereali e semi oleosi, l’industria di lavorazione dei semi oleosi, la raffinazione degli oli vegetali e il settore degli alimenti per animali, COCERAL, FEDIOL e FEFAC, sostengono lo sforzo del Parlamento Europeo per un maggiore allineamento delle norme sulla due diligence in materia di Commercio di sostanze e prodotti chimici pericolosi (CSDDD) ai principi e alle linee guida dell’ONU e dell’OCSE. Tuttavia, evidenziano queste organizzazioni in un comunicato congiunto ufficiale, alcuni elementi potrebbero essere dannosi per il commercio e le catene di approvvigionamento senza rappresentare un valore aggiunto nel contrastare gli impatti negativi sui diritti umani e sull’ambiente.

L’approccio basato sul rischio rafforzato e l’introduzione della prioritizzazione degli impatti sfavorevoli in base alla gravità e alla probabilità sono essenziali, secondo questi operatori, per garantire che gli sforzi delle aziende siano mirati dove sono più necessari e possano avere il maggior impatto. L’approccio basato sul rischio “è anche più in linea con i quadri internazionali esistenti sulle linee guida sulla due diligence, che si basano sulle migliori pratiche”. Secondo queste organizzazioni, le disposizioni sulla responsabilità civile offrono maggiore certezza giuridica alle aziende e una giustizia legale limitandola alle situazioni in cui un’azienda ha “causato” o “contribuito a un danno”.

COCERAL, FEDIOL e FEFAC chiedono al Parlamento Europeo e al Consiglio di lavorare per un testo finale che sia coerente con un approccio basato sul rischio, che potenzi l’armonizzazione per garantire condizioni di parità e evitare ulteriori frammentazioni del mercato interno e che basi le disposizioni sulla responsabilità civile sulle tradizioni giuridiche relative alla causalità delle violazioni.