Home Economia Cereali, per report IGC di giugno nuovi record previsionali al rialzo

Cereali, per report IGC di giugno nuovi record previsionali al rialzo

309
0

La produzione mondiale di cereali (grano e cereali grossolani) per il 2022/23 è stata rivista, alla fine di maggio, al rialzo di 2 milioni di tonnellate, raggiungendo quota 2.254 milioni di tonnellate, grazie a una stima aggiornata per il mais brasiliano. Incorporando una maggiore quantità di cereali iniziale e mantenendo invariata la stima del consumo, le scorte di fine stagione (somma dei rispettivi anni di commercializzazione locali) sono aumentate di 5 milioni di tonnellate, raggiungendo 589 milioni di tonnellate. Grazie a flussi di frumento più ampi, le prospettive commerciali sono migliorate di 2 milioni di tonnellate, arrivando a 411 milioni di tonnellate.

Lo riporta un report dell’International Grain Council (IGC), che indica che la previsione al rialzo del mais compensa gli abbassamenti per grano e orzo; la produzione di cereali totali è ora stimata al massimo storico, con un aumento di 3 milioni di tonnellate, a quota 2.294 milioni di tonnellate. Nonostante un quadro di offerta più ampio, le previsioni per le scorte di fine stagione sono leggermente più strette, a 580 milioni di tonnellate, a causa di un aumento relativamente più significativo del consumo, previsto in crescita di 9 milioni di tonnellate rispetto al mese precedente, a 2.302 milioni di tonnellate. Il commercio totale è previsto in aumento di 1 milione di tonnellate rispetto al precedente.

In linea con una riduzione ulteriore delle prospettive in Argentina, la previsione dell’uso globale di soia nel 2022/23 viene ridotta di 2 milioni di tonnellate rispetto al mese precedente a 364 milioni di tonnellate (-2), con scorte leggermente rivedute al rialzo a 50 milioni di tonnellate (+5).

Non ci sono molti cambiamenti nelle aspettative per l’offerta e la domanda di riso, con le riserve globali leggermente ridotte rispetto al mese precedente, a 171 milioni di tonnellate (-7), con conseguente riduzione delle scorte di chiusura nel 2023/24, stimate a 173 milioni di tonnellate (+2). Il commercio nel 2024 è previsto invariato, con una proiezione di 54 milioni di tonnellate, leggermente più alto rispetto all’anno precedente.

Principalmente a causa dei prezzi di esportazione più bassi per le colture di cereali, ma con anche una diminuzione per grano e orzo, l’Indice dei cereali e degli oli vegetali (GOI) del IGC è diminuito ulteriormente del 7% rispetto al mese precedente. La produzione totale di cereali (grano e cereali grossolani) è diminuita del 2% nel 2022/23, raggiungendo 2.254 milioni di tonnellate, principalmente a causa di una produzione di mais inferiore, segnando la prima riduzione anno su anno in cinque stagioni. Il consumo totale è previsto diminuire dell’1%, principalmente a causa di un utilizzo meno intenso per l’alimentazione animale, con scorte finali che si prevede diminuiranno ulteriormente del 2%, trainate da cali nel mais. Con 411 milioni di tonnellate, il commercio totale è previsto leggermente superiore alla media, ma in calo del 3% anno su anno.

La produzione mondiale di cereali è prevista aumentare a un record di 2.294 milioni di tonnellate nel 2023/24. In un’inversione ampia delle tendenze della stagione precedente, ci si aspetta che le colture di mais e sorgo siano più ampie, mentre i raccolti di grano e orzo potrebbero diminuire. In seguito a un aumento nell’uso per l’alimentazione animale, l’alimentazione umana e i settori industriali, il consumo totale è previsto raggiungere 2.302 milioni di tonnellate (+2%), portando a una riduzione ulteriore delle scorte di fine stagione a 580 milioni di tonnellate (-1%), potenzialmente il livello più basso degli ultimi nove anni. Limitato da minori spedizioni di grano, il commercio è previsto diminuire nuovamente a 408 milioni di tonnellate. La produzione mondiale di soia nel 2022/23 viene stimata a 369 milioni di tonnellate (+4%) grazie a un raccolto brasiliano record che compensa le diminuzioni altrove. Con un leggero calo dell’assorbimento previsto, le scorte sono destinate ad aumentare. La domanda di importazione mondiale dovrebbe espandersi grazie alle spedizioni in Argentina e in Asia.

La produzione mondiale di riso è stimata essere diminuita dell’1% anno su anno nel 2022/23. Nonostante un modesto calo dell’uso, si prevede che le scorte diminuiscano di 7 milioni di tonnellate anno su anno, inclusi stock di esportatori più ridotti. Legato a una domanda più debole da parte dei paesi importatori in Asia soprattutto, il commercio nel 2023 è previsto in calo del 5% anno su anno, a 53 milioni di tonnellate. In seguito alle previsioni di un aumento dell’area coltivata e dei rendimenti migliorati, la produzione è stimata riprendersi solidamente nel 2023/24, raggiungendo quota 521 milioni di tonnellate (+2%), con previsioni di modesti aumenti per l’assorbimento e le scorte. Il commercio potrebbe riprendersi nel 2024 grazie agli acquisti africani.