Home Senza categoria EU AgriResearch Conference, ricerca e innovazione promossi dall’Europa

EU AgriResearch Conference, ricerca e innovazione promossi dall’Europa

654
0

Dal 31 maggio al 3 giugno a Bruxelles la conferenza 2023 EU AgriResearch Conference ha dato utili orientamenti e riflessioni sugli investimenti futuri prioritari di ricerca e innovazione necessari a sostenere l’agricoltura, la silvicoltura e le aree rurali.

Il settore agricolo dell’UE sta evolvendo in un contesto in continuo cambiamento, mettendo alla prova la sua resilienza e adattabilità. Solo un settore agricolo competitivo e socialmente sostenibile sarà in grado di raggiungere con successo i propri obiettivi ambientali e fronteggiare il cambiamento climatico che influenza l’agricoltura e i sistemi alimentari, che devono adattarsi a eventi estremi e ricorrenti. L’evoluzione tecnologica e digitale, supportata da un solido piano di ricerca e innovazione, apre nuovi orizzonti. Le transizioni richiedono soluzioni locali che tengano conto di ogni situazione regionale e nazionale. In questo contesto, la ricerca e l’innovazione sono di importanza fondamentale per sviluppare, diffondere e condividere conoscenze, competenze, innovazioni tecnologiche e sociali, politiche e modelli di governance.

Sin dal suo lancio nel 2016 la Conferenza UE AgriResearch, ricordano gli organizzatori in un comunicato stampa, è stata fondamentale per progettare l’approccio strategico a lungo termine alla ricerca e all’innovazione agricola dell’UE. Per garantire il massimo beneficio agli attori sul campo, la Commissione europea si assicura che la ricerca e l’innovazione siano ora sviluppate non solo per gli agricoltori, i silvicoltori e le comunità rurali, ma anche insieme a loro fin dall’inizio. L’UE ha destinato 1 miliardo di euro per finanziare 180 progetti per l’agricoltura, la silvicoltura e lo sviluppo rurale nei sette anni di Horizon 2020 (2014-2020).

Horizon Europe

L’agricoltura, la silvicoltura e le aree rurali beneficiano di un finanziamento senza precedenti dell’UE per la ricerca e l’innovazione nel periodo di programmazione attuale. Attraverso Horizon Europe, sono destinati 9 miliardi di euro alla ricerca e all’innovazione tra il 2021 e il 2027 attività che contribuiranno agli obiettivi del Green Deal europeo e della Politica agricola comune (PAC), la strategia Farm to Fork, oltre alla visione a lungo termine per le aree rurali, la strategia sul suolo e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile solo per citarne alcuni.

La Politica agricola comune

I fondi della Politica agricola comune (PAC) integrano il finanziamento e l’azione di Horizon Europe per garantire che la ricerca e l’innovazione siano recepite dagli agricoltori, dai silvicoltori e dalle comunità rurali. Le azioni finanziate dalla PAC nell’ambito del Partenariato europeo per l’innovazione agricola (EIP-AGRI) contribuiscono a creare un collegamento tra l’innovazione e gli utenti finali. L’EIP-AGRI mette in contatto agricoltori, silvicoltori, consulenti, ricercatori, rappresentanti delle imprese, gruppi ambientalisti, ONG, gruppi di interesse dei consumatori e altri innovatori in gruppi operativi. Nella PAC attuale, i paesi dell’UE hanno pianificato di sostenere la creazione di 6.600 gruppi e quasi 2,1 miliardi di euro provenienti dall’EAFRD (Fondo agricolo europeo per lo sviluppo rurale), destinati a facilitare la conoscenza, lo scambio di informazioni e la partecipazione. Sei milioni di partecipanti beneficeranno di consulenza, formazione, scambio di conoscenze/partecipazione a progetti di innovazione nell’ambito del partenariato europeo per l’innovazione. Più di 200.000 consulenti indipendenti saranno supportati nel loro lavoro di trasferimento delle conoscenze e aumento dell’innovazione tra gli agricoltori.