Home Attualità Produzione agricola USA, aumentano le stime per le scorte

Produzione agricola USA, aumentano le stime per le scorte

356
0

Nel suo rapporto di giugno sulle previsioni mondiali di domanda e offerta agricola (WASDE) il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha leggermente aumentato le stime per le scorte interne di grano, mais e soia per il periodo 2023-2024.

Un aumento di 6 milioni di bushel nella previsione di produzione del grano 2023, stimata a 1,136 miliardi di bushel, con un aumento corrispondente anche alle scorte, previste a 562 milioni di bushel. Non sono state apportate modifiche alle previsioni di utilizzo interno o di esportazioni di grano per il periodo 2023-2024 e il prezzo medio del grano pagato agli agricoltori è stato stimato a 7,40 dollari per bushel, in calo di 30 centesimi rispetto a maggio e del 13% rispetto al 2022-2023.

L’aumento della produzione di grano è il risultato di un aumento del 2% rispetto a maggio nella previsione di produzione di grano duro rosso invernale, stimata a 525 milioni di bushel, aumento principalmente dovuto alle precipitazioni benefiche avvenute nel sud arido delle Grandi Pianure verso la fine della stagione di crescita, nonostante le colture sottoparagrafo in Oklahoma e nel Kansas, il principale produttore. Le stime di produzione sono state riviste al rialzo rispetto a maggio per Colorado, Oklahoma e Texas, ma sono rimaste invariate per Kansas, Nebraska, Dakota del Sud e Montana. Nel suo rapporto settimanale sulla crescita delle colture, il USDA riferisce che all’11 giugno il grano invernale era stato raccolto per l’1% in Kansas, il 26% in Oklahoma e il 46% in Texas. Le mietitrebbie si sposteranno rapidamente verso nord a causa delle rese inferiori in Oklahoma e Kansas, anche se le piogge hanno causato alcuni ritardi sporadici in Oklahoma.

Le scorte di mais al 1 settembre 2023 sono state stimate a 1,452 miliardi di bushel, in aumento di 35 milioni di bushel rispetto a maggio sulla base delle previsioni di esportazioni per il 2022-2023 (1,725 miliardi di bushel, in calo di 50 milioni), parzialmente compensate da una diminuzione di 15 milioni di bushel delle importazioni (25 milioni di bushel). Le scorte di mais al 1 settembre 2024 sono state stimate a 2,257 miliardi di bushel, in aumento di 35 milioni di bushel rispetto a maggio. Il prezzo medio del mais è rimasto invariato rispetto a maggio, a 4,80 dollari per bushel, in calo del 27% rispetto al 2022-2023. Le scorte di soia sono state stimate a 230 milioni di bushel, in aumento di 15 milioni rispetto a maggio, con scorte stimate a 350 milioni di bushel, in aumento, e un prezzo medio invariato rispetto a maggio, a 12,10 dollari per bushel, in calo del 15% rispetto all’anno corrente.

Diverse previsioni di meteorologi e analisti indicano in generale un aumento delle scorte di cereali e oleaginose, grazie a una maggiore superficie coltivata e alle condizioni climatiche favorevoli durante la maggior parte della stagione di crescita in Nord America, con l’area principale di preoccupazione in Asia a causa dell’eventuale impatto di El Niño, che tende a portare condizioni di siccità. La siccità di giugno – che si è riflessa nelle ultime valutazioni delle colture di mais e soia dell’USDA – in Nord America dovrebbe lasciare spazio a condizioni di umidità migliorate a luglio. Il mais nei 18 principali stati produttori è stato valutato al 61% buono o eccellente all’11 giugno, in calo rispetto al 64% della settimana precedente e al 72% dello stesso periodo dell’anno scorso. La soia negli stessi 18 stati è stata valutata al 59% buona o eccellente alla data dell’11 giugno, in calo rispetto al 62% della settimana precedente e al 70% dello stesso periodo dell’anno scorso.

I dati sul grano degli Stati Uniti saranno più completi a luglio, quando l’USDA pubblicherà le prime stime basate su indagini sul grano duro e su altre varietà di grano primaverile, mentre le prime stime basate su indagini di mais e soia saranno pubblicate ad agosto.