Home Economia Mangimistica, negli Usa è motore di crescita economica locale e nazionale

Mangimistica, negli Usa è motore di crescita economica locale e nazionale

273
0
mangimi

Negli Stati Uniti, ogni giorno, circa 5.650 strutture di produzione di alimenti per animali producono mangimi per il bestiame, pollame, acquacoltura e cibo per animali domestici, milioni di tonnellate di prodotto per un’alimentazione animale sicura e adeguata. Diversi studi dell’American Feed Industry Association (AFIA) dimostrano che queste strutture stimolano la crescita economica americana, locale e nazionale.

“Abbiamo sempre detto che la produzione di alimenti per animali si trova all’incrocio tra l’agricoltura vegetale e quella animale, unendo coltivatori di colture e produttori di animali. Ora vediamo che questo incrocio è effettivamente la principale arteria della città, che genera valore economico in comunità rurali e urbane”, ha dichiarato Constance Cullman, presidente e amministratore delegato dell’AFIA. L’industria alimentare animale negli Stati Uniti svolge un ruolo essenziale non solo nell’assicurare una nutrizione adeguata agli animali, ma anche nel sostenere l’economia nazionale e locale, creando posti di lavoro e contribuendo alle entrate fiscali.

Lo studio sul contributo economico, condotto da Decision Innovation Solutions (DIS), azienda di ricerca e analisi economica, stima che nel 2023 l’intera industria alimentare animale considerando gli effetti indiretti e indotti genererà 267,1 miliardi di dollari di vendite, cifra che include un valore aggiunto stimato di 98,4 miliardi (cioè reddito da lavoro, tasse sulla produzione e importazioni e altri redditi da proprietà). L’industria impiegherà circa 760.000 dipendenti a tempo pieno e parziale e a contratto, pagando 55 miliardi di dollari in stipendi e benefici per i dipendenti entro la fine dell’anno. A livello locale, statale e nazionale, l’industria verserà 18,5 miliardi di dollari in tasse solo nell’anno 2023.

Il rapporto rivela che i cinque stati principali per le vendite di mangimi e cibo per animali domestici quest’anno saranno la California, con un valore stimato di 19,5 miliardi di dollari, il Missouri, con 18,6 miliardi e il Texas, con 17,1 miliardi di dollari, seguiti da Iowa e Kansas, con poco più di 16 miliardi di dollari ciascuno. Gli stati con il maggior numero di mulini per mangimi sono il Texas (647), l’Iowa (376), il Minnesota (347), il Wisconsin (263) e la Pennsylvania (258), mentre gli stati con il maggior numero di strutture di produzione di cibo per animali domestici sono la Pennsylvania (59), il Michigan (33), il Wisconsin (28), il Nebraska (27) e Washington (26). Il Missouri impiega il maggior numero di dipendenti nell’industria alimentare animale, con oltre 54.350 persone, seguito da California, Texas, Iowa e Pennsylvania.

Oltre all’acquisto di colture coltivate in fattoria e di altri input necessari per la produzione di mangimi e cibo per animali domestici, l’industria genera attività economica lungo tutta la catena di approvvigionamento attraverso l’utilizzo di servizi e aziende correlate, tra cui servizi di trasporto su strada e su rotaia, istituti finanziari, pubblicità e altro ancora.