Home Attualità Sviluppo delle zone rurali dell’UE: i fondi arrivano dalla PAC (ma non...

Sviluppo delle zone rurali dell’UE: i fondi arrivano dalla PAC (ma non vanno all’agricoltura)

301
0
fonte pixabay

La Politica Agricola Comune (PAC) dell’Unione Europea offre numerose opportunità per sostenere le aree rurali, opportunità creative che vanno oltre le classiche attività agricole. Una parte significativa dei finanziamenti PAC corrispondente a circa 25 miliardi di euro (8% delle allocazioni totali della PAC dal 2023 al 2027) contribuirà infatti direttamente allo sviluppo delle aree rurali e delle comunità.

Sono solo alcune delle conclusioni di uno studio pubblicato a metà settembre dalla Commissione Europea relativo all’apporto dei Piani Strategici della PAC agli obiettivi della visione a lungo termine per le zone rurali dell’Unione Europea, che coprono l’83% del territorio e ospitano il 30% della popolazione. Nel 2021 la Commissione Europea ha presentato la sua visione a lungo termine per le aree rurali dell’UE identificando le sfide, le preoccupazioni e le opportunità a loro disposizione. Si tratta di una visione che si basa sull’implementazione dei Piani Strategici della PAC e dei Programmi Operativi nell’ambito del CPR, affiancati da due pilastri complementari: il Piano d’Azione Rurale e il Patto Rurale. Il primo presenta quattro aree di intervento per promuovere aree rurali più forti, connesse, resilienti e prosperose, mentre il secondo è un quadro di cooperazione tra autorità e stakeholder disposti a agire per lo sviluppo rurale a livello europeo, nazionale, regionale e locale.

Il quadro della PAC offre numerose opportunità per sostenere le aree rurali in modi creativi al di là delle attività agricole. Diversi Stati membri approfittano di queste opportunità per sostenere servizi sociali, parchi naturali, produzione di energia rinnovabile, sistemi di mobilità rurale o la creazione di nuove imprese rurali. La maggior parte dei paesi si concentra su un numero limitato di interventi per fornire questo supporto, con un’enfasi sulla cooperazione, finanziata fino a quasi 9 miliardi di euro, investimenti per circa 15 miliardi di euro e aiuti all’installazione per nuove imprese rurali del valore di circa 63 milioni di euro. Il sostegno allo sviluppo della conoscenza e della formazione è una caratteristica regolare.

L’azione di cooperazione più rilevante, denominata LEADER, che riceverà 7,7 miliardi di euro in 5 anni, è un approccio “dal basso verso l’alto” in cui imprese rurali, organizzazioni locali, autorità pubbliche e individui di settori diversi si uniscono per formare gruppi d’azione locali. La PAC è l’unica politica dell’UE che assegna finanziamenti a LEADER con una quota minima del 5% del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR), a volte aumentata al 15% in alcuni paesi dell’UE. Le azioni supportate da LEADER dipenderanno dalla selezione in corso delle strategie di sviluppo locale proposte dai 2.600 gruppi d’azione locali previsti.

Diciannove Stati membri hanno adottato nei loro Piani Strategici della PAC il nuovo concetto di smart villages sviluppato dal 2017 e inserito per la prima volta nel quadro della PAC per il periodo 2023-2027. Sostenuti principalmente nell’ambito di LEADER e altre forme di cooperazione, gli smart villages saranno uno strumento chiave per sostenere l’innovazione rurale centrata sull’utente e la digitalizzazione.

I Piani Strategici della PAC sono utilizzati anche per aumentare la resilienza ai cambiamenti climatici. Ad esempio undici Stati membri supporteranno investimenti nella produzione di energia rinnovabile attraverso pannelli solari. Lo studio ha anche considerato il sostegno all’agricoltura dove è più rilevante per gli obiettivi della visione rurale. Ciò include, ad esempio, il sostegno alla green economy nell’agricoltura e nella silvicoltura, o il mantenimento delle attività nelle aree che affrontano vincoli naturali, importanti per le aree rurali resilienti, o il sostegno al rinnovamento generazionale e alla diversificazione del reddito nelle aree rurali prosperose.

Dieci Stati membri utilizzeranno il sostegno della PAC per promuovere l’inclusione sociale attraverso interventi volti a coinvolgere persone con disabilità e altre persone a rischio di povertà ed esclusione sociale.

Lo studio conclude che la PAC permette di sostenere una vasta gamma di obiettivi, ma che diversi bisogni sembrano essere affrontati in misura limitata nei Piani Strategici della PAC, in particolare per quanto riguarda i servizi sociali e le infrastrutture, la banda larga, la mobilità, l’energia o il supporto alla conoscenza, all’innovazione e allo sviluppo di imprese in settori diversi da agricoltura e silvicoltura. Gli Stati membri hanno dichiarato nei loro Piani Strategici della PAC che utilizzeranno altri fondi per affrontare alcuni di questi bisogni, in particolare il Fondo per la Resilienza e la Ripresa (27 Stati membri), i fondi della politica di coesione (22 Stati membri) e altri programmi come Horizon Europe e LIFE per azioni mirate.